La personalità liquida: il rifiuto di diventare adulti

La personalità liquida fa riferimento ad un tipologia di persona che si caratterizza per costante insoddisfazione, per la continua ricerca del compagno ideale, di una persona che “la possa far stare bene”, di qualcuno che dia significato alla propria vita.

Le personalità liquide sono sia uomini che donne e si riconoscono perche’ attribuiscono al partner la responsabilita’ di definire la loro identita’, instaurando un rapporto simbiotico che richiede una dedizione assoluta e continua.

Per comprendere meglio questo tipo di personalità prendiamo come esempio l’acqua e la bottiglia, la personalita’ liquida e’ come l’acqua, non ha una propria forma ma assume quella del suo contenitore con cui sta in totale contatto e che conferisce al liquido una identita’ attraverso la forma della bottiglia. In riferimento a questo esempio, l’acqua senza bottiglia si disperderebbe e non avrebbe confini, per cui non può fare a meno della bottiglia.

La personalità liquida nutre verso chi la contiene sentimenti ambivalenti, poichè da un lato le da forma e le consente di esistere dall’altro la limita. Se rinunciasse al suo partner contenitore perderebbe la propria unita’ ed identità e verrebbe travolta dalla paura del vuoto.

Si caratterizza per il desiderio di assumere potenzialmente qualunque forma, come se volesse mantenere quel senso di onnipotenza infantile secondo cui tutto e’ possibile, non volendo prendere in considerazione la realtà con i suoi limiti e le frustrazioni che questi inevitabilmente generano. Gode della fantasia di prendere forme diverse a seconda del partner e allo stesso tempo gli/le delega il compito di dare un senso alla propria vita.

Tale soluzione apparentemente ideale e’ di breve durata e di scarsa efficacia perchè la personalità liquida, alla continua ricerca della propria identità, ha bisogno di differenziarsi dal partner, per scongiurare il rischio di confondersi con i limiti del proprio contenitore.

L’esito di questa situazione e’ una condizione di permanente infelicità poichè la personalità liquida non riesce a vivere da sola ma neanche in una relazione simbiotica pur desiderandola spasmodicamente, tale condizione richiama il vecchio adagio ne’ con te ne’ senza di te.

Alla base di questo processo vi e’ il desiderio di ricreare il modello relazionale madre neonato, la personalità liquida = neonato, si aspetta amore e benessere immediato per soddisfare le proprie richieste. Chiaramente qualunque relazione d’amore, anche la più completa non sarà  mai all’altezza di questo ideale ormai fuori tempo e appartenente ad un passato remoto, che si ostina ad attualizzare pur non essendoci più i presupposti.

Ogni relazione per quanto soddisfacente, non sara’ mai “tanto perfetta” da avvicinarsi a quell’ideale di assoluta disponibilità. Non a caso per la personalità liquida più che l’altro e’ importante quanto può rispecchiarsi narcisisticamente nella vita dell’altro e nelle sue azioni pur rifuggendo allo stesso tempo l’intimità di una relazione.

La personalità liquida può essere sia attiva che passiva, sia chi ricopre il ruolo di contenitore che di contenuto, a ben vedere anche il contenitore ha il suo tornaconto narcisistico poichè gli e’ affidato il ruolo indispensabile di contenere e dare un senso al contenuto.

La funzione del contenitore assume significato solo rispetto al suo contenuto, entrambi sono complementari, l’identita’ dell’uno e’ legata alla definizione di quella dell’altro ma entrambi presi singolarmente, mancano di una identita’ propria e non affrontano la sfida della definizione di se’.

La via per uscire dalla condizione di mancanza di identità non e’ quella di incontrare il partner ideale ma di ricercare un nuovo modo di rapportarsi a se stessi e agli altri, affrontando quello che Racamier definisce il “lutto originario” . Questa nuova condizione consente di tollerare la frustrazione di avere dei confini che definiscono l’unicità e limitano le potenziali infinite forme che l’identità potrebbe assumere, inoltre spianerà la strada per riconoscere le emozioni e dare valore alla propria identità instaurando legami adulti con gli altri.

E’ possibile considerare la personalità liquida non solo come un disturbo della personalità ma anche come una forma di adattamento, sviluppata nell’odierno periodo storico che si caratterizza per la velocità di passare da un desiderio all’altro, per relazioni fugaci che si rompono e sostituiscono con altrettanta velocità, per la paura del vincolo affettivo e per una scarsa propensione ad aprirsi ed impegnarsi nella conoscenza dell’altro, unica base per creare una coppia stabile e durevole.

Articolo a cura di Marco Salerno, psicologo psicoterapeuta

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


Psicoterapeuta ad orientamento clinico

Nessun commento.

Lascia un commento