Autostima infantile: 10 tecniche per aiutare un bambino ad amarsi di più

autostima infantile

L’autostima non è innata in ognuno di noi. Migliorare l’autostima nei bambini significa garantire un’identità sociale dell’adulto che diventerà. Le persone con bassa autostima, si pongono involontariamente dei grossi limiti che avranno ripercussioni nella sfera affettiva, sociale e lavorativa.

Per evitare ciò, è importante capire come migliorare l’autostima nei bambini, cioè in quel periodo della vita in cui il concetto di sè inizia a formarsi. Per rassicurare tutte le mamme, l’autostima è una componente dinamica, dunque può aumentare o diminuire nelle diverse fasi della vita.

Fattori che determinano l’autostima nell’infanzia

Nell’infanzia, sono quattro i fattori che possono determianre l’autostima nei bambini.

  1. Fattore sociale, osservare il bambino come si pone nei contesti amicali, per esempio, se si emargina non è indice di buona autostima.
  2. Fattore fisico, la percezione fisica che il bambino ha di se stesso attraverso il giudizio dei coetanei
  3. Fattore scolastico, come il bambino valuta se stesso in rapporto della scuola. Potrebbe essere pensalizzante se il bambino ha difficoltà nell’apprendimento in rapporto con gli altri alunni
  4. Fattore familiare, punto cruciale perché è attraverso la famiglia che il bambino inizia a vedere sè stesso e il mondo. Ed è qui che un genitore può agire per migliorare l’autostima nei bambini.

Per migliorare l’autostima nei bambini, il genitore può educarlo a un corretto stile di vita ma non può operare in modo diretto sui primi tre fattori elencati, può agire però, su quello più importante, cioè sul fattore familiare. E’ ovvio che un bambino ben integrato nella famiglia, riuscirà a integrarsi meglio a scuola e con i compagni.

L’educazione al senso di responsabilità 

Educando il proprio figlio a credere in sè stesso, in primis dandogli un ruolo ben definito nella famiglia: il bambino dovrà essere coinvolto nelle decisioni familiari fin dall’età prescolare, in tal modo crescerà con lui un senso di responsabilità che maturando incrementerà la sua autostima.

Esempi pratici:

Se andate a fare la spesa, interpellate vostro figlio su cosa manca nelle credenza. Coinvolgetelo nelle scelte familiari chiedendogli cosa ne pensa di riverniciare la cucina. Il bambino non deve necessariamente avere potere decisionale ma semplicemente dovrà sentirsi coinvolto nella vita familiare, in tal modo si sentirà in diritto di essere coinvolto anche nella vita di gruppo nell’età scolare.

In età scolare, per migliorare l’autostima nei bambini, si può lavorare in sinergia, ovvero facendosi coinvolgere dal bambino in quelli che sono gli argomenti scolastici, ma attenzione! Non invadete i suoi spazi!

La sera, abituate vostro figlio a prepararsi da solo lo zianetto, aiutatelo con la merenda e i compiti ma senza rimproverarlo. Evitate frasi di disprezzo, per esempio, quando spaglia evitate il classico “ma sei stupido? Si fa così! Devi fare meglio!“, bensì incoraggiate il bambino con formule tipo “niente male ma sicuramente puoi farlo meglio… vediamo insieme cosa si può migliorare“.

Se il bambino si fida delle proprie capacità, ha delle buone probabilità di sviluppare una discreta autostima. Ma se dubita del suo potenziale ed è convinto di sbagliare a fare tutto, non nutrirà sentimenti positivi verso se stesso.

Come sviluppare l’autostima nei bambini?

1. Trasformarsi in un modello positivo

I bambini imparano in buona parte per imitazione. Con loro non vale la pena il “fai come dico e non fare come faccio”. Se il vostro bambino capisce che siete una persona con una bassa autostima, vi lamentate continuamente e non vi assumete le vostre responsabilità, terminerà per essere uguale a voi. Pertanto, è importante che curiate la vostra autostima. Dopo tutto, siete il suo modello di ruolo.

2. Stabilire dei limiti chiari

I bambini hanno bisogno di regole chiare per crescere. I limiti non solo indicano quanto lontano si possono spingere, ma gli trasmettono anche fiducia e sicurezza, due qualità essenziali per sviluppare una buona autostima. Ma assicuratevi che si tratti di confini logici, sensibili e coerenti.

3. Correggere il comportamento senza ferire la persona

Ci sono diversi modi per correggere un errore: si può rimproverare il bambino o ci si può concentrare sui comportamenti inappropriati. Tuttavia, la cosa più importante è che il bambino capisca che un errore non lo definisce come persona, di conseguenza, non si devono usare frasi come “sei un buono a nulla” o “sbagli sempre tutto”. Concentratevi sul comportamento, non date giudizi di valore sulla persona.

4. Concentrarsi sullo sforzo piuttosto che sul risultato

Quando si intraprende un cammino la cosa importante non è l’obiettivo in sé, ma la persona che siamo diventati nel tentativo di raggiungerlo. Lo sforzo e l’energia che abbiamo investito possono essere anche più importanti del risultato ottenuto. Pertanto, è essenziale valorizzare lo sforzo fatto dal vostro bambino, anche se non è stato in grado di completare l’attività o ha commesso un errore in uno dei passaggi. Alla fine della giornata, piuttosto che avere sviluppato una calligrafia perfetta, è più importante la determinazione che ha mostrato nel tentativo.

5. Amare in modo incondizionato

Se il bambino impara che per ottenere il vostro amore dovrà comportarsi come volete voi la sua autostima in futuro dipenderà dall’approvazione degli altri e lui diventerà una persona senza opinioni proprie. Pertanto, è importante che i bambini ricevano amore incondizionato dai genitori. Ciò non significa che si deve accettare il loro comportamento negativo, ma che lo amate nonostante gli errori che commette e i difetti che ha. Approfittate di ogni occasione per dirgli quanto lo amate e quanto siete orgogliosi di lui.

6. Correggere le loro credenze erronee

Il pensiero dei bambini non segue sempre un filo logico così che a volte può sviluppare delle credenze irrazionali. Se ne scoprite alcune correggetele subito, perché non crescano eccessivamente in futuro. Ad esempio, non lasciate che la sua autostima dipenda direttamente dal suo aspetto fisico o da alcune abilità speciali. Insegnategli ad amarsi così com’è, con i suoi pregi e difetti. Il vostro compito è quello di aiutarlo a giudicarsi in modo più oggettivo così da poter sviluppare un concetto più realistico di se.

7. Stimolare l’assunzione di rischi sani

Non vi è nulla che danneggia di più l’autostima di un’educazione iperprotettiva. Se il bambino non riesce a testare le sue capacità non saprà mai fino a che punto può spingersi e diventerà un adulto timoroso e insicuro. Pertanto, è auspicabile che fin dall’infanzia venga stimolato ad assumersi alcuni rischi in modo tale da permettergli di fare un passo avanti e generare delle nuove opportunità. Dopo tutto, il nostro “io” non è un’entità statica, ma si arricchisce con ogni esperienza.

8. Lasciare che commettano i loro errori

Gli errori possono trasformarsi in lezioni di vita molto efficaci. Ma purtroppo, molti genitori cercano di evitare che i propri figli facciano degli errori e non si rendono conto che così facendo gli precludono l’opportunità d’imparare, di crescere più forti e consolidare la fiducia in se stessi. La chiave sta nel non lasciare che appaia la frustrazione, offritele il vostro aiuto ogni volta che ne ha bisogno.

9. Non esaltare i loro successi

Un’autostima sana non è artificiale, ma si basa su un concetto realistico di sé. Pertanto, non si dovrebbe lodare costantemente il bambino o esaltare i suoi successi, ma prendere atto dei risultati e dello sforzo fatto. Infatti, si è visto che esagerare nella lode può ritorcersi contro di lui finendo per danneggiare la sua autostima. Quindi, se vi piace quello che ha disegnato, diteglielo, ma non esagerate dicendogli che è il miglior pittore del mondo.

10. Dedicargli del tempo di qualità

Il modo migliore per aumentare l’autostima di un bambino è quello di fargli capire che lui è molto importante per voi. E per fare questo dovete trascorrere del tempo con lui. Si tratta dell’unico modo che avete per fargli capire che è importante per voi. Infatti, se non avete tempo in questo momento è meglio che lo diciate subito e che, più tardi, gli dedichiate del tempo di buona qualità. Il bambino deve sentire che anche se non può avere tutta la vostra attenzione per tutto il tempo, vi interessate comunque di lui, delle sue cose e dei bisogni.

Per concludere……

Migliorare l’autostima nei bambini significa assicurargli un passaporto stabile per debuttare nel mondo degli adulti. Può essere utile iscrivere il bambino a un corso di musica, calcio… o in qualsiasi attività che gli piace e dove rende bene. Questo è consigliabile soprattutto se il bambino ha problemi scolastici: con un’attività extra, compenserà il disagio scolastico acquistando più fiducia in sè.

Infine, ricordate sempre le parole del sociologo britannico John Ruskin: “Educare un bambino non significa fargli imparare qualcosa che non sapeva, ma fare di lui qualcuno che prima non esisteva”.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento