Non sentirsi abbastanza: 9 esperienze infantili che ti hanno segnato

non sentirsi abbastanza

C’è qualcosa dentro di te che non ti fa sentire pienamente soddisfatto: non ti senti mai abbastanza, la tua stessa vita non è abbastanza, i tuoi risultati sul lavoro non sono abbastanza e c’è sempre quella sensazione che dovresti lavorare di più, impegnarti più duramente perché è così difficile trovare la vera soddisfazione! Ma qual’è la vera soddisfazione? Raggiungere forse il tuo peso ideale? Svolgere forse ogni mansione alla perfezione? Essere semplicemente perfetta? Se è così, sei caduta in una grossa trappola e faresti bene a metterti in salvo.

Tutto questo tuo “non sentirti abbastanza” pone le sue radici nell’infanzia. Il tuo voler essere perfetta è proporzionale al senso di invalidazione che hai sperimentato quando eri bambina. Più oggi ti ostini a voler essere abbastanza e più in passato ti hanno fatto sentire come se non valessi nulla. Non ci credi? Non mi meraviglia.

La maggior parte delle persone non riconosce nemmeno a riconoscere le avversità che ha dovuto fronteggiare durante l’infanzia, non è consapevole del dolore sperimentato, delle invalidazioni subite e delle sofferenze interiori patite in quanto tali. E’ per questo motivo che ti riporto degli esempi pratici di modelli educativi ed esperienze comuni che avrebbero potuto invalidarti e non consentirti di sviluppare un nucleo realizzativo, la tua autostima, il tuo amor proprio.

1. Sei stato paragonata agli altri

I genitori o altre figure di riferimento (compresi insegnanti), spesso commettono l’errore di paragonare in modo esplicito, un bambino all’altro al fine di indurre un cambiamento comportamentale. “Guarda Laura, lei sì che è una brava bambina, tu sei solo una bambina capricciosa” o peggio “Hai visto Luca come è stato bravo oggi? Vorrei avere una figlio come lui”. “Se Simona è riuscita a prendere un buon voto, perché tu no?”.

Quando il caregiver (figura accudente) confronta negativamente il suo bambino con gli altri, gli impone un ambiente competitivo assegnandogli, di partenza, il posto da perdente. E’ inutile dire che questo innesca insicurezza, dubbi, diffidenza e anche la credenza di non essere abbastanza buono.

Un bambino così educato, cresce con la tendenza intrinseca a confrontarsi costantemente con gli altri, sentendosi “inferiore” (non sono mai abbastanza) o “superiore” (narcisismo per compensazione).

2. Sei cresciuto all’ombra di  un fratello privilegiato

La disparità di trattamento tra fratelli può lasciare una serie di ferite difficili da sanare. In alcuni contesti, il figlio minore è portato inconsapevolmente a competere per conquistare l’amore materno. Quando vi è una differenza di trattamento tra fratelli, l’amore non viene condiviso tra i consanguinei ma diviso, avendo la percezione che un fratello sia privilegiato.

I bambini non possono comprendere le dinamiche che spinge un genitore a favorire un figlio o semplicemente a trattarlo in modo differente, così si autoconvincono di non valere abbastanza da meritare le attenzioni del genitore al pari del fratello. Per maggiori informazioni ti consiglio di leggere i miei articoli:

3. Hai dovuto soddisfare aspettative irrealistiche

A volte i genitori lo fanno in modo esplicito: pretendono che il bambino sia il primo della classe, il più educato, il bambino perfetto… altre volte lo fanno in modo più subdolo e sottile.

Una madre può avere pretese malsane e, al momento del bisogno o quando il bambino è colto in fallo, partono con frasi tipo “come è possibile che mi disubbidisci? Con tutto quello che ho fatto per te?”. 

In entrambi i casi il bambino inizierà a non sentirsi abbastanza o addirittura a sentirsi responsabile per le insoddisfazioni materne.

4. Hai dovuto prenderti tu cura di tua madre

Se da piccola hai percepito tua madre come fragile o come una vittima, probabilmente c’è stata un’inversione dei ruoli e non hai mai sperimentato la giusta dimensione di sicurezza, di cure e di amore.

Se sei cresciuta con una “madre fragile/depressa“, non hai mai ricevuto la giusta protezione e fin da bambina hai cercato di comportarti da adulta per consolare e proteggere tua madre. E’ inutile dire che hai iniziato a sentirti responsabile per ogni cosa che andava storta nella sua vita e così hai maturato di non essere abbastanza per renderla felice. Sentimento che non ha mai smesso di accompagnarti.

5. Ti hanno sempre assegnato un ruolo da subordinato

Purtroppo molti genitori vedono il bambino come un subordinato, qualcosa di legittima proprietà e, di conseguenza, lo trattano come tale. Questo contesto è davvero drammatico: il ruolo del figlio non cambia nel tempo, anche in età adulta, il genitore continuerà ad avere pretese e continuerà a trattare il figlio in modo subordinato.

Alcuni bambini crescono con lo scopo di soddisfare i bisogni dei genitori e non viceversa come la realtà dovrebbe essere! Quando un bambino fallisce e non riesce a soddisfare le aspettative del genitore, viene colpevolizzato in modo implicito o esplicito. Non c’è da sorprendersi se questi bambini crescono con un senso del sé distorto.

6. Non ti è stata insegnata l’autonomia

Spesso la mamma commette l’errore di sostituirsi al figlio in ogni sua mansione e in ogni sua scelta. Il bambino, in questo contesto, non si sentirà mai abbastanza sicuro di esplorare la vita, prendere decisioni o commettere errori. Questi bambini crescono con la credenza di non essere competenti, questo fenomeno è chiamato “impotenza appresa”.

Il genitore attua un meccanismo consapevole o inconsapevole (a volte consapevolmente, per rendere il bambino dipendente e manipolabile) e come risultato finale si ritroverà con un adulto che non diverrà mai pienamente indipendente dallo stesso genitore. Il genitore dovrà così continuare a soddisfare i bisogno del figlio. Questa dinamica deriva da un’antica e irrisolta paura dell’abbandono del genitore che così facendo vincola il figlio a sé.

7. Semplicemente non sei stato amato nel modo giusto

Un bambino con una madre amorevole e in sintonia con i suoi bisogni, cresce con la consapevolezza di essere degno di attenzioni, amabile e sicuro di esplorare il mondo che lo circonda. Al contrario, un bambino che cresce con una madre non in sintonia con i suoi bisogni, si convincerà di non essere meritevole, di non essere abbastanza. Per approfondire queste dinamiche ti invito a leggere l’articolo: gli errori dei genitori che causano disturbi.

Per altri modelli ricorrenti che avrebbero potuto indurti a sentirti “sbagliata” e “non abbastanza” ti consiglio di leggere l’articolo Tipologie di mamme e ripercussioni in età adulta.

8. Hai subito critiche nascoste

Molti genitori hanno un approccio nefasto e negativo nei confronti della vita o nello specifico con i figli; così, anche un complimento può essere percepito come un’offesa, soprattutto quando la personalità è in fase di costruzione.

Quando queste critiche nascoste arrivano da una mamma, il risultato è più devastante: ogni critica celata funziona per risonanza e attiva un meccanismo che ti indurrà a pensare che, per quanto tu possa sforzarti, non sarai mai abbastanza... perché è così che le stesse frasi ti hanno fatta sentire da bambina. Per approfondire ti invito a leggere il mio ultimo articolo: Le critiche nascoste di chi dice di amarti.

9. Hai subito il trattamento del silenzio

Ricordi che da bambina, quando avevi uno screzio con tua madre, lei si comportava come se tu non esistessi? Come se tu fossi invisibile? Ti ignorava per mostrare quanto fosse delusa di te. Beh, i risvolti di un abuso emotivo simile li ho approfonditi in una pagina dedicata, proprio soffermandomi sul rapporto madre-figlio: trattamento del silenzio, l’abuso emotivo che non ha bisogno di parole.

Hai riconosciuto qualcuno di questi atteggiamenti nella tua educazione? Secondo te, come ti ha influenzato? Sentiti libera di lasciare i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto.

Se pensi di non essere abbastanza

Lasciare andare le antiche credenze apprese e i ruoli che ti sono stati assegnati durante l’infanzia può essere estremamente difficile, al punto che molte persone credono di non essere in grado di farlo: non c’è da stupirsi, nessuno gli ha mai insegnato a credere in se stesse! Tuttavia, devi sapere che chi si sforza di migliorare se stesso e soprattutto di affrontare un passato doloroso, alla fine avrà le sue grosse ricompense: autonomia, soddisfazione, senso di completezza, capacità di individuare e perseguire i propri obiettivi e… sì, anche autentica felicità.

Quando una persona è portata a credere di non valere, di non essere abbastanza, si gira intorno cercando ovunque delle evidenze che confermino questa visione negativa piuttosto che analizzare i fatti che possano provare il contrario. Ti chiedo di fare questo: analizza i fatti e inizia a gioire anche delle più piccole conquiste. Inizia dal basso, inizia con l’apprezzarti davvero per ciò che sei e non per ciò che fai.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Anna De Simone, life e mental coach, scrittrice e admin di psicoadvisor.com

1 Commento a “Non sentirsi abbastanza: 9 esperienze infantili che ti hanno segnato”

  1. Cristina

    Apr 14. 2018

    Solo grazie…

    Reply to this comment

Lascia un commento