Essere lasciati: 6 cose che devi sapere se vuoi subito stare bene

Ogni donna che ha finalmente capito il suo valore, ha raccolto le valigie del suo orgoglio, è salita sul volo della libertà, ed è atterrata nella valle del cambiamento. (Shannon L. Alder)

Essere lasciati: istruzioni per essere più forti dopo la fine di una relazione sentimentale

Essere lasciati è una delle prove più dure che possiamo trovarci ad affrontare, spesso si cade nella disperazione, nella depressione e si ha la sensazione di non riuscire a voltare pagina. Tutto diventa più complicato; si sente un vuoto dentro, vengono a mancare le forze, ci si dispera e si fa fatica a ricominciare.

Essere lasciati può indebolirci solo se lo permettiamo noi stessi

Può, infatti, rafforzarci, farci maturare e renderci più determinati e più coraggiosi. Come dovremmo reagire alla fine di una relazione? Cosa è giusto fare quando si viene lasciati dal partner?

Cosa devi fare se il tuo partner ti lascia

Quando si viene lasciati la sofferenza a volte è così grande che scatena una serie di meccanismi folli e disperati nel nostra psiche. E così finiamo per fare cose terribili, che una persona equilibrata e forte non farebbe mai…

“Con ogni addio impari.
E impari che l’amore non è appoggiarsi a qualcuno
e la compagnia non è sicurezza.
E inizi a imparare che i baci non sono contratti
e i doni non sono promesse” (Jorge Louis Borges)

Quando affrontiamo una separazione in amore, siamo così concentrati sulle emozioni negative che ci dimentichiamo di fare una cosa molto importante: prestare attenzione. Se riuscissimo a prendere le distanze dalla nostra percezione, saremmo in grado di capire come comportarci per evitare di soffrire così tanto.

Ecco una serie di suggerimenti utili per prendere consapevolezza della situazione, mettere un punto e voltare pagina, una volta per tutte….per essere più forti di prima!

1) Se vuoi stare bene, devi essere autosufficiente

“Adesso chi mi aiuta a scrivere la mail?”; “Come farò ad affrontare gli imprevisti?”; “Chi deciderà per me?”e via dicendo. Ecco alcune espressioni tipiche di chi vive se stesso come fragile, bisognosa/o di “appoggi” esterni, non autosufficiente a livello emotivo. Una percezione di sé che ha certo radici lontane nel tempo, e che costringe chi la vive a stabilire dei rapporti di forte dipendenza psicologica da altre persone.

Il primo passo è prendere coscienza del fatto che l’unico modo per sentirci davvero importanti, degni d’amore e sicuri di noi è sentirlo nel nostro cuore: in altre parole, migliorare la connessione con la nostra stessa essenza. Partendo da questo presupposto, il passo successivo è concentrarci sulla nostra crescita personale, attraverso queste indicazioni:

  • Cerca di comprendere il perché di questa tua condizione di dipendenza, ripensando a quando eri bambina/o. Qual è la tua storia? Com’erano i tuoi genitori nei tuoi confronti
  • Fai un elenco di tutte le situazioni in cui attualmente senti di dipendere dagli altri
  • Sforzati di affrontare regolarmente tutte le situazioni, le attività e le decisioni di ogni giorno senza chiedere aiuto a nessuno (lì dove possibile ed auspicabile!). Comincia da quelle più facili
  • Fai qualcosa da sola/o: ricava momenti e spazi in cui non è presente la persona a cui di solito ti appoggiavi
  • Non spostare la dipendenza. Nel creare ambiti solo tuoi stai attenta/o a non riproporre il solito schema: appoggiarti a un’altra figura “forte e carismatica”
  • Via i sensi di colpa: se per anni ti sei appoggiata/o a qualcuno, che dunque era disponibile, potresti sentire di tradirlo se non ti appoggi più
  • Quando il primo tentativo non ha successo, non arrenderti: continua a provare finchè ci riesci… e se hai troppa difficoltà, cerca l’aiuto di uno psicoterapeuta.

2) Se vuoi stare bene devi essere creativa/o

Sebbene la creatività non possa essere insegnata, certamente può essere stimolata. Ovviamente la creatività non ti colpisce come un fulmine, ma puoi stimolarla e anche rafforzarla con un atteggiamento corretto.

Nietzsche riteneva che la vita e il mondo dovessero essere visti come delle opere d’arte. Le persone creative hanno la tendenza a vedere il mondo in questo modo e a cercare costantemente delle occasioni per esprimersi nella vita di tutti i giorni.

Cosa puoi fare? Intanto cerca di rendere la tua vita più emozionante: esci di casa, visita posti nuovi, pratica qualche tuo hobby, prova nuove esperienze….
Approfondisci l’argomento con la lettura di questo articolo “15 cose che i creativi fanno in modo diverso dalle persone comuni

3) Devi migliorare la comunicazione

La capacità di comunicazione è una delle qualità più interessanti negli esseri umani. Se rafforzerai la tua capacità di comunicare non avrai paura di affrontare le situazioni difficili. Dovrai essere una persona diretta, pronta a qualsiasi reazione e cercare di trovare soluzioni attraverso il dialogo.
A tal proposito ti suggerisco di approfondire l’argomento con la lettura del mio articolo “Come imparare a comunicare con il cuore

4) Devi imparare a prenderti cura di te

La bassa autostima è una forza vampirizzante che divora e distrugge tutto ciò che di bello possiamo avere e sognare: il nostro potenziale, i nostri talenti, sogni, relazioni… E’ allora che la bassa autostima inizia a diventare una vera e propria forma di auto-distruzione, che con il tempo guasta i rapporti, distrugge sogni ed aspirazioni, abituandoci a credere di non avere gli strumenti adatti per vivere una vita all’altezza delle proprie aspettative…di non essere meritevoli di amore

Diceva Henry David Thoreau “Se una persona avanza in modo sicuro verso i propri sogni, e si sforza di vivere la vita che ha immaginato, si imbatterà in un successo altrimenti inaspettato.

Lo specchio riflette la tua immagine o almeno è questo quello che credi di vedere ogni giorno quando ti osservi ma la verità è tutt‘altra.

Amare se stessi non è convincere noi stessi che valiamo, non è un fatto di essere sicuri di sé o sentirsi bene quando una persona ci fa dei complimenti. Non è nemmeno avere il fisico migliore o la migliore carriera. L’autostima è SAPERE di avere un valore. E allora inizia da subito a volerti bene, ad acquisire la consapevolezza che la vita può darti qualcosa di ancora più grande.

Non adattarti adun amore non corrisposto, con l’idea che non possa esserci dell’altro, perché temi di non poter avere molto di più. Ma dipende soprattutto da te, dalle tue scelte, dalle tue azioni, e da quanto credi di meritare.

Quindi occorrerà rafforzare la tua autostima, riscoprire il tuo valore, imparare a costruire un rapporto reale e che possa davvero darti qualità e amore in cambio. Occorrerà esplorare perché la fuori le persone non sono tutte uguali.

A questo punto, poco importa se sei stata lasciata… evidentemente non meritava il tuo amore. Sappi che fuori c’è qualcuno che potrebbe darti molto, devi solo darti la possibilità di conoscerlo e farlo entrare nella tua vita. Non avere fretta, ora impara ad amare te stessa come meriti.

5) Devi avere ben chiaro i tuoi obiettivi

Se vuoi rialzarti subito, dovrai essere forte; da questa brutta esperienza dovrai rafforzare la determinazione, sapere con chiarezza quello che vuoi e avere ben chiaro come raggiungere i tuoi obiettivi. Essendo consapevole dell’importanza dell’amor proprio, supererai qualsiasi ostacolo fino a realizzare i tuoi sogni più importanti.

6) Devi chiederti: volevo davvero stare con quella persona?

Spesso capita di non avere voglia di stare con qualcuno, ma qualcosa ci spinge a cercare chi ci faccia compagnia. Questo è un punto importante su cui bisogna riflettere quando si affronta la fine di una relazione. Volevi davvero stare con quella determinata persona o era solo una necessità carente di giustificazioni?

Se soffri tanto ancora, forse ti sembrerà banale. Eppure, qualsiasi rifiuto in amore può essere usato a tuo favore come uno spunto per capire se ciò che stavi proiettando nella tua mente era sincero o no. Usa il rifiuto per comprendere se la voglia di stare con una determinata persona era reale oppure no.

RICORDA…

Ogni fallimento comporta anche una vittoria; in quest’ottica, la fine di una relazione, può diventare un’opportunità positiva! Il rifiuto in amore può esserti utile per imparare a gestire le tue emozioni.

Non è una situazione piacevole, ma è proprio nelle situazioni difficili che si impara di più. Per questo motivo, prendi questo dolore come l’opportunità di crescere ed essere una persona più forte. Non dimenticare che c’è sempre qualcosa di positivo nelle esperienze negative.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

loading...
loading...