Psicologia dei colori: ogni colore produce un effetto sull’anima

psicologia dei colori

La psicologia dei colori suscita nell’uomo curiosità. I colori sono espressione di noi come vissuto psicologico e di comunicazione dei nostri stati interiori: emozioni.
Il colore per questo può essere considerato una forma di comunicazione analogica.
A rigurdo Kandiskij in “Lo spirituale dell’arte” nel 1909 scrisse:

In generale il colore è un mezzo per influenzare direttamente un’anima. Il colore è il tasto. L’occhio è il martello. L’anima è un pianoforte con molte corde.

L’artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l’anima. E’ chiaro che l’armonia dei colori è fondato solo su un principio: l’efficace e contatto con l’anima. Questo fondamento si può definire principio della necessità interiore”.

Questo scritto si può riassumere: ogni colore produce un effetto particolare sull’anima.
La psicologia come scienza che studia il benessere psico-fisico dell’individuo, inizia così a fare ricerche e studi sull’argomento, in particolare osserva quali effetti e in che modo il colore influisce sulla persona.

L’evoluzione della psicologia del colore

La storia della psicologia del colore si può suddividere in tre  grandi aree temporali:

  • Dall’ottocento a metà del novecento: inizio della psicologia scientifica e gli studi avevano come focus le associazioni verbali, quindi le risposte psicofisiologiche che i colori inducono alla persona;
  • La metà del novecento in poi: nasce il primo test sui colori di Luscher Max. Da questo momento gli studi e le ricerche si basano su indagini psicometriche;
  • Fase recente, i nostri giorni: le ricerche oggi si concentrano sul colore come simbolo. Secondo quest’ottica il colore oltre a dare indicazioni sulla personalità fornisce aspetti di dinamicità della nostra psiche, sia a livello individuale sia a livello colletivo.

Secondo Magda di Renzo (2001) i colori in quanto simboli esprimono caratteristiche dell’inconscio individuale e raccontano aspetti di una particolare cultura. Questa definizione a livello pratico ci permette di capire il perchè un colore possa avere valenze opposte, sia positive sia negative. La situazione psichica in cui si inserisce un determinato colore influisce sulla valenza. Ad esempio il nero potrebbe significare morte e oscurità, ma allo stesso tempo eleganza.
Questo aspetto nella quotidianità lo troviamo negli abiti che indossiamo e nella nostra casa.

Significato psicologico dei colori

Entrando nello specifico la psicologia del colore suddivide i colori in due grandi gruppi: i colori caldi e i colori freddi. Nel mezzo troviamo i colori neutri.

I COLORI CALDI: esprimono vivacità, energia, dinamicità. Sono i colori del sole e dell’estate. Danno coraggio. Se siete un po’ giù di corda con lo stato d’animo a pezzi, questi colori vi aiutano trasmettendovi ottimismo. In casa li potete utilizzare in tutte quelle stanze in cui volete energia.

ROSSO

E’ il primo colore dell’arcobaleno e il primo colore che i neonati imparano a riconoscere. Colore della passione, dell’amore, del pericolo, del fuoco e della violenza.

ARANCIONE

Colore dello studio, della ricerca e dell’attenzione. Il suo significato psicologico è la lussuria e l’accoglienza.

GIALLO

Colore dell’allegria, della felicità a tutto tondo, dell’oro. Simboleggia tradimento, gelosia, movimento. Favorisce l’auto-sviluppo e aumenta la sensazione di libertà.

I COLORI FREDDI: ottimi da usare se si vuole trasmettere calma e tranquillità. Abiti di questi colori sono ideali per un colloquio di lavoro. In casa i colori freddi si possono usare negli ambienti in cui si ricerca relax e pace interiore.

VERDE

Espressione della natura, di vita, di crescita. Simbolo di stabilità e di prosperità. Migliora l’autostima.

BLU

Colore dell’acqua, del cielo. Trasmette pace, tranquillità, armonia.; ma contrariamente anche   depressione e tristezza.

I COLORI NEUTRI: sinonimo di purezza e semplicità, ma nche di eleganza, mistero, solidità e modernità. Stimolano la concentrazione.

BIANCO

Colore della purezza e della pulizia. E’ un colore che evoca semplicità. Il bianco è luce. L’opposto è il nero.

NERO

Eleganza, mistero, morte. Il nero assorbe la luce. Effetto “snellente” molto apprezato della moda femmilile.

GRIGIO

Unione del bianco e del nero. Maturità, neutrlità, modernità, serietà. Esprime un non coivolgimento, distanza. Può trasmettere se usato in modo eccessivo noia.
Oltre a questi grandi gruppi di colori infine ci sono i seguenti colori:

VIOLA

Amore, passione, spiritualità. Simboleggia il tradimento, l’erotico e la suggestionabilità.

ROSA

Colore femminile per eccellenza. Ingenuità e debolezza. Innocenza e sensibilità. Ottimo se avete bisogno che qualcuno si affidi a voi.

MARRONE

Simbolo della terra, colore caldo. Rifiuto, indifferenza, bisogno. Espressione di ricerca del materiale e del corporeo.
Ad ognuno dunque il suo colore….

Articolo a cura di: Virna Tripodo, psicologa psicoterapeuta


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Esperta in psicologia ambientale, psicologia della casa e dell'abitare.

Nessun commento.

Lascia un commento