Le questioni in sospeso ci aspettano dietro l’angolo. Consigli per vivere meglio e liberarsi delle zavorre emotive

Ognuno di noi è architetto della propria vita

Vi sono persone che convivono costantemente con una sorta di “peso emotivo” poiché non riescono ad affrontare in modo disincantato ed efficace le situazioni negative che si presentano durante la vita; può essere un litigio, una perdita, una delusione professionale…

Che cos’è un peso emotivo o zavorra emotiva? 

Una zavorra emotiva altro non è che un peso che ci trasciniamo inconsapevolmente, un carico che ci accompagna dal mattino fin alla sera; un carico che ci indebolisce e che ci limita nelle nostre esperienze. Non lo vediamo ma c’è: è come se portassimo sempre con noi un carico di 100 chili.

“Se vogliamo essere felici, possiamo esserlo adesso, perché la chiave della felicità è nascosta dentro di noi. Essa non dipende dagli avvenimenti che ci capitano ma dal modo in cui li percepiamo e li affrontiamo”  Anthony De Mello

Quando decidiamo di portarci dietro la nostra zavorra emotiva?

Tutti noi, in qualche modo, abbiamo qualche vecchia questione irrisolta, intrappolata nelle profondità del nostro cervello. E’ purtroppo nostra cattiva abitudine non voler affrontare determinate dinamiche, e questo ci porta inevitabilmente a “sotterrare” fatti traumatici o scomodi nei meandri della nostra mente.

“Le questioni irrisolte ci accompagnano ed influiscono negativamente sulla nostra personalità, sulle nostre emozioni”

Mi riferisco, per esempio, a una relazione affettiva o sentimentale terminata senza una spiegazione. Quelle opportunità che, per paura o indecisione, lasciamo scappare. Quei rapporti tossici con amici o parenti che non riusciamo ad allontanare per paura di stare soli o perchè incapaci di agire.

Come accettare il passato e abbandonare il nostro peso emotivo

L’arte di lasciar andare può essere considerata una vera e propria filosofia di vita attraverso la quale è possibile sentirsi meglio, riuscire ad affrontare tutto (lavoro, relazioni, passioni) con maggior serenità. Eliminare le “zavorre” interiori non è sempre semplice ma in questo articolo cercherò di darti consigli utili a riguardo.

“Per poter andare avanti, dobbiamo imparare a risolvere le questioni in sospeso. Solo in questo modo potremo investire tutto il nostro interesse e tutto il nostro entusiasmo nel presente e nel futuro, senza zavorre”

Ecco come vivere meglio liberandosi delle zavorre emotive

Per prima cosa, devi sapere che tutte le questioni in sospeso si risolvono nel luogo più importante: dentro di te. Trovare l’equilibrio emotivo è il primo passo per disattivare il peso delle questioni in sospeso.

Assumere nuove prospettive

Per disfarti di questo carico che ti trascini dovrai assumere nuove prospettive.

  • Io non sono la persona che mi ha ferito, sono molto più delle mie ferite e delle mie delusioni.
  • Il passato non deve rendermi prigioniero/a del mio presente.
  • Se in passato ho commesso degli errori, posso solo imparare da essi per avere un presente più sereno
  • Le questioni in sospeso devono concludesi definitivamente e divenire questioni risolte in modo che il qui ed ora mi offra opportunità migliori.

Controllare le emozioni negative

Le emozioni negative devono essere gestite, trasformate in maniera tale da farle diventare uno stimolo positivo. Se per esempio litighi con il tuo partner, cogli l’occasione per riflettere, per capire cos’ha fatto scatenare lo scontro. In questo modo individuerai il problema e capirai come affrontarlo.

Individuare i propri veri bisogni

Partendo dal presupposto che tutto ciò di cui hai davvero bisogno sei solo tu e nessun altro, devi domandarti: quali sono i miei bisogni, le mie necessità? Cerca di capire di cosa hai realmente bisogno, cosa ti occorre per star bene.

A volte possono essere solo passioni, hobbies (dipingere, sport etc) talvolta potresti scoprire che il lavoro che svolgi non ti gratifica e che è giunto il momento di cambiar vita.
Se non riesci a conoscerti, ad individuare le tue reali esigenze continuerai a vivere con questo peso enorme sullo spirito (senza sapere il perché).

Praticare meditazione

Per imparare l’arte di lasciar andare, il benessere del proprio spirito è fondamentale! Lo yoga è una di quelle attività nelle quali il benessere spirituale è messo al primo posto! Corpo e spirito infatti si condizionano a vicenda. Attraverso esercizi di respirazione, imparerai a trarre l’energia positiva da ciò che ti circonda! La meditazione aiuta ad avere maggiore consapevolezza di se stessi, mente/corpo.

Valorizzare le mete raggiunte

Quando vi sono periodi particolarmente negativi, di crisi, cala vertiginosamente anche la fiducia in se stessi. L’autostima è il pilastro fondamentale della tua vita e va salvaguardata a tutti i costi.
Impara a valorizzare i traguardi raggiunti! Prova a scriverli su un foglio di carta. “Vedere” nero su bianco ciò che in passato sei riuscito/a a realizzare ti aiuterà a credere nuovamente nella tua persona.

Il diario delle emozioni

Più volte ho consigliato di scrivere un “diario delle emozioni” per riuscire a conoscere meglio se stessi ed a gestire le situazioni negative.
Anche per imparare l’arte di lasciar andare può essere utile un diario del genere aggiungendo una sezione dedicata alla gratitudine. Spesso il ricordo delle esperienze positive ha vita breve, cade velocemente nell’oblio. Descrivendolo su un diario lo ricorderai con maggior lucidità, con più dettagli, l’esperienza apparirà più viva ai tuoi occhi. Attraverso la scrittura la mente si “focalizza” permettendoti di rielaborare ciò che ti è accaduto, traendone il meglio.

Autoironia

Le persone auto-ironiche sono quelle che vivono meglio. Se saprai ridere delle tue disavventure riuscirai a superare i problemi con meno sforzi e più leggerezza.
Cerca di cogliere il lato comico delle situazioni, evita solo di lamentartene, aggiungi sapore alla vita e sarà più semplice lasciar andare le situazioni negative!

Liberare le emozioni

Oggigiorno uno dei problemi principali delle persone è quello di trattenere le emozioni. Trattenersi in questo modo può creare seri problemi, vere e propri esploit emotivi che hanno un effetto devastante sulla tua stabilità (altro che lasciar andare la negatività!)

Sei triste e con le lacrime agli occhi? Piangi! Ti hanno fatto arrabbiare? Arrabbiati con il responsabile. Esponi i tuoi stati d’animo, non reprimerti! Adesso il tuo futuro deve essere il riflesso di una bella parola: speranza.

Lascia andare quello che non ha rimedio, quello che ormai è andato perduto, quello che è scaduto e investi tutte le tue energie e la tua fiducia nel presente.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

loading...