Perchè il mio partner ha scelto proprio me: è amore o altro?

 

“Non c’è travestimento che possa nascondere a lungo l’amore dov’è, né fingerlo dove non è”. François de la Rochefoucauld

Sia che abbiamo appena cominciato ad uscire o stiamo insieme per decenni, vi sono delle componenti caratteriali e comportamentali che rendono una relazione ben bilanciata. Capire il vero senso della relazione non solo ci aiuta a definire il nostro ruolo in una relazione, ma può anche influenzare quanto ci sentiamo soddisfatti della relazione stessa.

Due cose ci salvano nella vita: amare e ridere. Se ne avete una va bene. Se le avete tutte e due siete invincibili” afferma lo scrittore indiano Tarun Tejpal a proposito dell’amore. Cosa ci spinge ad avvicinarci a quella persona e viceversa? Amore o necessità? Qual è la differenza tra l’amore e la dipendenza? È un confine sottilissimo che a volte si potrebbe persino confondere.

Abraham Maslow, altro grande psicologo statunitense, partendo dagli studi di Erich Fromm divide l’amore in due tipologie: D-Love (Being-Love) e il B-Love (Being-Love): il primo è più un rapporto di dipendenza per l’appagamento dei propri bisogni mentre il secondo è un amore libero e non egoistico. E l’amore vero, quello sano è proprio quest’ultimo.

Nelle relazioni sane i partner si completano vicendevolmente

Ogni membro della coppia gioca un ruolo indispensabile nella vita dell’altro pur mantenendo attivi gli interessi individuali. L’equilibrio tra sentirsi necessari ed essere indipendenti può essere difficile da ottenere, ma può anche mascherare alcune modalità in cui i membri di una coppia dipendono l’uno dall’altro. In altre parole non sempre è semplice capire le dinamiche  in cui esigenze e bisogni sono in armonia.

Nonostante certi atteggiamenti sembrino palesare espressioni di amore, in realtà può nascondere una realtà molto triste

Si facilita la vita all’altra persona, ci si fa carico dei problemi, gli si dà supporto nelle situazioni difficili ci si sforza affinché l’altro non debba affrontare esperienze spiacevoli. Tuttavia, questa disposizione non è gratuita, si paga con la limitazione dell’autonomia e della libertà.

Come ho già accennato, parliamo di un sottile confine che spesso può portare alla paura di perdere l’altro. E se ciò dovesse accadere, inconsciamente si avrebbe la convinzione di perdere anche se stessi. Tale è ormai l’impersonificazione! La relazione non va avanti per voglia di condivisione con l’altro ma solo per la paura devastante della solitudine. Non è affatto contemplata la possibilità di ricostruire la propria vita senza l’altra persona e tanto meno compiere scelte proprie.

Come si riconosce una relazione di dipendenza

Seppur considerando l’amore come fusione totale in tutto e per tutto, è bene capire quando fusione è sintomo di dipendenza affettiva invece che consolidamento del rapporto di coppia in maniera sana. E’ vero che ci si deve sentire un tutt’uno con il partner ma come alleati e complici l’uno dell’altro. Il nostro partner dovrà comprenderci, sostenerci, difenderci ma ognuno dovrà mantenere la propria individualità…..quella che è la propria sfera di pensiero e di azione.

Perchè è facile scambiare la dipendenza affettiva con l’amore

Chi è orfano di affetto, attenzioni e amore fin dalla più tenera età può facilmente incappare in meccanismi malsani. Parliamo di quei bambini che provengono da contesti familiari problematici, nei quali i genitori, focalizzati sulle proprie sofferenze, non hanno trovato risorse ed energie per occuparsi dei propri figli, finendo così per trascurarli da un punto di vista emotivo.

Un bambino o una bambina che cresce in un simile contesto diventa emotivamente dipendene. Tende a pensare di non essere degno/a d’amore o magari di potersi guadagnare l’affetto solo facendo il bravo o la brava e prendendosi cura degli altri. Diventa, con il tempo, un individuo disabituato a prendersi cura di sé. Si convince che l’amore significa annullarsi per il partner, mette così da parte i bisogni personali di fronte alle richieste altrui, trascura il proprio benessere fisico e psicologico pur di non deludere l’altro.

“La dipendenza affettiva è quel particolare stato mentale in cui una persona tende quasi ad identificarsi con l’altra: imposta tutta la sua vita, le sue azioni, le sue scelte verso l’altro, come se ormai non avesse più un suo individuale spazio vitale e non riuscisse più a tracciare il confine fra la mia persona e la sua persona”

Ci sono delle frasi che dovrebbero suonare come un campanello d’allarme:

  • “Ho bisogno di un uomo/una donna nella mia vita per stare bene”, o “Senza di te non sono nulla” in questi casi la coppia sovrasta la vita del singolo partner. Sono chiari segnali di poca autostima
  • “Dove sei, con chi, cosa fai, cosa pensi?” il desiderio di ricevere costantemente affetto, contatto fisico o a distanza, come ad esempio con le chiamata o i messaggi sul cellulare, anche a costo d’interrompere le attività quotidiane.
  • “Stiamo così bene noi due da soli che non abbiamo bisogno di nient’altro” in questo caso di manifesta una tendenza a vivere una relazione esclusiva, tagliando fuori gli amici e le relazioni sociali. In questo modo si crea una sorta di barriera entro la quale vive solo la coppia
  • “Quello che vuoi amore”, “Facciamo come dico io tesoro”: la relazione si basa sul binomio potere-paura, dove uno comanda e l’altro esegue, può generarsi questa situazione anche in modo inconsapevole
  • “Per favore, non andartene, se mi lasci muoio”: la paura di restare soli, di vivere l’abbandono, il distacco dal partner si vive come una catastrofe, come la fine della propria esistenza. In questo caso la coppia non fa altro che lasciarsi e riprendersi
  • “Sono molto sfortunato/a, incontro sempre lo stesso tipo di persona”. Molte volte le diverse relazioni che si vivono hanno un profilo simile. Dopo la rottura si vive risentimento, disprezzo proprio come accadeva con un ex precedente.

Scegliere la persona giusta….Ecco L’INGREDIENTE

La verità è che non possiamo amare altre persone se prima non amiamo noi stessi. L’amore non risiede dove vi è assenza di amor proprio. Non possiamo amare finché non ci amiamo nel profondo.

E amare se stessi incondizionatamente significa avere il coraggio di dire No quando serve. Significa anche avere il coraggio di dire Sì, ed osare vincendo la paura di essere feriti. Significa accettare le nostre debolezze e i nostri punti di forza. Perché quando ci accettiamo per come siamo veramente non abbiamo più bisogno di mentire o sforzarci di essere diversi….E questo apre la strada al vero amore.

Prima di gettarti a capofitto in una relazione in cui trasmigrare tutte le tue insicurezze verso il partner e “respirare” solo della sua presenza impara ad amarti e ad avere in primis stima in te stessa/o. Sei pronta/o  ad accogliere l’amore più bello della tua vita? Amati senza riserve e tieni sempre a portata di mano questo pensiero: non c’è persona al mondo che ti amerà più di quanto tu non ami te stessa/o….tu sei  l’unica compagnia che non perderai mai.

Se vuoi essere aggiornato su argomenti che promuovono la crescita personale ed emotiva, puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale . Puoi commentare le tue esperienze nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

 


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

I commenti sono chiusi.