5 pratiche che possono salvarti dopo un abuso emotivo

Quando i sopravvissuti di abusi emotivi decidono di cessare ogni contatto con il loro “carnefice”, il viaggio verso la guarigione è appena iniziato ma per molte persone, la strada è ancora in salita.

Questo articolo nasce valutando le reali difficoltà della vittima di abuso emotivo nel momento in cui intende interrompere la relazione.

Confrontandomi con chi intende farla finita una volta per tutte e chiudere con il suo manipolatore, noto che i problemi più ricorrenti derivano dai sensi di colpa intrinseci o innescati da ricatti morali abilmente impiattati dal manipolatore di turno.

I sensi di colpa, in queste circostanze, sono sempre retaggi del passato. Il legame che s’instaura con un manipolatore è sempre il riflesso di un malessere che la vittima si porta dentro fin dall’infanzia.

Questo concetto è stato ampiamente spiegato negli articoli:

Ora, proverò a uscire un po’ dagli schemi tentando un approccio più diretto al problema. La soluzione per chiudere con un manipolatore emotivo non può prescindere dalla causa che ha dato il via alla relazione.

Ti sei ma chiesta perché, a parità di situazione, alcune persone riescono a distaccarsi più facilmente dal proprio manipolatore e altre fanno più fatica? E ancora, ti sei mai chiesta perché alcune persone riescono a uscirne senza ricadere nei numerosi ritorni del manipolatore?

Questa “capacità” è proporzionale all’amore che tu nutri verso te stessa e quindi proporzionale anche alla tua capacità di stare da sola. Molte persone non lo vogliono ammettere e di certo mi beccherò parecchie critiche per quanto sto per dire ma… molte vittime non tollerano la solitudine ed è solo per questo che perpetuano la durata della separazione. Hanno paura della solitudine.

Nei gruppi su Facebook, nelle domande che mi arrivano in privato e nelle conversazioni con amici e colleghi, noto che il focus della separazione è sempre il manipolatore. Nulla di più sbagliato! Bisogna cambiare registro! A meno che il manipolatore non stia attuando comportamenti da denuncia (cosa che, purtroppo, a volte accade), non c’è nulla che lui possa dire o che possa fare per farti ricadere nella sua trappola… a meno che tu non sia debole. Ecco perché in questa fase è necessario che tu lavori su te stessa e sulle tue risorse.

Bisogna che ti concentri su di te e sui tuoi obiettivi… se non ne hai o condividevi i tuoi piani con il manipolatore, c’è bisogno che ne fissi di nuovi, subito!

Più che chiederti come sopravvivere un altro giorno senza sentirlo, dovresti chiederti come iniziare ad amarti. Più che concentrarti su come sia riuscito a voltare subito pagina, dovresti concentrati su come risanare la tua autostima ormai ridotta a brandelli.

Inizia a riempire la tua vita. Inizia a lavorare su te stessa. Da dove cominciare?

Il manipolatore approfitta della tua ferita interiore… allora curala!

Un narcisista patologico, un borderline, uno psicopatico…. possono attuare atteggiamenti manipolativi e legare con te sfruttando una tua ferita interiore. Un gioco inconsapevole delle parti che porta solo dolore e allontana dal vero concetto di amore.

Non riesci a liberarti di lui perché credi di amarlo? 

Non sta a me giudicare, ma ti invito a leggere l’articolo “Quando inizierai ad amarti potrai amare davvero chi ti piace” così da aumentare le tue capacità introspettive. L’autoconsapevolezza è l’arma migliore per disinnescare il rapporto con un manipolatore emotivo.

Capirai che il rapporto che hai non ha nulla a che vedere con l’amore, è solo un “incastro” nato a causa di ancestrali credenze e ferite interiori che hai sempre ignorato.

Pratica #1: fai introspezione. Pratica meditazione, impara a capirti e soprattutto prova a curare la tua ferita interiore.

Da un predatore emotivo all’altro:
sperimenta la felicità da sola

Dopo la fine di una relazione tossica, molti “sopravvissuti” possono essere tentati di riempire il vuoto ed evitare di affrontare il dolore, rimettendosi subito in gioco e instaurando un’altra relazione.

Purtroppo, molte volte il sopravvissuto non fa altro che finire con un altro predatore emotivo, certo, che all’apparenza è diverso da quello appena lasciato ma con il quale ben presto riscontrerà dinamiche affini.

Non hai una calamita per gli amori sbagliati! Se non lavori su te stessa, finirai per eliminare qualsiasi possibilità di instaurare una relazione con un partner sano! Quindi dipende da te… Non è colpa del destino.

Dopo una relazione tossica con un manipolatore emotivo è opportuno ritagliarsi del tempo da dedicare a sé. Essere single è fondamentale per il tuo viaggio di guarigione, soprattutto se nell’infanzia hai avuto un trascorso di abusi o trascuratezza emotiva, in questo caso la “pausa di riflessione” ti serve per interrompere il ciclo di abusi. Questa “pausa di riflessione” potrebbe cambiare il resto della tua vita, se credi di non farcela, meglio farti affiancare da un professionista!

Dal momento che la società pone troppa enfasi sull’importanza del rapporto di coppia, è importante ricordare quanto sia sano essere single. I rapporti di coppia sono importanti ma talvolta troppo sopravvalutati: la ricerca* ha dimostrato che le persone single possono sentirsi felici e appagate proprio quanto quelle in coppia.

Pratica #2: non gettarti a capofitto in un’altra relazione. Sperimenta un periodo felice da single, può funzionare! La tua felicità non dipende da un’altra persona.

Costruisci la tua rete di supporto:
instaura relazioni sane

Mentre provi a districarti tra le macerie lasciate dal tuo manipolatore emotivo, sfrutta una rete di amicizie; contatta vecchi amici oppure poni le basi per instaurare nuove relazioni amicali positive. Se fai fatica a creare una rete di supporto intorno a te perché ti senti inadeguata… Allora è il caso che tu consulti uno psicoterapeuta. In questa fase è importante che tu capisca di essere una persona meritevole, è importante che tu ti conceda lo spazio per riflettere e diventare autosufficiente.

Attenzione!
Essere autosufficiente non significa essere superiore, indifferente agli altri e soprattutto non significa isolarsi dal prossimo. Essere autosufficienti significa poter contare sulle proprie risorse e su se stessi.

Confrontati con il prossimo, osserva ciò che hai intorno e instaura amicizie sane. Come capire che un’amicizia è sana? Beh, un amico ti incoraggia e ti sprona, non ti sminuisce!

Pratica #3: confrontati con amici e cerca di aumentare i tuoi standard a 360°.

Investi su te stessa:
cura il tuo corpo

Dopo una relazione tumultuosa è normale avere alti e bassi. Sappi che il tuo corpo e il tuo cervello sono feriti quanto te. Un’esperienza traumatica* può lasciare segni a livello della corteccia prefrontale, dell’amigdala e dell’ippocampo.

La meditazione contribuisce a rafforzare i percorsi neurali in modo positivo, aumenta la densità di materia grigia nelle aree del cervello connesse con la regolazione delle emozioni e attenua le reazioni automatiche che s’instaurano a seguito di un trauma. La meditazione è un buon mezzo per curare il tuo corpo e lenire la tua mente: ti rende più consapevole delle tue emozioni e ti fa entrare in contatto con ciò che desideri.

La meditazione non è l’unico mezzo da sperimentare per curare il tuo corpo. Un semplice corso di fitness potrebbe aiutarti molto. Evita la classica Sala Attrezzi, se decidi di iscriverti in palestra segui un corso di gruppo oppure prova a praticare sporto di squadra. Tennis doppio, pallavolo, calcio… avrai pur un’attitudine sportiva? Se non ti piace… c’è sempre la danza!

Pratica #4: ricorda che devi risanare mente e corpo. Prenditi cura di te e rendi più dinamica la tua vita con un corso di meditazione, yoga o semplicemente facendo attività di gruppo!

Lavora sulle tue difese immunitarie emotive:
riconosci ed evita gli abusi emotivi

Anche dopo aver lavorato tanto su te stessa, non c’è nessuna garanzia che in futuro un manipolatore emotivo non possa bussare alla tua porta. Per questo motivo, quando sarai guarita riuscirai a definire meglio i tuoi confini e a fidarti della tua voce interiore.

Il miglior antidoto alla manipolazione emotiva è una sorta di immunità che, con il tempo, potrai costruire.

Devi avere fiducia in te stessa, credere che tu puoi soddisfare le tue stesse esigenze emotive, puoi imparare a gestire le tue emozioni senza la necessità che qualcuno debba convalidare il tuo valore personale.

Queste squisite abilità ti serviranno per tutta la vita. Potranno davvero cambiare il corso della tua storia, definire nuovi standard e migliorare lo stato di benessere generale, da sola o in coppia.

Un’alta autostima ti terrà al riparo dalle tattiche lusinghiere attuate dal manipolatore emotivo. Un’alta autostima ti servirà per instaurare relazioni autentiche.

Pratica #5: definisci i tuoi confini e inizia a credere in te stessa.

Forse il tuo viaggio non sarà perfetto ma sarà molto più autentico e liberatorio. Liberatorio perché ti sentirai decisamente libera quanto capirai davvero il tuo valore, quando scoprirai che sei l’unica a poter salvare davvero te stessa. 

Ti consiglio di leggere: 7 cose stupefacenti che si verificano quando inizi ad amarti.

*Fonti
DePaulo, 2007; Grime et al. 2015; Van der Kolk, 2015
Lazar, 2005; Creswell, 2015; Schulte, 2015


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Anna De Simone, life coach, scrittrice e admin di psicoadvisor.com

Nessun commento.

Lascia un commento