11 caratteristiche delle donne destinate ad amori sbagliati

amori-sbagliati

“L’amore soddisfatto è un piacevole passatempo. L’amore infelice è un dente guasto del cuore. Gioachino Rossini”

Ci sono amori che diventano tossici per diversi motivi; sono chiaramente dannosi, ma spesso, non si riesce a eliminarli o a farne a meno. A cadere in determinate dinamiche comportamentali sono fondamentalmente le donne. Perchè?

Quel bisogno disperato di amare ed essere amate

Noi donne non siamo perfette; di errori ne facciamo! Anche quello di ricevere conferme del nostro valore attraverso un amore “qualsiasi”, perdendo tempo, energia e attenzione dietro a uomini sbagliati.

Il “lui” in questione non esiste (è una pura invenzione di una fantasia bisognosa di amore e di romanticismo) ma per questo uomo “fantasma” ci disperiamo, rimuginiamo, meditiamo e rimediamo strategie di seduzione e di attrazione. Ci aspettiamo un amore che in effetti non c’è.

11 caratteristiche delle donne destinate ad amori sbagliati

Ci sono una serie di dinamiche che spingono molte donne verso la relazione con un uomo sbagliato, e sono motivi dei quali probabilmente finora non si è consapevoli. Per fortuna, è una consapevolezza che si può acquisire con il giusto approccio verso se stessi. Solo così si potrà evitare altre storie con uomini sbagliati.

“Perché le storie con uomini sbagliati ci logorano e alla lunga ci fanno perdere entusiasmo per la vita”

Viviamo benissimo anche senza di lui, soprattutto se è la persona non adatta ma non vogliamo ammetterlo. Ed ecco le classiche frasi: “Non posso vivere senza di lui” “Voglio lui” “Senza di lui sto male“.

Il pensiero che noi stesse creiamo ha un effetto potente su di noi e se ci ripetiamo frasi simili alla fine ci crederemo.

Le parole costruiscono una gabbia dove il pensiero si convincerà che sarà così e, di conseguenza, agiremo come se non riuscissimo più a vivere senza di lui. Vediamo nel dettaglio quali sono le classiche dinamiche delle relazioni sbagliate

1) Amo sempre le persone sbagliate

Evita accuratamente questa lamentela molto tossica. Pigia immediatamente il tasto “amor proprio”, fai pace con il cervello, metti un guinzaglio al tuo pensiero; inconsciamente ti stai solo facendo del male.

La tua autostima si rinforzerà e potrai finalmente dire: “ho sofferto, ma sono riuscita a non cascarci più, quindi sono in grado di fare la cosa più sana per me”. Le azioni in questo caso, parlano più della consapevolezza.

2) Lo amo per redimerlo

Noi donne spesso amiamo il ruolo della missionaria, ci piace credere di riuscire a rendere un uomo migliore: “Io ti salverò”. Non accadrà a meno che lui non lo voglia, ma di sicuro non lo farà in questo modo dato che vede in ognuna di noi la sua protettrice.  Questo atteggiamento ci porta inevitabilmente a concentrare tutte le nostre forze su di lui, trascurando quelle che sono le nostre esigenze.

Non spostare mai il baricentro da te stessa; quello che vale veramente è te stessa e il tuo amor proprio.

3) Sono alla ricerca del grande amore

I principi azzurri lasciamoli nei libri. È oramai risaputo che le favole hanno rovinato le nostre aspettative in fatto di relazioni e uomini. Spesso desideriamo ciò che non esiste e, se esiste, poi non ci piace più, perché è dell’idea che ci siamo innamorate, non della persona.

Metti da parte questi pensieri da illusionista, non porti aspettative; abbassare le pretese non significa accontentarsi, bensì diventare adulte.

4) Ho chiuso con l’amore

Anche se hai accumulato delusioni, non perdere mai la fiducia di poter incontrare il pensiero giusto e l’uomo giusto. Rifletti sul perché una relazione si è conclusa. Smetti di guardare al di fuori di te.

L’ambiente è lo specchio del nostro pensiero.

Se hai collezionato una serie di uomini sbagliati significherà qualcosa. Pensa a quelli che possono essere i tuoi blocchi e/o le tue interferenze mentali che fanno andare le relazioni in direzione del naufragio sentimentale.

5) Amo per paura di stare sola

Pensi di non poter vivere da sola…e  più ci pensi più ti comporterai da mezza mela bisognosa! Questa ruminazione mentale, ripetuta nel tempo, ti porterà solo alla catastrofe ovvero a incontrare altri affamati d’amore.

Se arrivi a questa consapevolezza, puoi passare allo step successivo, ovvero quello di lasciare andare via questi pensieri e queste uomini, anche se ti sembra la sofferenza più grande. L’amore molto spesso arriva quando non lo pretendiamo.

6) Sono tradita dall’amore

Quanto è complicato il nostro cervello. Lui ti ha tradita, ti ha lasciato; è legittimo stare male ma la vita continua! Metabolizza ed elabora il lutto, poi disintegra qualsiasi forma di pensiero che ti porta a dire: “non riesco a stare senza di lui”. Pensa che forse è la cosa migliore che ti sia capitata nella vita.

Mettere in prima fila questi pensieri, anche se non ci credi, è un doveroso allentamento mentale. Le parole sono pallottole e creano una mente a forma di groviera. Pensi di valere così poco? Non elemosinare il suo amore, piuttosto dedicati più a te stessa.

7) Uso l’amore per conferme

Non è così che dimostrerai quanto sei donna, o quanto sei desiderabile. Non cercare conferme al di fuori di te! Il tuo potenziale è enorme.  Farsi desiderare non fa bene alla tua autostima, Giocaci con il tuo essere donna, ma non concederti al primo venuto.

Forse non te ne rendi conto, ma alla radice di questa strategia c’è un pensiero, seppur inconscio, molto nocivo: “non valgo abbastanza per essere presa in considerazione da un uomo“.

8) Amo in modo possessivo

Dove sei? Cosa fai? Sono in ansia se non me lo dici”… serve un break alla tua mente.
Se ci pensi bene, un rapporto autentico è fatto di condivisione e di spazi propri. Il senso del possesso è sinonimo di insicurezza.

Se ti concentri sul tuo valore, smetterai di pensare in modo ossessivo a ciò che fa il tuo uomo. Il problema non è lui ma la tua bassa autostima; solo chi ritiene di non essere degno d’amore può pensare che il proprio partner non sia innamorato.

Quando la gelosia nasce dal senso di valere poco bisogna concentrarsi non sul partner, ma su di sé, chiedendosi cosa si può fare per aumentare la propria autostima e sanare la ferita dell’abbandono subita in precedenza (da un altro partner, ma anche da un adulto significativo nel corso dell’infanzia).

9) Amo e dipendo

Cosa farà adesso? Dove sarà? E se mi tradisce?” Questi pensieri sono delle profezie che si auto avverano. La paura alimenta paura. Concentrati a coltivare te stessa, facendo delle cose di autentica gratificazione personale.

Ricordati che agli uomini, piacciono persone indipendenti. Se ti concentri solo su di lui, non solo lo perderai, ma perderai la cosa più importante: te stessa.

10) Sento che è l’uomo giusto

Pensi sia l’uomo adatto, magari è l’ennesima batosta; vedi ciò che decidi di vedere e perdi il contatto con la realtà. Il pensiero magico è quello che si basa sui fatti, possibilmente coerenti con le parole.

11) Dove ho sbagliato

Quando la tua storia arriva al capolinea, ti domandi: dove ho sbagliato? Giusto mettersi in discussione ma in modo obiettivo e consapevole; puoi aver commesso qualche errore ma questo non giustifica il suo allontanamento.

Quando c’è amore da entrambe le parti, si cerca sempre una soluzione. Forse, questa rottura, ti ha liberato da un amore tossico, spetta solo a te rendertene conto. Liberati dalla paura di restare sola, elabora con obiettività la relazione; scoprirai che hai perso troppo tempo per una persona che non ti meritava.

Ci sono alcune cose che possiamo fare per prenderci cura di noi stessedopo la fine di una storia. A tal proposito può esserti di aiuto l’articolo “Se il tuo partner ti ha lasciato non è colpa tua, non ti meritava

Se si persevera nel voler avere a tutti i costi una relazione, rischiamo di passare tutta la vita da una storia all’altra, perdendo di vista la persona più importante della nostra vita: noi stesse.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

 

 

 


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

I commenti sono chiusi.