Perché una figlia non amata, da grande, sceglie il partner sbagliato

Inconsciamente sei attratta da ciò che ti è familiare, da quello che già conosci… Questa, in realtà, potrebbe essere una grande formula per ottenere successo e felicità ma solo se sei crescita con genitori che ti hanno amata nel modo giusto.

Se la tua figura di attaccamento ha instaurato con te un legame sano, coerente e sufficientemente sicuro, per te non sarà difficile individuare chi vuole soggiogarti e allontanerai narcisisti e manipolatori in un batter d’occhio. Il partner che sceglierai è una persona che ricerca le tue stesse cose: interdipendenza, reciprocità, comunicazione, supporto e intimità. 

Questo purtroppo non vale se i tuoi bisogno emotivi, quando eri bambina, non sono mai stati soddisfatti. Ecco perché una figlia non amata finisce per unirsi al partner sbagliato. 

Le persone che durante l’infanzia non hanno avuto una figura di attaccamento coerente e affidabile sembrano essere particolarmente vulnerabili e tendono a ricreare le condizioni emotive in base alle insicurezze che hanno vissuto durante la loro infanzia.

Perché si verifica questo fenomeno? Molto è già stato spiegato nell’articolo Perché una bambina non amata, da grande, s’innamora di un narcisista. In questa pagina, invece, non mi soffermerò solo sullo sviluppo della ferita narcisistica ma farò una panoramica generale tentando di spiegare come si perpetua questo meccanismo che spinge molte donne a finire, storia dopo storia, sempre tra le braccia del partner sbagliato!

La visione dell’amore della figlia non Amata

Ogni nostra scelta, dalla notte dei tempi, si basa su pregresse conoscenze. Al bar, scegliamo il gelato a nocciola perché conosciamo il suo gusto. Se la nostra scelta è davvero consapevole, probabilmente avremmo assaggiato anche altri gusti confrontandoli con la nocciola.

Purtroppo l’amore non si compra in una gelateria. Se una bambina ha conosciuto solo una versione dell’amore rivisitata in molo modo da sua madre, da adulta farà scelte basate sulle sue conoscenze pregresse e ricercherà quella versione d’amore che già conosce, nel male o nel bene.

In base alla versione dell’amore ricevuta, o meglio, al tipo di legame instaurato con la madre, vengono fuori gli scenari più disparati.

Una bambina che ha dovuto sempre combattere per ricevere attenzioni della madre, oppure che semplicemente non è stata ascoltata come avrebbe meritato, da grande sarà incline a scegliere il partner sbagliato. Come? Se questa donna dovesse incontrare un partner che in alcuni momenti sembra essere emotivamente disponibile e in altri momenti si nega, quel comportamento per la donna potrebbe essere vissuto quasi come normale. Per una figlia non amata, un comportamento incoerente non sventolerà come una bandiera rossa e probabilmente quella donna aumenterà i suoi sforzi per avere un legame con un partner così altalenante.

Il vero problema è che una bambina non amata non ha mai conosciuto l’amore inteso come reciprocità, cure, interdipendenza… Quindi da adulta non disporrà di conoscenze pregresse per fare le scelte “giuste”.

Per bambina non amata non s’intende necessariamente una figlia trascurata, abbandonata, lasciata sola o che ha subito abusi. Per bambina non amata s’intende qualsiasi bambina che non ha ricevuto un adeguato supporto emotivo.

Una bambina che ha dovuto sostenere la mamma perché l’ha vissuta come vulnerabile, una bambina che è cresciuta all’ombra di un fratellino o sorellina più in vista, una bambina alienata dalla madre, una bimba con una madre istrionica, borderline o narcisista… i volti della trascuratezza emotiva sono tanti. Per una panoramica completa ti segnalo la pagina Bambino trascurato, quali sono i disturbi in età adulta.

La bambina non amata, da grande, potrebbe amare gli estremi

Questa non è una verità assoluta ma vale per molte figlie non amate. Una bambina non amata potrebbe essere emotivamente instabile e confondere gli alti e bassi di un rapporto (montagne russe emotive) per normale passione.

Gli estremi, gli alti e bassi in una relazione, rendono tutto più familiari ma non c’è niente di passionale in questo… solo che una figlia non amata non lo sa! Questo spiega perché le bambine non amate sono inclini a stringere relazioni con soggetti che hanno spiccati tratti narcisistici o borderline.

Per approfondimenti: che bambino è stato una adulto borderline

Le bambine non amate sono già abituate alla manipolazione

Hai sensi di colpa nei riguardi di tua madre? Il senso di colpa è un’eredità molto difficile lasciata da una madre che ha usato i suoi scomodi filtri emotivi per educare i suoi figli. Quel senso di colpa non è reale ma frutto di costanti e protratte manipolazioni.

Una figlia che è stata manipolata, da grande, tenderà a manipolare il prossimo e tenderà anche a farsi manipolare. Ormai la manipolazione è divenuta assoluta normalità, anzi, per alcune persone, sarà difficile trovare vie comunicative/relazionali differenti.

Attenzione! Non sto incolpando tua madre per ogni tuo fallimento amoroso!

Una madre che non ha dato un’educazione emotiva adeguata ai suoi figli, non è necessariamente una cattiva madre o certamente non bisogna farle una colpa se lei, purtroppo, non ha avuto strumenti emotivi adeguati al suo compito di genitore.

Tutte noi siamo portate a essere grate alla mamma per ciò che ci ha dato, per il suo affetto incondizionato e le sue cure… ma spesso non siamo abbastanza lucide e razionali da capire che il rapporto che avevamo con nostra madre da piccole, ha potuto lasciarci un’eredità pesante e molto spiacevole.

Cosa può cambiare la situazione?

L’autoconsapevolezza fa la differenza. Come premesso, sono le conoscenze pregresse ad aiutarci a fare le scelte… quindi la chiave di tutto è la consapevolezza.

Nell’instaurare nuove relazioni amorose bisognerebbe avere la lucidità di discriminare l’amore vero dal procrastinare lo stile di attaccamento che abbiamo appreso durante l’infanzia. La differenza la facciamo noi anche grazie alla scelta del partner: scegliendo un partner sicuro potresti andare incontro a quella che molti psicoterapeuti definiscono esperienza emotiva correttivavale a dire che finalmente, potresti vivere un rapporto fatto da vera reciprocità e inter-indipendenza. Niente svalutazione, niente morbosità, niente dipendenza affettiva… un rapporto sano e maturo ma, ovviamente, oltre a saper scegliere il partner dovresti essere anche pronta a questo.

Altri approfondimenti sul tema sono disponibili a queste pagine:


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

loading...