Ti distraggo mentre ti distruggo. L’arma principale del narcisista

Le parole sono l’arma principale del narcisista.Ogni narcisista è in grado di dire la stessa cosa diversificandola nei modi più vari al fine di evocare le immagini più suggestive nella mente della vittima, e lo fa esattamente nel momento stesso in cui è perfettamente consapevole di star mentendo.

Si determina così velocemente un torrente di banalità vuote, così come vuote sono le promesse, in un trionfo della Forma sulla Sostanza.

Frequentemente, a causa della natura empatica della vittima e delle esperienze che ha patito prima ancora di incontrare il narcisista, quelle parole hanno un valore balsamico e diventa estremamente difficile resistere a quel fascino.

Una persona diversa vedrebbe in quelle parole un campanello d’allarme in quella cascata di complimenti e di attenzioni; una persona diversa prenderebbe le distanze, dandosi il tempo di valutare quanto ci sia di significativo e sostanziale in quella serie di deliziosi complimenti; una persona diversa passerebbe attraverso quei monologhi vacui e leggeri.

Ma per la vittima è impossibile

E viene scelta non solo perché assolutamente sensibile a tutto questo, ma anche perché ne ha profondamente bisogno.
Lo vuole ed ogni giorno che passa ne diventa sempre più assuefatta e dipendente. Diventa allora fondamentale analizzare e distinguere sempre tra ciò che una persona dice e ciò che una persona fa.

Questo è l’unico indicatore dell’autenticità di una relazione.

Ti distraggo mentre ti distruggo. Le trappole del confronto

La comunicazione tipica del narcisista si basa regolarmente su alcuni elementi specifici: la negazione, lo spostamento e la deformazione dei vissuti.

Inevitabilmente, la vittima si trova coinvolta in un confronto senza senso, completamente ignara ed indifesa di fronte allo stile comunicativo del partner.

Nel momento in cui la vittima decide comunque di approfondire il confronto con il narcisista, gestendo le insidie del gaslighting, potrebbe però trovarsi di fronte ad un altro dei tipici tranelli comunicativi del narcisista: la Distrazione.
Laddove, infatti, il narcisista si trovi ad essere messo sotto accusa dalla vittima, avrà bisogno di creare uno stato di distrazione per evitare che la rabbia della vittima gli si riversi completamente addosso.

Ciò che per lui è intollerabile non è tanto il fatto di essere messo sotto accusa, quanto l’assoluta inaccetabilità del fatto che la vittima possa “segnare un punto” nel tabellone del confronto.

A tal proposito deve necessariamente portare, all’interno della comunicazione, una serie di elementi di distrazione; i più tipici sono due:
– la fuga, intesa in senso reale e fisico: un reale allontanamento dal luogo del confronto;
– la rabbia, ossia un intenso, estremo e violento sfogo finalizzato ad annichilire e spaventare la vittima e ad annullarne le reazioni.

Analogamente, il narcisista potrà ignorare i messaggi della vittima o sbatterle il telefono in faccia e non rispondere più per ore.

L’obiettivo è semplicemente uno: far sentire la vittima colpevole di aver creato quello stato di rabbia ed indurla a cercare di riparare lo strappo emotivo che si trova di fronte.

Il narcisista distrae così la vittima dal suo dolore, fa sì che dimentichi le motivazioni che l’hanno spinta al confronto, e riorienta la luce del rapporto su di sé.

È di nuovo lui il protagonista: lui con la sua furia da placare, lui con il rapporto da recuperare, lui con quel silenzio da interrompere e quelle parole di nuovo da meritare.

Lui: salvo dalla critica, idealizzato ed intoccabile, mentre la vittima è di nuovo all’angolo, dimentica delle proprie ferite nell’illusione di prendersi cura delle ferite altrui.

Quante volte, da bambina, hai cercato di farti perdonare dalla tua mamma o dal tuo papà, pur non comprendendo esattamente cosa avessi fatto di così sbagliato?

A cura di Claudia Scarpati, psicoterapeuta

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


Psicologa psicoterapeuta clinica, esperta nel trattamento della Sindrome da Vittima di Abuso Narcisistico.

2 Commenti a “Ti distraggo mentre ti distruggo. L’arma principale del narcisista”

  1. Michela

    Nov 05. 2017

    Questo articolo mi ha aiutato tantissimo a capire che non sono io la sbagliata ma ha identificato alla perfezione la personalità del mio compagno. Grazie di cuore, ora mi è tutto chiaro.

    Reply to this comment
  2. Susanna

    Ott 13. 2017

    Leggo spesso gli articoli che pubblicate in merito al “narcissismo” questo, mi ha colpito in particolar modo, per la sua sinteticità e ilsuo mettere a fuoco in modo sostanziale le caratteristico di questo tipo psicologico.
    Mi è stato molto utile.
    Grazie.

    Reply to this comment

Lascia un commento