Bambini non amati, 10 effetti sulla vita da adulti

Quando i bisogni emotivi di un bambino non sono soddisfatti durante l’infanzia, lo sviluppo della personalità verrà modellato in modi specifici.

E’ vero, l’esperienza di ognuno di noi è diversa. Ognuno ha avuto la sua infanzia.

Tizio ha avuto una mamma emotivamente assente o indifferente, un’altra persona ha potuto avere una mamma depressa che ignorava anche i suoi bisogni, mentre una terza persona ha potuto sperimentare l’infanzia con una mamma narcisista o una mamma con stile di attaccamento evitante…. Le variabili sono tante ma molte ipotesi affidabili possono essere fatte circa l’effetto di tutte queste esperienze.

Queste ipotesi hanno un valore inestimabile e ti faranno capire come la tua infanzia ha formato la tua identità attuale e come la tua infanzia ancora condiziona i comportamenti che assumi su base quotidiana.

Partiamo da un preconcetto: la maggior parte dei genitori non è consapevole di star trascurando emotivamente il proprio figlio. Tutti i genitori credono di essere buoni genitori. Entro certi limiti di condotta, mi piace pensare che non esistono “cattivi genitori” o “buoni genitori“.

Mi piace credere che esistono solo genitori più consapevoli e genitori meno integrati. Alla mancata consapevolezza del genitore, si aggiunge un aggravante, l’ignoranza. Che nessuno si offenda! Per ignoranza intendono la mancata conoscenza dello sviluppo emotivo nell’infanzia.

Scarsa conoscenza, il fattore aggravante

Nessun genitore vorrebbe trascurare il figlio ma l’idea che un bambino di sei mesi possa già sentire paura o rabbia, non meno che tristezza e dolore, fino a qualche tempo fa era considerata assurda. Oggi, molte mamme (purtroppo) continuano a strillare in casa o assumere atteggiamenti giustificati con la frase “tanto è piccolo, che vuoi che capisca”. Niente di più sbagliato! Certo, forse i bambini certe cose non le capiscono ma le sentono. Possono percepire stati d’animo e assorbirli.

A influenzare lo sviluppo emotivo di un bambino (che si porterà fino all’età adulta) non è solo il modo in cui la mamma approccia al bambino ma è anche come i genitori interagiscono tra loro e con l’ambiente esterno.

Una mamma ansiosa, che quindi approccia al mondo in modo timoroso, insegnerà al bambino che il mondo è un posto che fa paura… In questo articolo, però, voglio soffermarmi sulle carenze emotive affettive riconducibili al rapporto diretto madre – figlia (o madre figlio).

Bambini non amati, 10 effetti sulla vita da adulti

La prolungata assenza di sintonia emozionale tra genitori e figli impone al bambino un costo enorme in termini emotivi. Il bambino è inconsapevole dello scotto da pagare ma il conto si presenterà ancora più salato in età adulta.

Analizziamo insieme quelli che sono gli effetti più comuni di questa disarmonia emozionale.

1. Paura di fallire

A nessuno piace fallire, naturalmente! Per una figlia non amata, però, ogni insuccesso è vissuto come una “battuta d’arresto”, come una “catastrofe”. In queste persone, gli insuccessi definiscono l’autostima. Ogni insuccesso, in fondo, è la prova tangibile che non meriti niente, che non meriti amore. Così, la fine di una storia d’amore non è vissuta solo come una separazione ma come un gigantesco fallimento.

Una “persona sicura” riesce ad affrontare i fallimenti con razionalità: il pensiero che consegue un fallimento è costruttivo. Una bambina trascurata emotivamente, da adulta, dopo un insuccesso non riuscirà a “leccarsi le ferite” e consolarsi in autonomia… Più probabilmente si auto-accuserà e sarà severa con se stessa.

2. Estrema sensibilità

“Non è facile essere me stessa”

“Sei troppo sensibile”. Quante volte ti hanno ripetuto questa frase? Anche se non ne sei consapevole, la paura del rifiuto domani il tuo mondo. Vorresti essere accettata e soprattutto apprezzata da tutti così puoi offenderti in caso di leggerezze altrui. Come te lo spieghi questo atteggiamento? In genere queste persone razionalizzando dicendo “io faccio molto per gli altri, sono precisa e mi aspetto che gli altri facciano lo stesso con me… quando ciò non succede, resto delusa… è normale rimanerci male”. Beh… fai attenzione a ciò che è “normale” e impara a discriminarlo da quelli che sono i retaggi di una ferita passata.

3. Rapporti conflittuali madre – figlia/figlio

Una figlia trascurata emotivamente, da adulta, si potrà far dominare dal genitore molto facilmente. La mamma, in molti casi, anche quando il figlio o la figlia è ormai adulta, continua a generare confusioni, insicurezze e crea un tumulto interiore. Si vanno così a instaurare rapporti conflittuali madre – figlia, caratterizzati, talvolta, anche da un ambivalenza (rapporto odio-amore).

4. Attaccamento insicuro, evitante o dipendente

Meglio che ci lasciamo adesso, tanto la nostra storia comunque dovrà finire”.

L’attaccamento sicuro è caratterizzato da un sentimento di fiducia e sicurezza nei confronti del genitore. Se questo legame di fiducia non si instaura, si avranno forti ripercussioni nella sfera sentimentale da adulti. Si tratta di tremendi meccanismi che ereditiamo dalle nostre mamme. Meccanismi che applichiamo nel quotidiano nella nostra vita sentimentale. Meccanismi che ci spingono a instaurare relazione sbagliate e a ripetere gli stessi modelli. In questo contesto c’è moltissimo da dire, quindi ti rimando all’approfondimento “Attaccamento e coppia, amiamo come siamo stati amati.

5. Mancanza di fiducia

“In me c’è qualcosa che non va. Sono sbagliata. Sono fatta male.”

Il bambino che cresce in sintonia con la madre, apprende ben presto che ella soddisferà i suoi bisogni di nutrizione, protezione, contatto fisico, rassicurazione negli stati di tensioni.

Se questa fiducia non si instaura, il bambino si sentirà non meritevole d’amore. Il bambino non riesce a capire che la mamma può avere dei suoi conflitti irrisolti, piuttosto crede che è lui la causa delle mancanze del genitore. La mamma è buona ma è lui a non meritare amore, è lui sbagliato. Il bambino crescerà fino a diventare adulto insicuro, con la paura di essere abbandonato e soprattutto con la convinzione di non valere abbastanza.

6. Alessitimia, bassa intelligenza emotiva

L’empatia è quell’abilità che consente alle persone di entrare in sintonia con i propri e gli altrui stati d’animo. Al contrario, l’Alessitimia implica l’incapacità o l’impossibilità di percepire le proprie e le altrui emozioni.

Se sei cresciuta con una madre emotivamente assente, ahimè, probabilmente non hai una buona capacità introspettiva. Riesci a capirti davvero? Riesci ad accedere ai tuoi stati interiori?

Un bambino emotivamente trascurato, da adulto, avrà sorprendenti difficoltà a descrivere i suoi sentimenti e ad accedere ai suoi stati interiori.

7. Somatizzare ogni malessere emotivo

Già! Come se non bastassero i tumulti interiori… i bambini oggetto di trascuratezza emotiva, da adulti, avranno una forte tendenza a somatizzare i malessere inespressi. Questo si riconduce all’alessitimia.

Molte affermate teorie riferiscono che le malattia psicosomatiche nascano dall’incapacità di esprimere e riconoscere le emozioni, nonché i propri stati interiori.

L’ammutinamento emotivo fa sì che le emozioni disturbanti, invece di salire a galla, allo stato consapevole, trovano un’immediata espressione in una sorta di linguaggio organico.

In altre parole, se le emozioni non vengono convalidate, dovranno pur “manifestarsi” in qualche modo e lo fanno attraverso disturbi psicosomatici.

Prima di essere accusata da qualche lettore diffidente, cito qualche autore di tali teorie: Paul MacLean (1949, 1954, 1977). Jurgen Ruesch (1948). Marty e de M’Uzan (1963). Emanuel Sifneos (1972).

8 e 9. Sentimenti di solitudine e isolamento emotivo

“Non credo di appartenere a questo mondo”. “Mi sento diversa”.

Poiché non riesci accedere ai tuoi stati più interiori e a capire le tue emozioni, ti percepisci come diversa. Se non riesci a riconosce le tue emozioni e non riesci ad accedere ai tuoi stati interiori, come puoi trovare nell’altro similitudini con te? Certamente ti sentirai diversa. Non riconosci negli altri tratti di te stessa perché non riesci a guardare a fondo dentro di te.

10. Scegliere amici tossici o partner sbagliato

Nelle relazioni sentimentali il bambino che ha sviluppato un attaccamento sicuro sarà in grado di dare e ricevere amore poiché ha interiorizzato entrambi i ruoli: come la madre ha dato tutto per lui, ora egli nella coppia è pronto a dare e al tempo stesso sa ricevere cure e amore da questi, senza che ciò pregiudichi il suo senso di indipendenza e di autonomia.

Purtroppo, spesso, una bambina non amata, da adulta non sa ricevere amore perché non ha imparato cosa significa davvero essere amata.

Noi tutti, nell’instaurare nuove relazioni, cerchiamo qualcosa di “familiare” perché ci basiamo sulle esperienze vissute. Una bambina non amata, da adulta, non ha le nozioni giuste e, prima di affrontare un rapporto di coppia, dovrebbe attraversare un percorso di rieducazione emotiva. Talvolta questo avviene spontaneamente, (se ti leghi a una persona con stile di attaccamento “sicuro”) altre volte, invece, si tende a ripetere un modello disfunzionale e qui ti invito a leggere l’articolo Perché una figlia non amata, da grande, sceglie il partner sbagliato“.

Trascuratezza emotiva

L’assenza di sintonia emozionale è un tema ricorrente in psicologia e prende il nome di trascuratezza emotiva. Per esempi concreti e racconti personali su ciò che s’intende per trascuratezza emotiva e mancanza di sintonia emotiva durante l’infanzia, ti invito a leggere la mia raccolta di racconti presente nella pagina: 5 lezioni che hai imparato da una mamma che non ti ha amato come avrebbe dovuto.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


Anna De Simone, life coach, scrittrice e admin di psicoadvisor.com

I commenti sono chiusi.