Bambino trascurato emotivamente, quali sono i disturbi in età adulta

bambino-emotivamente-trascurato

Il bambino inizia a gettare le basi della sua personalità (struttura del sé) mediante il legame che instaura con la figura di riferimento e protezione (madre o padre).Quando questo legame non riesce a sviluppare tutta una serie di aree di regolazione intersoggettiva, il bambino sperimenta un vissuto interno di sfiducia, incertezza e negatività.

La trascuratezza emotiva è un fenomeno molto trascurato in psicologia. A differenza dei maltrattamenti, dell’abbandono o dell’abuso, dove i segnali sono evidenti fin da subito, la trascuratezza emotiva non dà sintomi così eclatanti, almeno non fin da subito. Generalmente, i sintomi di un bambino emotivamente trascurato sono riconosciuti solo nell’età adulta.

Sei stata una bambina emotivamente trascurata?

I sintomi che compaiono in età adulta possono essere i più disparati. Tra i più comuni:

  • Paura dell’abbandono
  • Pronunciata sensibilità al rifiuto
  • Senso di irrisolto e incompletezza
    sentirsi come se ci fosse qualcosa che manca, senza riuscire a individuare cosa.
  • Sensazione di vuoto interiore
  • Sentirsi facilmente sopraffatti o scoraggiati
  • Bassa autostima
  • Perfezionismo
  • Spiccata sensibilità al giudizio altrui
  • Poca chiarezza per quanto riguarda le proprietà aspettative e le aspettative altrui

Trascuratezza emotiva nell’infanzia:
quando i genitori non soddisfano i bisogni del figlio

Il ruolo del genitore è difficilissimo, come dico spesso: l’educazione emotiva è un vero campo minato e l’errore è dietro l’angolo! 

Non sempre i genitori riescono a offrire il giusto sostegno emotivo ai propri figli. Ciò spesso accade perché i genitori non riescono a vedere il bambino per quello che è in realtà. Il genitore svolge il suo ruolo guidato dalle emozioni e filtra ogni frase e ogni azione attraverso di esse. Il risultato di questo filtro, purtroppo, non è sempre ottimale per la crescita emotiva del bambino.

La trascuratezza emotiva nell’infanzia genera il terreno fertile per la bassa autostima, la vergogna, l’inadeguatezza e… sì, anche per i disturbi di personalità e stili di attaccamento disfunzionali.

Quando un bambino cresce senza le giuste attenzioni, può arrivare a sentirsi “sbagliato” o “invisibile” perché percepisce che i suoi bisogni emotivi sono irrilevanti. Cresce con la gravosa sensazione che i suoi bisogni emotivi sono sbagliati.

Questa convinzione si autoradica come meccanismo di difesa: il bambino non riesce a “elaborare” e riconoscere gli sbagli dei genitori allora pensa che egli stesso è sbagliato e così legittima le mancanze ricevute senza condannare i genitori.

Il bambino ha bisogno di tutto il sostegno emotivo dei genitori per avere consapevolezza di sé e per strutturare la sua personalità.

Il problema è che la nostra connotazione emotiva si radica in noi fin dall’infanzia. In questa fase la nostra autostima, così come il concetto di sé, si strutturano in base alle dimensioni relazionali; la relazione cruciale è quella con i genitori. Per farti capire:

io sono ciò che gli altri mi restituiscono = la qualità delle cure e dell’accudimento ricevuti nell’infanzia

Così un bambino che ha ricevuto le dovute attenzioni, crescendo svilupperà una sana autostima, al contrario, un bambino che non ha ricevuto le dovute cure emotive penserà di non meritare e avrà un concetto di sé svalutativo o svilupperà una serie di ferite interiori difficili da guarire.

Se sei un genitori e vuoi approfondire il tema dell’educazione emotiva da impartire ai bambini durante l’infanzia, potrebbero interessarti i 5 buoni consigli per insegnare ai bambini l’autoconsapevolezza.

Bambino emotivamente trascurato:
le conseguenze in età adulta

Se  i tuoi genitori non sono stati in grado di soddisfare i tuoi bisogni emotivi, è probabile che tu, ancora oggi, ne starai pagano le conseguenze.

bambini trascurati emotivamente si porteranno dentro ferite difficili da guarire. Fin all’età adulta, queste persone, possono sentirsi segretamente inferiori rispetto agli altri e dover fronteggiare spesso sensazione di vergogna e inadeguatezza.

I bambini emotivamente trascurati diventano adulti restii al confronto e hanno difficoltà a perseguire obiettivi importanti.

Chi è stato trascurato emotivamente si ritroverà ad affrontare diverse battaglie interiori. Questi bambini diventano persone molto sensibili alle critiche, con paura del rifiuto e dell’abbandono. Con paura che gli altri possano giudicarli negativamente. Possono attraversare periodi di ansia sociale senza alcuna apparente ragione.

Conseguenze sulla vita sentimentale

Qualche paragrafo più su ho scritto che i la trascuratezza emotiva getta le basi ideali per l’inadeguatezza, la vergogna di sé, la bassa autostima, disturbi di personalità e stili di attaccamento disfunzionali.

In psicologia:

La trascuratezza emotiva è stata definita come una specifica configurazione, potenzialmente patogena, del campo relazionale costituito dal bambino e dalle sue figure di accudimento, caratterizzata da assenza di reciprocità emotiva, per cui i bisogni affettivi del bambino vengono assoggettati alle esigenze, ai conflitti, alle paure e alle proiezioni genitoriali.

Tutte le relazioni che abbiamo oggi (di tipo amoroso, amicale, lavorativo…) sono frutto dell’amore che abbiamo appreso da bambini. Le relazioni che intrecciamo sono la testimonianza del nostro vissuto infantile e delle cure emotive che i nostri genitori ci hanno prestato.

Spesso sono le sovracompensazioni a spingerci tra le braccia della persona sbagliata; tendiamo a ricercare il partner con una ferita interiore compatibile alla nostra, partner che non sono in grado di donarci amore in modo sano e così inciampiamo in storie sbagliate, una dopo l’altra.

Nell’articolo “attaccamento e coppia” sono riportati degli esempi tangibili di come la nostra vita emotiva infantile riesca a condizionarci ancora in età adulta.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

I commenti sono chiusi.