Perché una bambina non amata, da grande, s’innamora di un narcisista

bambina-trascurata

Innamorarsi della persona sbagliata è un “incidente di percorso” che può capitare a tutti, una volta nella vita! Se si resta intrappolate per anni in un rapporto malato o si è attratte solo da uomini che poi si rivelano egoisti e inaffidabili, non si può affatto parlare di caso o di sfortuna.

Chi s’innamora di un narcisista potrebbe celare il bisogno di compensare un profondo vissuto di inadeguatezza personale, radicato fin dall’infanzia.

La trascuratezza emotiva nell’infanzia può innescare ferite difficili da curare che condizionano fortemente lo scandire dei giorni in età adulta. Ecco perché una bambina non amata potrà più facilmente innamorarsi di un narcisista.

Il bisogno di dare e il bisogno di ricevere

Il narcisista non è mai soddisfatto delle attenzioni perché non ne ha mai ricevute come avrebbe voluto: naturalmente il “gap di attenzioni” risale alla prima infanzia.

Analogamente anche la bambina non amata è vittima di un gap di attenzioni, meglio specificato come trascuratezza emotiva.

Il narcisista è capace di attirare chi? Quelle persone che hanno un forte bisogno di dare amore per sentirsi importanti e amate.

Si va a creare una relazione in cui una parte ha bisogno di ricevere e l’altra parte ha bisogno di dare. Entrambe le parti sentono opposti bisogni a causa di una ferita interiore comune.

Quella ferita riguarda un passato di mancato riconoscimento o una non comprensione, da parte delle figure di riferimento, dei propri bisogni, del proprio dolore, impegno, conquiste e in generale, del proprio esserci.

Questa ferita dà vita a un meccanismo di compensazione che nel narcisismo si sviluppa con una costante richiesta di attenzioni e nello strumentalizzare il prossimo per raggiungere un’auto-affermazione. Il narcisista ha una reazione attiva alla ferita inflitta mentre la bambina non amata tenderà a reagire passivamente e manterrà tutte le caratteristiche perfette per instaurare una relazione di dipendenza con un narcisista.

N.B.: in questo articolo sto parlando di un bambino narcisista bambina non amata ma il mio riferimento di genere è del tutto casuale: potrebbero verificarsi benissimo situazioni inverse, dove il narcisista è una donna.

Perché una bambina non amata, da grande, s’innamorerà di un narcisista

Il narcisista arriva a manipolare il prossimo consapevolmente. La bambina non amata, nella sua reazione passiva, diventa vittima inconsapevole del suo bisogno di amore.

Una bambina non amata, da adulta, sarà un ottimo parafulmine per il narcisista.

Una bambina non amata, da adulta, sarà già abituata ad atteggiamenti manipolativi e di controllo.

Una bambina non amata, da adulta, sarà vittima di un costante timore dell’abbandono. Per non essere abbandonata dal suo “carnefice” o “narcisista” sarebbe disposta davvero a tutto, anche ad accettare gli scatti d’ira e l’atteggiamento nefasto del narcisista.

Una bambina non amata, da adulta, sarà reticente all’idea di rimanere sola, quindi sarà portata “ad accontentarsi più facilmente in amore” e accettare una relazione malata, piuttosto che provare a chiuderla.

La bambina non amata, da adulta, non si sentirà meritevole d’amore. Gli atteggiamenti svalutativi del narcisista non faranno altro che confermare le credenze radicate nella bambina non amata (in me c’è qualcosa di profondamente sbagliato).

Una bambina non amata, da adulta, potrebbe arrivare a essere grata del “poco amore” elemosinato dal narcisista perché nella sua vita non ha mai conosciuto l’amore incondizionato non avendolo ricevuto nella sua educazione emotiva infantile.

Una bambina non amata, da adulta, sarà più incline alla sottomissione emotiva.

Una bambina non amata, da adulta, avrà difficoltà a riconoscere i propri reali bisogni e le proprie aspettative.

Una bambina non amata, da adulta, porterà dentro di sé un terribile senso di inadeguatezza e vergogna, elementi che la renderanno più facilmente manipolabile da parte di un narcisista.

La ferita emotiva della bambina non amata

Una bambina non amata, è cresciuta con la consapevolezza inconscia che non ha mai fatto nulla di giusto o accettabile nella sua vita. Questa sensazione è nascosta appena sotto la superficie, in attesa di essere alimentata (e confermata) dagli eventi quotidiani.

Una relazione sbagliata (con un narcisista) non farebbe altro che dare le conferme che nutrono la ferita interiore della bambina non amata.

Un esperimento condotto più di 50 anni fa ha dimostrato che i bambini guardano alle loro madri non solo per conoscere il mondo ma anche per costruire la propria immagine di sé.

In altre parole, da adulti, noi sappiamo chi siamo in base alle cure emotive che riceviamo da bambini.

Un bambino con una madre in sintonia e amorevole, cresce con la consapevolezza di essere degno di attenzioni, amabile e sicuro di esplorare il mondo che lo circonda. 

Un bambino con una madre, seppur amorevole ma non in sintonia con i suoi bisogni, cresce con una serie di disagi psicologici. Cresce pieno di paure, insicurezze e fragilità emotive perché la madre non è stata capace di trasmettere le dovute certezze emotive/affettive. Per tutte le potenziali conseguenze ti invito a leggere l’articolo Bambino trascurato emotivamente, quali sono i disturbi in età adulta


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletter.

I commenti sono chiusi.