Cosa significa per un figlio vivere in una famiglia tossica

I bambini sono come il cemento umido, tutto quello che li colpisce lascia un’impronta. (Haim G. Ginott)

Parliamo spesso di famiglia… ma cosa significa avere una famiglia da un punto di vista psicologico? La famiglia è il primo ambiente con il quale un individuo entra in contatto. La famiglia rappresenta gli occhi con il quale il piccolo vede la realtà e che, pertanto, influenzerà la sua visione soprattutto nelle prime fasi della vita (infanzia, fanciullezza) ma anche successivamente, attraverso la formazione della personalità, la costruzione dei primi attaccamenti e l’acquisizione dei ruoli sociali.

Vi è famiglia e famiglia……

In una famiglia funzionale vi è uno stile comunicativo aperto e assertivo e una capacità di adattamento ai cambiamenti: componenti fondamentali per favorire un ambiente armonico con tutti coloro che ne fanno parte.

In una famiglia disfunzionale vi sono modelli di condotta disadattati che generano un ambiente di conflitto e scontro. I ruoli familiari non sono ben definiti e le relazioni affettive sono contraddittorie e ambigue.

C’è una frase che molti genitori o molte famiglie ripetono ai bambini: “Nessuno ti ama come può amarti un genitore”. Se i bambini la prendono alla lettera, è possibile che, anche se non si siano sentiti molto apprezzati dai loro familiari, non sentano il diritto di lamentarsi perché penseranno: “lo facevano per il mio bene”.

Crescere in una famiglia tossica, ripercussioni

Avere un rapporto fortemente conflittuale con la propria famiglia è del tutto normale, soprattutto durante il periodo dell’adolescenza. Tuttavia, se il legame continua ad essere burrascoso probabilmente qualcosa non va, probabilmente si tratta di una famiglia tossica.

In una situazione simile possono nascere patologie psicologiche, soprattutto nei bambini. Infatti, crescere in una famiglia tossica può causare:

  • problemi nello sviluppo cognitivo: deficit intellettuali e del linguaggio
  • anomalie nella personalità: mancanza di fiducia in se stessi e negli altri, aggressività`, etc.;
  • anomalie emotive: debolezza e instabilità;
  • patologie legate all’ansia e alla depressione.

Continuare a frequentare ed a convivere in una famiglia tossica significa:

  • Non sviluppare mai senso d’indipendenza.
  • Alimentare ansie e paure in ogni sfera della propria vita (emotiva, relazionale, professionale etc.)
  • Non realizzarsi mai nella vita
  • Accettare il proprio ruolo marginale e senza alcun potere (in ogni contesto)
  • Non scoprire mai il vero io, le proprie risorse

Vivere in una famiglia tossica non è affatto semplice! È come accettare di farsi tarpare le ali, di farsi sovrastare dagli altri. La famiglia può essere considerata come un microcosmo che ricrea situazioni che potrebbero verificarsi anche con il mondo esterno (la scuola, il lavoro etc). Questo significa che se continui a vivere un legame tanto oppressivo, molto probabilmente tenderai a vivere nella medesima situazione anche in altri contesti: ti sentirai oppressa/o per sempre!

Come riconoscere una famiglia tossica e oppressiva

Se vivi in una famiglia tossica e oppressiva sicuramente te ne sarai già accorta/o! No, non è una battuta ironica: chi vive in una famiglia che la opprime, fatta di legami tossici, negativi, lo sa da sempre. Tuttavia vi sono dei campanelli d’allarme che riguardano soprattutto la propria indipendenza.

Quando si ha a che fare con una famiglia tossica il tuo senso d’indipendenza è praticamente assente, non è mai riuscito a svilupparsi. È come se ad un certo punto della tua vita tutto si sia fermato: sei cresciuta/o ma continui a vivere nel tuo ruolo originario (figlio, genitore, fratello/sorella succube).

Spesso nelle famiglie tossiche vigono legami impostati sul potere o sul vittimismo. Sono famiglie nelle quali non esistono legami basati esclusivamente sull’affetto, tutto è comunque legato al potere. Vige insomma la legge del più forte (più forte caratterialmente, economicamente etc.).

Ogni cosa, attività, abitudine è imposta da qualcun’altro, non vi è potere decisionale se non quello di altri componenti del nucleo familiare. Il potere può concentrarsi anche nelle mani di più persone ma anche il singolo può detenerlo.

 Quando il nemico è tra le mura di casa: come comportarsi

Partiamo dal presupposto che non è possibile, in poche righe, indicare il vademecum per riuscire gestire e rendere serena una famiglia tossica. Tuttavia vi sono delle dritte che potrebbero aiutarci in questo senso.

Rispetto

Innanzitutto devi farri rispettare: il rispetto non è un qualcosa di “dovuto” (anche se in un mondo ideale sarebbe così). Il rispetto va conquistato, sudato, ottenuto sforzandosi al massimo. Se credi che la tua famiglia non nutra rispetto nei tuoi riguardi parla chiaramente; esigi maggiore considerazione. Attenzione però: poniti anche un altro quesito: io rispetto la mia famiglia? Come lo dimostrato, e soprattutto cosa vorrei che facessero gli altri nei miei riguardi?

Indipendenza

La famiglia è importantissima nella vita di ognuno di noi. Nel bene e nel male ci condiziona e condizionerà sempre il legame che ci unisce ai familiari. Tuttavia ad un certo punto è importante riuscire a sviluppare una propria indipendenza, come? Allontanandosi. All’inizio potrà apparire brutale ma col tempo sia tu che i tuoi cari riusciranno ad apprezzare la cosa.

Razionalità

Cerca soluzioni realizzabili, non farti prendere troppo dall’istinto. Non essere troppo affrettata/o nel prendere decisioni. Spesso è difficile avere una visione realmente oggettiva della situazione (magari anche la yua famiglia sta vivendo un momento particolare e sfoga su di te tutti i problemi).

Tempismo

Prenditi i tuoi tempi per ponderare qualsiasi scelta ma: agisci! Le cose non cambieranno mai se non sei prima tu a cambiare! Il problema delle famiglie tossiche è che possono riversare tutte le loro insicurezze sui minori e fare in modo che loro, un domani, non possano essere indipendenti

Tutto quello che accade durante l’infanzia ci segna…..

Forse ci identifichiamo con molte persone che hanno dovuto affrontare una situazione difficile in casa, perché le famiglie tossiche sono più frequenti di quello che pensiamo.

Non scegliamo la nostra famiglia, ma almeno possiamo essere consapevoli dei problemi in modo da evitare di ripetere la stessa storia con i nostri figli.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da Psicoadvisor.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte.  E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento