La grande differenza tra essere amata e sentirti valorizzata

Se ami un fiore, non raccoglierlo. Perché se lo raccogli, esso muore e cessa di essere ciò che amavi. Se ami un fiore lascialo vivere. L’amore non è possedere; l’amore è saper apprezzare. (Osho)

C’è differenza tra essere amati e percepirsi valorizzati? La differenza è netta anche se siamo da sempre portati a pensare che le due cose vadano di pari passo. Già da piccoli facevamo confusione a definire tale concetto.

Infatti, da bambini pensavamo che disobbedendo ai nostri genitori o magari non prendendo voti alti a scuola, loro avrebbero smesso di amarci. E questa convinzione ha inevitabilmente influito su tutte le nostre relazioni in età adulta.

La ricerca dell’amore a base di sforzi

A questo punto è legittimo chiedersi come sia  potuto accadere e perché finiamo per intraprendere relazioni sbagliate dove si ha difficoltà a percepire l’amore.  In questo caso occorre riflettere sulla propria infanzia.

Purtroppo, molti genitori fanno il grave errore di esprimere affetto o parole di orgoglio solo quando questi fanno tutto bene o come loro si aspettano. Ma cosa succede se le cose non vanno secondo le aspettative dei genitori? Si arrabbiano, si mostrano delusi….

Secondo Bowlby è il rapporto con le figure di caregiver che permettono di interiorizzare una figura valorizzata di sé: un bambino amabile, importante, accettato per come è. Oppure uno fragile: non ho attenzioni perché non me le merito, non sono abbastanza importante, posso essere amato solo se faccio quello che dicono mamma e papà.

La ricerca dell’amore a base di sforzi

Con il passare degli anni, impariamo a forgiare relazioni basate sullo sforzo, e l’altra persona riveste per noi una grande importanza, mentre noi rimaniamo a sua disposizione. La nostra felicità inizia a dipendere dagli altri, dal valore che ci attribuiscono. Tutto ciò può andare bene solo all’inizio di una relazione. Con il tempo, questo continuo prodigarsi per l’altro, inizia a causare sofferenza.

Sentirsi amati per quello che si è, comporta un percorso difficile che ha come finalità la profonda conoscenza di sé e soprattutto l’accettazione, quella che è stata negata da bambini.

Essere valorizzati non significa essere amati

Valorizzare non è sinonimo di amore, certo, spesso le due cose vanno a braccetto ma solo quando possibile. Se il tuo partner inizia a lamentarsi perchè si sente trascurato e tradito nelle sue aspettative, dovrà farsene una ragione e mostrare la comprensione che meriti. In caso contrario vorrà dire che non nutre abbastanza affetto e rispetto per te.

Un esempio pratico? All’inizio della relazione hai voluto viziare il tuo partner portandogli la colazione a letto ogni mattina. A un certo punto, questa bellissima abitudine non è stata più compatibile con le tue nuove priorità e pertanto hai interrotto il rituale mattutino. Insomma, solo perchè non hai continuato a portargli la colazione a letto, il tuo partner non può sentirsi deluso o essere risentito nei tuoi confronti!

Il problema è che per troppo tempo non abbiamo saputo distinguere tra l’amore degli altri per ciò che facciamo e l’amore per quello che siamo. Abbiamo sentito tutti frasi del tipo: “se mi ami, dimostramelo”. Una frase che riassume quanto siamo condizionati da ciò che possiamo o meno dimostrare con le nostre azioni, esattamente come accadeva quando eravamo piccoli.

Quante coppie cominciano, con il tempo, a recriminare cose che prima permettevano? Sembra che quando smettiamo di essere accecati dalla fase dell’innamoramento, vediamo la persona per quello che è, e non ci piace.

Cosa facciamo allora? Proviamo a cambiare questa persona, a modificarne l’essenza, a trasformare il suo essere. E chi si porta certe ferite dentro l’anima non gli resta che cercare sempre il modo di rendere felice chi è al suo fianco per potersi sentire amato e valorizzato.

Non ha senso agire per sentirsi valorizzati

L’affetto e l’amore non si guadagnano facendo qualcosa per gli altri. Perché tutti noi possiamo cambiare idea o avere una giornata no, e rifiutarci di fare qualcosa per gli altri. Non bisogna sforzarsi tanto, non bisogna smettere di pensare a se stessi e rendere l’altro la propria priorità, altrimenti, prima o poi, dipenderemo dagli altri per essere felici.

Il bisogno di sentirsi valorizzati si accompagna ad una bassa autostima: l’annullamento della propria personalità porta ad una sopravvalutazione dell’altro. Un idolo da non deludere, da accondiscendere.

Curiamo quella ferita emotiva che ci portiamo dietro fin dai tempi dell’infanzia, quando i nostri genitori ci dimostravano che ci amavano o meno rispetto ai nostri successi e risultati. Non siamo più bambini, siamo adulti maturi e meritiamo di essere felici e di non dover fare sempre l’impossibile affinché gli altri ci amino.

Abbandoniamo la credenza che amare sia sinonimo di essere valorizzati grazie a ciò che possiamo fare per gli altri. Iniziamo a concentrarci su noi stessi e smettiamo di sforzarci tanto per essere amati. Le persone che ci amano lo faranno per come siamo, non per quanto facciamo per loro.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento