Come i problemi alla spina dorsale si manifestano anche negli organi del corpo

La colonna vertebrale è il pilastro fondamentale della nostra esistenza, non solo per al sua struttura, ma per tutto ciò che ricopre e protegge: il sistema nervoso. Sorregge e sopporta tutti i carichi psico-fisici della nostra esistenza ed è in essa che si memorizza anche la nostra vita emotiva: quando il naturale flusso energetico non riesce più a scorrere liberamente si creano blocchi agli organi associati.

 I disturbi e le malattie nascono da uno stato interiore alterato

Paure, blocchi emotivi, condizionamenti, credenze limitanti e autosabotaggi  creano tensioni muscolari, torsioni della colonna, disallineamento delle scapole, collo storto. A ciò si aggiungano tutti i comportamenti posturali scorretti che quotidianamente assumiamo.

I problemi posturali sono una delle cause più frequenti di mal di schiena

Molte persone non si accorgono di assumere, durante il giorno o nel sonno, posizioni scorrette, provocando così affaticamento delle articolazioni e della colonna verticale. Si pensi per esempio ad una persona che ha subito un trauma ad un arto o a coloro che appoggiano il peso corporeo solo su un lato: la postura innaturale potrebbe provocare traumi alle articolarzioni, sottoposte a sforzi eccessivi o anomali, mal di schiena ma anche del dolore alle ginocchia, al bacino o al collo.

Nella colonna vertebrale vengono memorizzate tutte le informazioni del nostro corpo,  comprese quelle traumatiche e dolorose

Tutto ciò che accade nel corso della nostra vita, viene registrato non soltanto nelle aree cerebrali, ma anche in quelle spinomidollari: la memoria della colonna registra tutti quegli eventi che abbiamo percepito come minacciosi per la nostra integrità, attivando processi di tipo conservatorio.
“La colonna vertebrale, secondo alcuni esperti, è collegata al susseguirsi degli eventi di vita al punto da farle corrispondere a una “scala” in cui ogni vertebra sarebbe un gradino di esperienza e di consapevolezza”

In tal modo l’arcaico codice evolutivo del cervello impone di conservare l’individuo e quindi la specie: la memorizzazione delle informazioni legate a eventi connotati come “dolore”, “pericolo”, “minaccia”, “separazione”, “allontanamento” o “perdita”, consente di ricordare in modo non consapevole una precedente situazione, per poterla evitare.

L’irreversibilità di un trauma, come ad esempio un lutto o una separazione importante, può determinare sofferenza non soltanto nello spirito, ma anche nel corpo, ed è in grado di attivare processi di natura patologica, che minacciano l’integrità dell’individuo. Un trauma (fisico, un lutto, una separazione) in un certo periodo della nostra esistenza si stratifica su una precisa area, che resta dolorabile anche a distanza di anni.

Questi punti spinali possiedono perciò la meravigliosa facoltà di registrare il Tempo della nostra vita, così come gli anelli concentrici della sezione di un tronco d’albero ne documentano l’intero ciclo biologico.

Ogni emozione ha un impatto fisiologico diverso sul nostro corpo

Quando ci sentiamo bene, il nostro cervello rilascia sostanze chimiche come la serotonina e l’ossitocina, mentre quando siamo stressato rilascia cortisolo, passando in modalità di sopravvivenza. Quindi, tutto ciò che pensiamo, influenza il nostro fisico sia in senso positivo sia negativo.

Relazione fra la schiena e molte malattie

La schiena rappresenta il supporto della vita, il sostegno del corpo ed il pilastro della struttura ossea e muscolare. Simboleggia anche tutto ciò che “sopportiamo” emozionalmente. Molti disturbi possono causare piccoli movimenti delle vertebre, che vanno ad effettuare pressioni sui nervi che alimentano gli organi, danneggiandoli direttamente.

La spina dorsale e le altre parti del corpo

Cominciando dalla nuca fino ad arrivare al coccige, ci sono diversi punti, uno sotto l’altro, collegati ad una specifica parte del corpo. Ecco quali sono:

  • Testa e orecchie, occhi e lingua, denti, naso e bocca.
  • Gola, collo e spalle
  • Ghiandola tiroidea
  • Mani
  • Cuore, polmoni e seno
  • Cistifellea, fegato, stomaco, pancreas, milza
  • Ghiandole surrenali, reni, vescica
  • Intestino tenue, colon, intestino crasso
  • Organi riproduttori
  • Schiena
  • Piedi

La colonna vertebrale riveste il midollo spinale, che ha il compito di trasmettere tutte le informazioni che hanno origine nel cervello e che viaggiano verso il resto del corpo. Possiede diverse terminazioni nervose che passano lungo ogni vertebra ed è quando queste ossa perdono il loro allineamento naturale che sorgono i problemi di comunicazione. In questo modo, iniziano i dolori e le malattie.

Quando sentiamo un fastidio o scopriamo di soffrire di qualche malattia, è possibile capire quale parte della colonna vertebrale si è “sconnessa” dal sistema.

Ecco perché i problemi della cervicale, per esempio, possono provocare un intorpidimento delle mani. Quando il problema si localizza nelle vertebre toraciche, invece, il dolore si manifesta nello stomaco e quando si trova nella zona lombare, può scatenarsi una perdita di sensibilità delle gambe.

Colonna vertebrale e relazione emotiva

Secondo la medicina olistica, il mal di schiena è la conseguenza di sentimenti negativi che si accumulano nel corpo. I chiropratici, inoltre, affermano che con i giusti massaggi è possibile ridurre i problemi di vista, le emorroidi o le ulcere gastriche.

Per poter capire un po’ meglio tutto ciò, è necessario sapere qualcosa in più sulla zona della spina dorsale. Le vertebre si dividono in cervicali, toraciche e lombari. Alcuni aggiungono anche la zona dell’osso sacro e quella del coccige.

Quando c’è un problema in una di queste zone, i sintomi non si manifestano solo nella schiena. Vediamo quali sono le relazioni tra le vertebre, le emozioni e le malattie.

Vertebre cervicali

  • Atlante o prima vertebra: sostiene la testa e un dolore in questa parte può essere la conseguenza di paure, preoccupazioni e negatività. Scatena emicranie e problemi nervosi.
  • Epistrofeo o seconda vertebra: permette i movimenti della testa ed è connessa agli organi dei sensi (occhi, timpani, naso e bocca)
  • Terza vertebra: problemi in questa vertebra implicano danni alla pelle, alle ossa e ai nervi del viso, delle orecchie e dei denti. Dal punto di vista emotivo, invece, è relazionata all’isolamento.
  • Quarta, quinta e sesta vertebra: si trovano alla stessa altezza della ghiandola tiroidea e hanno quindi una stretta relazione con essa. Sono collegate alla voce, alla gola e alle corde vocali. Possono provocare disturbi della faringe, della laringe, ecc.
  • Vertebra prominente o settima vertebra: questa vertebra subisce gli influssi della morale, delle credenze e della spiritualità. La sua salute si ripercuote sulle braccia, sui gomiti, sulle mani e sulle spalle, poiché può infiammarli o impedire loro di muoversi liberamente.

Vertebre toraciche

  • Prima vertebra toracica: reagisce appena ignoriamo i nostri limiti quando facciamo sport, quando lavoriamo o quando realizziamo i semplici sforzi quotidiani. Implica difficoltà respiratorie.
  • Seconda vertebra toracica: perde l’equilibrio quando non esprimiamo le nostre emozioni e si manifesta tramite dolori al cuore e ai polmoni.
  • Terza vertebra toracica: anche questa è collegata alle funzioni respiratorie e al petto.
  • Quarta vertebra toracica: ha a che vedere con il piacere, con le tentazioni e con i desideri insoddisfatti. Ciò può provocare problemi alla cistifellea.
  • Quinta vertebra toracica: i problemi di questa vertebra sono collegati alla sensazione di perdita di controllo e si manifestano tramite disturbi epatici e del sangue.
  • Sesta vertebra toracica: se non è in buone condizioni, scatena problemi di stomaco.
  • Settima vertebra toracica: reagisce quando non si dorme abbastanza e se non si è rilassati.
  • Ottava e nona vertebra toracica: si trovano all’altezza del diaframma e lo “gestiscono”. Se si ha molta paura o si prova insicurezza, è la prima zona che ne risente. Le malattie della milza, le allergie o l’orticaria sono le reazioni più comuni.
  • Decima vertebra toracica: una profonda insicurezza scatena dolori ai reni.
  • Undicesima vertebra toracica: è collegata al sistema nervoso e può scatenare malattie cutanee come l’acne o l’eczema.
  • Dodicesima vertebra toracica: uno squilibrio di questa vertebra scatena problemi intestinali, dolori articolari, disturbi delle tube di Falloppio e una circolazione linfatica carente.

Vertebre lombari

  • Prima vertebra lombare: può causare patologie dell’intestino e del colon, come la stitichezza o la dissenteria.
  • Seconda vertebra lombare: la solitudine e la timidezza influiscono su questa vertebra che, quando non si trova in condizioni ottimali, provoca vene varicose, dolori all’addome e appendicite.
  • Terza vertebra lombare: quando si devono affrontare problemi familiari, ciò si manifesta tramite dolori degli organi riproduttivi, della vescica e delle ginocchia. È anche causa di artrite.
  • Quarta vertebra lombare: implica dolori del nervo sciatico e, nel caso degli uomini, problemi alla prostata.
  • Quinta vertebra lombare: patisce le conseguenze della gelosia e del dispiacere e provoca dolori nelle gambe, nelle ginocchia e nei piedi.

Vertebre sacrali

  • Prima, seconda e terza vertebra sacrale: scatenano problemi sessuali.
  • Quarta e quinta vertebra sacrale: sono collegate a dolori e problemi di fertilità, herpes, cisti, calcoli renali, diarrea e stitichezza.

Per concludere, il coccige, che è considerato il centro dell’energia corporea, poiché è qui che si trova il primo chakra, può scatenare problemi intestinali, urinari, riproduttivi, circolatori e digestivi.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

I commenti sono chiusi.