Quali sono i gesti e gli atteggiamenti che fanno sentire il partner amato?

 

rapporto felice

In un rapporto felice  tutti e due i partner si sentono speciali, apprezzati e amati dall’ altro. Tuttavia, può succedere  che l’innamoramente svanisce,  innescando così una crescente distanza emotiva: uno o entrambi i partner si sentono trascurati, dati per scontati, non accettati..in altre parole non amati.

Perchè molti rapporti entrano in crisi, dopo l’idillio iniziale? Per la maggior parte la causa è riconducibile a una mancanza di comprensione delle esigenze emotive del partner: ciascuno dei due tende a concentrarsi sulle proprie aspettative deluse, dimenticando di chiedersi che cosa può rendere felice l’ altro.

Le ricerche sulla terapia di coppia hanno evidenziato nelle coppie in crisi, come entrambi i partner siano convinti di dare tantissimo e di ricevere in cambio poco o niente.
Il problema nasce quando il partner si prodiga per il benessere della coppia senza  tenere conto dei veri bisogni dell’ altro: in sostanza,  qualsiasi gesto non viene riconosciuto e apprezzato.

Per fare un esempio, Paolo e Anna…..

Per rendere il concetto in modo esemplificativo, riporto la storia di Paolo e Anna. Lui lavora sodo per garantire un sereno avvenire alla sua famiglia ma non capisce che Anna preferirebbe un tenore di vita più modesto ma un marito più presente e più affettuoso.
Anna è una moglie che tiene la casa sempre ordinatissima, in apparenza sembra la moglie perfetta: stira le camice di Paolo, cucina le sue pietanze preferite, non gli fa mai mancare le merende che ama…insomma sembra non gli faccia mancare niente….. ma la sera? Anna è troppo stanca per fare l’amore con Paolo.

1 5 linguaggi dell’amore

A questo punto, non c’è da meravigliarsi se Anna e Paolo si separeranno…..eppure, si amavano così tanto! Perchè succede?

Secondo Gary Chapma, celebre consulente matrimoniale, ogni persona ha un modo particolare di esprimere il proprio amore e dei bisogni particolari che devono essere soddisfatti per sentirsi amata.
Sostiene infatti che esistono cinque modi per dire ” ti amo”, cinque “linguaggi dell’amore “ ovvero cinque modalità comportamentali diverse per esprimere il proprio amore.

1) Le parole di apprezzamento
Quando questo diventa il linguaggio principale, la persona per sentirsi amata ha bisogno di sentirselo dire esplicitamente. Chi ha questo bisogno principale necessita di molte lodi, di rassicurazioni verbali, complimenti, sms carini, telefonate dolci e tanto dialogo. Le critiche, i silenzi, il sarcasmo sono particolarmente penosi se questo è il linguaggio speciale dell’amore.

2) Momenti speciali
Quando questo diventa il linguaggio principale, la persona per sentirsi amata ha bisogno di condividere delle attività interessanti con il partner, ha bisogno di condividere con il partner i propri hobby, di fare delle cose speciali insieme. Un partner pantofolaio o che non vuole condividere gli interessi risulta particolarmente ostico per chi ha questo linguaggio dell’amore.

3) I doni
Per sentirsi amato chi ha questo bisogno affettivo principale ha bisogno di un segno tangibile d’amore, un pensierino, un regalino, un fiore, un cioccolatino. Per chi ha questo bisogno affettivo principale è particolarmente doloroso avere un partner che scorda compleanni e anniversari, che non fa mai un pensierino, che non sorprende,regalando un fiore.

4) Il contatto fisico
Quando questo diventa il linguaggio d’amore principale, la persona per sentirsi amata ha bisogno di coccole, contatto fisico e frequenti rapporti sessuali. Un partner poco affettuoso,o a cui il sesso interessa poco può creare profonde crisi nella coppia.

5) I gesti di servizio
Quando questo diventa il linguaggio d’amore principale, la persona ha bisogno che l’ altro gli dimostri il suo amore facendo dei gesti concreti ( esempio preparando la cena), condividendo i doveri, essendo disposto a dare una mano quando c’è bisogno. Piccoli gesti di servizio, piccole gentilezze possono significare più di cento rose rosse per chi ha questo linguaggio dell’amore!

E quando come spesso capita, i due partners hanno linguaggi dell’amore diversi (ovvero bisogni emotivi diversi?). La soluzione, secondo l’autore è semplice: basta imparare a parlare la lingua del partner ovvero a capire quali sono le esigenze di base del partner e soddisfarle e imparare a comunicare al partner i propri bisogni.
Cosi facendo è possibile ritrovare l’armonia e l’intesa perduta.

come dire ti amo alla persona amata

Letture consigliate:
I cinque linguaggi dell’amore. Come dire «ti amo» alla persona amata

Vi basterà pensare che questo libro è scritto da un antropologo che, grazie alla sua fitta esperienza, è divenuto un celebre consulente matrimoniale negli Stati Uniti. Cosa dovete aspettarvi da questo libro?

Il libro vi spiegherà come ognuno di noi esprime l’amore con un linguaggio principale e con altri linguaggi secondari. E’ importante quindi conoscere il proprio linguaggio principale e quello del proprio partner. Il modo che abbiamo di esprimere il nostro amore non sempre coincide con quello del nostro partner, questo crea malcontento nella coppia e genera problemi di comprensione nella sfera affettiva e anche sessuale.

La trattazione del testo è di ispirazione scientifica, solo in un caso, l’autore parla del cristianesimo affrontando un esempio di una coppia in cui lei era molto credente. Con queste premesse, consiglio la lettura del testo a tutti, credenti e non, coppie consolidate o fidanzati novelli… tale libro aumenterà la vostra autoconsapevolezza e migliorerà la vita di coppia. Il libro, su Amazon, è proposto al prezzo promozionale di 8,50 €.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook o tra le cerchie di Google+

loading...