Un racconto zen ci insegna come spesso “creiamo una tempesta in un bicchier d’acqua”

“Quando c’è una tempesta gli uccellini si nascondono, ma le aquile volano più in alto” (Mahatma Gandhi)

Napoleone Bonaparte diceva: “Liberati dalle preoccupazioni, come ti liberi dei vestiti prima di andare a letto”. In effetti, le preoccupazioni, il rimuginare, il pensare al peggio funzionano come un vero e proprio virus mentale! Generano ansia e stress, influenzano negativamente l’andamento degli eventi, rendendoci persone irritabili incapaci di godere del presente.

Perche ci succede? Perché le aspettative limitano e creano un sistema mentale bloccante che, come una deviazione stradale, non consente il libero sviluppo dei pensieri, delle capacità e dei comportamenti.

“Continui pensieri dedicati alla possibilità di una qualsiasi perdita, inducono l’essere umano in una sorta di schiavitù che, a sua volta, alimenta le paure”

Un racconto Zen per riflettere

Buddha spiegava i suoi  insegnamenti ai discepoli attraverso le sue parabole. Secondo Buddha sono gli attaccamenti che incatenano la mente alle cose possedute…..e questo racconto rende molto bene il concetto

Molto tempo fa, in una piccola città, viveva un uomo che aveva 250 vacche. L’uomo era molto orgoglioso del suo bestiame e si preoccupava del suo benessere. Si assicurava che potessero crescere ogni giorno libere e che le stalle fossero abbastanza confortevoli. Il latte che otteneva era di ottima qualità e tutti lo lodavano per questo. Tutto procedeva senza problemi, non poteva chiedere di più dalla vita.

Tuttavia, un giorno un branco di lupi affamati attaccò una delle vacche e la divorò. Alla sera, quando l’uomo contò il suo bestiame, si rese conto che mancava una vacca. Quindi pensò: – Che disgrazia! Il mio bestiame è incompleto Mentre passavano i giorni, cominciò a trascurare il resto delle mucche. Pensava sempre: – Perché è dovuto accadere proprio a me? Che senso ha avere tutte queste altre vacche? –

Con questa idea in mente, ossessionato dalla morte di una delle sue vacche e pensando che niente sarebbe mai stato più come prima, condusse il resto del bestiame alla scogliera, a morire.”

Cosa ci insegna questa parabola?

Anche se il concetto sembra esasperato, non possiamo negare che spesso ci comportiamo come l’uomo della storia. Spesso, anche se inconsapevolmente, ci trasformiamo negli architetti della nostra sfortuna. Quante volte ci è capitato di amplificare un problema che poteva essere molto più piccolo rispetto a quello che lo abbiamo fatto diventare? In altre parole: creiamo una tempesta in un bicchier d’acqua.

“Ogni persona è un’isola, in un senso molto reale e può costruire ponti verso altre isole solo se desidera davvero essere se stessa e se è disposta a permetterselo”(Carl Rogers)

Perché ci concentriamo sul lato negativo

Ci sono persone che sembrano essere indenni da qualunque situazione. Si tratta di fortuna o magari di individui speciali? Certo che no! sSno semplicemente persone che hanno imparato a non farsi travolgere dalle avversità, dallo stress. Magari hanno anche loro attraversato un periodo davvero buio ma poi hanno imparato a mantenere una lucidità interiore che permette loro di non perdere di vista il senso della propria vita.

Ovviamente, queste persone riescono meglio degli altri ad adeguarsi alle situazioni, anche le peggiori; in effetti hanno imparato a cogliere le opportunità che si profilano davanti a loro.

Purtroppo la maggior parte delle persone si concentra maggiormente sugli eventi negativi e li ricorda in modo più dettagliato. Infatti, si è visto che il nostro cervello processa in modo relativamente diverso le informazioni positive e le negative.

Quando veniamo coinvolti da un evento negativo indossiamo subito dei paraocchi che impediscono di vedere e analizzare ciò che ci accade intorno. La mente, infatti, tende a focalizzarsi su una specifica azione (nel caso della parabola la perdita di una vacca), scartando tutto il contesto intorno a sè (il pastore ha ancora 249 vacche di cui prendersi cura): letteralmente non lo vede, non lo considera.

Il pastore, con la mente intasata dalla perdita singola,  non riesce ad andare oltre al punto di lasciarsi andare a un destino peggiore. La stessa cosa può valere per ognuno di noi….se non siamo in grado di vedere gli eventi nella giusta prospettiva, possiamo cadere nella nostra stessa trappola e condannarci all’infelicità che cerchiamo di evitare, immergendoci in un circolo vizioso di ruminazione.

Cinque segnali che indicano che stai perdendo la prospettiva

Ti comporti come il personaggio della storia ogni volta che

  • Ti concentri esclusivamente sulla perdita e non sei pertanto in grado di vedere le possibilità che hai ancora a tuo favore
  • Lasci che la negatività prenda il sopravvento su d te, così finisci per vedere il mondo grigio
  • Pensi che il dolore, l’angoscia e la sofferenza che sperimenti per un evento vissuto non passeranno mai
  • Crei una tempesta in un bicchier d’acqua, trasformando un piccolo problema in un dramma
  • Ti focalizzi sugli eventi che confermano la tua visione negativa dei fatti, scartando il resto.

Come puoi evitare di farti sopraffare dagli eventi

Se sei stanca di comportarti come il personaggio della storia, dovrai agire su tre livelli: emotivo, razionale e comportamentale.

Regola le tue emozioni

Cercare di nascondere o sopprimere le emozioni non serve. Devi invece prendere nota delle stesse, chiamarle per nome e, soprattutto, essere consapevole del loro impatto. Non è sempre facile, perché a volte possiamo negare di sentirci arrabbiati o tristi solo perché ci è stato insegnato da piccoli che non dovremmo reagire così.

Non vuoi ammettere con te stessa di avere dei limiti? Di temere la solitudine, di essere attanagliata dai sensi di colpa, di essere dominata dall’insicurezza, di farti sopraffare dall’aggressività… Finché non riconosciamo come ci sentiamo continueremo ad essere controllati dalle emozioni. Tutte le emozioni hanno valore e non dovremmo giudicarle, solo riconoscerle e capire il loro impatto.

La regolazione delle emozioni è un processo che tutti noi dovremmo apprendere: le emozioni possono svolgere SEMPRE un ruolo funzionale, anche quando sono quelle emozioni che noi etichettiamo come brutte. A tal proposito ti consiglio la lettura dell’articolo “3 modi per regolare le tue emozioni

Cambia i tuoi pensieri

Il secondo passo consiste nel ristrutturare il pensiero alle potenzialità, invece di concentrarti esclusivamente sulla perdita. È vero che quando attraversiamo momenti duri è difficile vedere il lato positivo, perciò è importante uscire dalla nostra prospettiva. Immagina di essere un’altra persona, forse quell’amica che ti dà sempre buoni consigli e ti aiuta ad uscire dai momenti negativi: cosa ti diresti?

La cosa più importante da fare è identificare ogni pensiero disadattivo che aggiunge benzina al fuoco, di solito si tratta di generalizzazioni errate, come ad esempio pensare che “tutto andrà male” o “non riuscirò mai a superarlo”. In seguito dovremo sostituirli con pensieri più obiettivi e realistici. Naturalmente, non si tratta di assumere un ottimismo tossico, ma trovare un punto intermedio.

Agisci di conseguenza

In terzo luogo, è fondamentale assicurarci che stiamo facendo i passi nella giusta direzione. Per uscire da qualsiasi situazione difficile è necessario agire, per non restare bloccati nella sofferenza.

Una delle massime buddiste più interessanti ci insegna che “un viaggio di mille miglia inizia con il primo passo“. Il punto è che spesso si ha paura di fare questo passo, perché anche se non vogliamo riconoscerlo, ci sentiamo più comodi e sicuri nella sofferenza piuttosto che lanciarci alla scoperta dell’ignoto.

RICORDA, finchè respiri hai il dovere verso te stessa di concederti una nuova opportunità, un’occasione nuova ogni giorno. Ogni giornata che vivi dovrebbe essere, per te, un’altra opportunità che vale la pena di esplorare.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.


© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento