Tipologie di famiglie che creano un luogo carico di tossicità emotiva

Sono cresciuta tra le braccia della noncuranza, della trascuratezza, dell’abbandono. Mi hanno nutrito col sapore della sofferenza e vestito con gli stracci della vergogna di non valere. Ana Maria Sepe

La famiglia è il primo ambiente in cui  impariamo a relazionarci e a esplorare il mondo. È il luogo dove iniziamo a conoscerci e che pertanto può maggiormente influire sulla formazione della personalità, la costruzione dei primi attaccamenti e l’acquisizione dei ruoli sociali.

Si dice: “le peggiori cose sono state fatte con le migliori intenzioni”. Questo è vero anche per quanto riguarda l’educazione dei figli. Molti genitori pensano di essere dei bravi genitori e ignorano del tutto che stanno facendo del male ai propri figli.

Concetto di famiglia tossica

Nell’attuale letteratura psicologica l’aggettivo “tossico” viene spesso menzionato. Si scrivono tanti articoli utilizzando titoli del tipo “Relazione tossica”, “Collega tossico” oppure “amicizia tossica”.

È bene precisare che questa etichetta non corrisponde a nessuna descrizione clinica; nel manuale diagnostico la parola “tossica” non definisce nessuna patologia o disturbo. Tuttavia, l’impiego di questo termine raggruppa un insieme di schemi comportamentali disfunzionali che si identificano alla perfezione con la parola “tossicità”.

Già da qualche anno, un argomento che per fortuna si sta molto approfondendo sono le dinamiche che avvengono dentro le mura, il luogo in cui le famiglie si relazionano e si vincolano per amarsi, proteggersi, educare i figli e costruire un futuro proiettato verso la felicità.

Mi riferisco a dinamiche che non sempre seguono una regola perfetta; schemi comportamentali in cui accadono fatti non sempre positivi. A tal proposito vorrei approfondire l’argomento sulle tipologie di famiglie tossiche e delle loro dinamiche così che la mia conoscenza in merito possa essere utile per qualcuno.

Ovviamente problemi e conflitti esistono in tutte le famiglie ma ci sono diversi gradi o livelli di conflitto o situazioni conflittuali come ad esempio:

  • Violenza fisica o psicologia
  • Abusi di potere
  • Problemi di salute mentale
  • Relazioni conflittuali tra i membri
  • Trascuratezza emotiva…

Parliamo per l’appunto di dinamiche disfunzionali che si ripercuotono inevitabilmente al di fuori, nella società. Ed è per questo motivo che si può parlare di tossicità.

Tipologie di famiglie tossiche

Più che focalizzarmi sul concetto di famiglia tossica, vorrei porre l’attenzione sui “genitori tossici”. A volte, la relazione di coppia influisce così negativamente sul nucleo familiare da creare un’atmosfera carica di tossicità emotiva
Analizziamo ora quali sono i diversi tipi di famiglie tossiche.

1) Famiglia in cui il legame si basa sul sacrificio

Un genitore tossico specializzato nella sofferenza si sacrifica in maniera eccessiva, o almeno questo è quello che fa vedere a suo figlio sin da piccolo. In genere questo ruolo è rivestito dalle mamme.

Man mano che il figlio diventa grande, fa in modo che lui sappia tutto quello che lei ha dovuto rimandare e sacrificare per dedicarsi a crescerlo. Non c’è spazio per il piacere ma solo per il dovere e il sacrificio. Nella famiglia sacrificante predominano questi sentimenti:

  • Gelosia
  • Possesso
  • Bisogno di controllo

È importante chiarire che la madre  vittimista non agisce con malizia. Crede ciecamente che l’amore materno sia un sacrificio tanto grande da essere doloroso. Il genitore sacrificante accondiscende alle richieste del figlio, ritenendo che, un giorno, tutte le sue rinunce saranno ricompensate dal successo raggiunto dal figlio stesso e da tutto ciò che lui è riuscito ad avere.

Le parole più ricorrenti del genitore sacrificante è “sacrificio”, “dovere” e “privazione”. Tali termini si esprimono specialmente quando si trova a lamentarsi perché coloro che gli/le stanno vicino/a non capiscono il valore del suo sacrificio per il bene comune, esprimendo in questo modo anche tutta la sua delusione.

Il genitore sacrificante manipola suo figlio in modo da fargli credere che è e deve sempre essere la o il protagonista della sua vita. Lo trasforma in una marionetta e manovra i suoi fili con il chiaro scopo di mantenerlo appeso a ciò di cui il genitore ha bisogno.

2 La famiglia in cui il legame si basa sulla permessività

In questo modello familiare tutto è permesso; non si è in grado di esercitare il proprio ruolo genitoriale in quanto  inadeguati alla cura e tutela dei figli.  La troppa libertà in casa porterà il figlio ad assumere un comportamento anarchico ovunque: in casa di altri, a scuola, negli ambienti di svago o d’incontro coi coetanei.

Non ascolterà alcun rimproverò fatto dagli insegnanti, da coloro con cui deve condividere i vari ambiti. Non comprenderà termini come il rispetto, l’osservazione, l’adeguamento e l’adattamento di sé agli altri o al luogo in cui si trova.

Lo stesso metodo verrà applicato in tutte le relazioni sociali, diventando impossibile ascoltare e tener conto delle necessità altrui, delle esigenze sia dei partner che degli estranei, dato che non è in grado di fornire una comunicazione veramente efficace e costruttiva per un rapporto.

Sarà questa mancanza assoluta di rigore e di regole che porterà il figlio ormai adulto a non sapersi relazionare con il mondo esterno. Anzi sarà del tutto incapace a creare un rapporto impostato sul rispetto dell’altro che ha esigenze pari alle sue che non saprà come gestire.

3) Famiglia in cui il egame si basa sull’iperprotezione

Questo modello familiare vive in un clima caratterizzato dalla paura verso il mondo esterno. Questa famiglia si mostra sempre sulle difensive, in particolare quando i figli devono svolgere attività che sfuggono al controllo dei genitori. Diventano quindi dipendenti dai loro figli al punto di controllare la loro vita in tutti gli aspetti. Questo è, in un certo senso, sinonimo di manipolazione.

4) Famiglia in cui il legame si basa sul controllo

“Ho il diritto di mettermi nella tua vita, seguirti e sapere tutto perché ti ho dato la vita e ti ho cresciuto”. In questo caso, i genitori non hanno ben chiaro il concetto tra limiti e confini. Non esistono regole, si entra in camera senza bussare e si dà per scontato che non possa esistere privacy. Anzi, il figlio che tenta di mantenere una certa riservatezza, viene malgiudicato

5) Famiglia in cui il legame si basa sui sensi di colpa

Frasi come: “se fai così vuol dire che non mi vuoi bene”, oppure: “solo se finisci quello che hai sul piatto mi dimostri il tuo amore”. Sono frasi che in molte famiglie si utilizzano per far fare le cose ai propri figli. Ognuna di queste frasi però cela un grandissimo senso di colpa che il bambino vive se non fa quello che vuole il genitore. Il senso di colpa si può riassumere in: faccio delle cose sbagliate e per questo non merito l’amore di mamma e papà.

6) Famiglia in cui il legami si basa sull’immaturità

In questa tipologia familiare i genitori, entrambi o uno solo, sono molto immaturi a tutti i livelli. In questi casi di solito i figli si assumono, prematuramente, le responsabilità proprie di un adulto, cosa ingiusta e malsana.

7) Famiglia in cui il legami si basa sul disprezzo

Non esiste rispetto, si interagisce con l’offesa, la critica costante o addirittura il disprezzo. In questi casi anche i due genitori si disprezzano vicendevolmente.

8) Famiglia in cui il legame si basa sulla frustrazione

Non esiste peggior arma psicologica della frustrazione. Un genitore frustrato riflettono le sue colpe, le sue paure e i suoi insuccessi sui figli o sul partner, creando una situazione molto estenuante. In questo caso, i figli si vedono costretti a realizzare i sogni dei genitori oppure a essere la valvola di sfogo della loro insoddisfazione.

9) Famiglia in cui il legame si basa sull’alienazione

Tale comportamento ha lo scopo di separare, allontanare i figli da un genitore (alienato) e indottrinare il figlio da parte dell’altro genitore (alienante) contro il genitore alienato. Con queste tecniche, il genitore “alienante” verrebbe a costruire una sorta di ”realtà virtuale familiare”, sviluppando nel figlio profondi sentimenti di paura, diffidenza e odio verso il genitore “alienato”, arrivando a rifiutarsi di avere qualsiasi contatto con lui.

Gli scopi del genitore alienante sono molteplici: spesso la motivazione è l’affidamento esclusivo del figlio o di ottenere concessioni economiche. Tuttavia non sempre il genitore alienante inventa volontariamente accuse infondate per raggiungere obiettivi personali. Infatti  può anche essere convinto della necessità di limitare la relazione del figlio con l’altro genitore, sulla base dei propri vissuti e delle proprie difficoltà psicologiche che tende a proiettare sul bambino.

È comprensibile come il suo bisogno di sicurezza, la sua situazione di dipendenza e la paura di perdere anche il genitore con cui vive lo spingano ad identificarsi con quest’ultimo e a schierarsi dalla sua parte. Come conseguenza di queste dinamiche il bambino, impara a manipolare, non solo per ottenere un vantaggio, ma per sopravvivere immergendosi nelle menzogne. Da sottolineare che resta pur sempre una vittima dell’abuso psicologico a cui è stato sottoposto

Una famiglia tossica può portare gravi conseguenze nello sviluppo dei propri figli

I figli cresciuti in una famiglia tossica posso diventare ribelli perché non vogliono essere come i genitori oppure possono arrendersi al fatto di sentirsi sbagliati e cercare costantemente l’approvazione. In entrambi i casi possiamo riscontrare una forma di rabbia più o meno manifesta, nei confronti di una o di entrambe le figure genitoriali, dato che non si sono mai sentiti accettati o amati per quello che sono. Far emergere questa rabbia implosa, acquisendo la consapevolezza di aver vissuto in una famiglia insana è il primo passo per riappropriarsi della personalità negata.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento