12 modi per stare bene con se stessi (e poi con gli altri)

| |

Come ho già scritto in un precedente articolo (perché ti senti in colpa?), le distorsioni cognitive – o distorsioni logiche del pensiero – sono delle modalità di pensiero errate fondate su convinzioni irrazionali e non del tutto realistiche.

Distorsioni cognitive, cosa sono

Si tratta di ragionamenti automatici e molto frequenti, responsabili di creare disagi e malessere psicologico proprio perché sono RIGIDI e non sono basati su un’analisi corretta della realtà.

pubblicità

E’ importante imparare a sostituirle con delle alternative cognitive più sane e funzionali, che ci aiuteranno a combattere lo stress e il disagio prodotto da certi modi di pensare sbagliati.

Ecco 12 strategie per tenere a bada le distorsioni cognitive che troppo spesso ci invalidano l’esistenza senza neanche renderci consapevoli di ciò che sta accadendo nella realtà.

pubblicità

#1 NON ENFATIZZARE IL PROBLEMA

Per contrastare l’abitudine a focalizzarvi sugli aspetti difficili di un problema:
A) imparate a riflettere prima di tutto su cosa potete fare per risolverlo, ci sarà sicuramente qualcosa – seppur piccola – che potete fare per aiutarne la risoluzione;
B) non esagerate il problema usando un linguaggio catastrofico: non dite “è terribile” o “non ce la farò mai” oppure “è pauroso” ma piuttosto sostituite certe affermazioni automatiche con altre, come “sto esagerando, posso sicuramente farlo…” o “Se ce l’hanno fatta altri, la posso fare anche io” o “è difficile per me ma sono in grado di farcela” ecc.

#2 BANDO AI GIUDIZI BIANCO/NERO

La vita, il mondo, le persone e noi tutti non siamo solo bravi, buoni e belli né solo cattivi, incapaci o brutti ma siamo un po’ tutte queste cose a seconda del momento e dello stato d’animo. Poiché la realtà è fatta di infinite sfumature che si succedono e si alternano, è importante imparare a ragionare in termini relativi e di percentuali: ad esempio possiamo pensare che tizio è egoista ma anche simpatico e divertente, o che un certo problema ci preoccupa relativamente poiché non tutti i suoi aspetti sono tanto gravi per noi (es. la tale cosa mi preoccupa ma non del tutto perché il problema è legato al 60% all’aspetto economico e al 10% all’aspetto pratico).

#3 EVITARE LE GENERALIZZAZIONI ECCESSIVE

Attenzione a non compiere l’errore di credere che, se una cosa è successa una volta, allora dovrà ripetersi sempre e che ciò che è vero in un caso lo sarà anche in altri anche solo lontanamente simili.

pubblicità

Se fate l’errore di trarre questo genere di conclusioni ipergeneralizzate, provate ad esaminare la vostra conclusione usando 3 colonne: prove a favore della vostra conclusione/prove contrarie alla vostra conclusione/ conclusioni alternative possibili.

#4 EVITARE GLI ASSOLUTISMI

Parole come “sempre”, “mai”, “tutto”, “niente” “tutti” o “nessuno” ecc… sono termini assolutistici che non riflettono la realtà, che invece è fatta di percentuali e sfumature, ma un modo di pensare assolutistico ed illogico. Inoltre, più pensate in modo assolutistico più rischiate di “avverare” le vostre peggiori previsioni. Se vi rendete conto di usare spesso queste parole, imparate a diventare più flessibili nei vostri giudizi e opinioni e sostituitele con parole come “Spesso”, “nella maggior parte dei casi”, “qualche volta” o “Non sempre” ecc.

pubblicità

#5 VERIFICARE SEMPRE LE PROPRIE CONCLUSIONI

Non lasciatevi andare selvaggiamente a “leggere il pensiero” degli altri, attribuendo lor in maniera arbitraria volontà ed intenti non verificati. Piuttosto, riflettete sulla vostra conclusione e cercate di verificarne la verità e l’attendibilità. A lungo andare, attribuire ad altri conclusioni che sono solo vostre inferenze, non gioverà né a voi né ai vostri rapporti.

#6 RAGIONARE IN TERMINI DI PROBABILITA’

Se tendete a catastrofizzare gli eventi aspettandovi sempre il peggio, in breve tempo diventerete stressati ed ansiosi e la vostra vita ne risentirà in peggio. Perciò, cercate di non identificarvi con la vostra paura e di mantenere un atteggiamento razionale nel valutare rischi possibili e probabili delle situazioni.

#7 SMETTERE DI PARAGONARSI AGLI ALTRI

Voi avete la vostra vita, il vostro carattere e i vostri bisogni e gli altri non possono _ per definizione – essere il vostro termine di paragone. Concentratevi quindi su ciò che desiderate profondamente e su come fare per ottenerlo. Il resto non vi riguarda.

#8 PRENDERSI LA RESPONSABILITA’ DELLE PROPRIE SCELTE E DELLE PROPRIE AZIONI

Questa è la cosa più importante da fare per prendere in mano il controllo della propria vita, e smettere di incolpare gli altri o la semplice sfortuna.

#9 ESSERE PIU TOLLERANTI E COLLABORATIVI

Occorre correggere l’abitudine di pensare che le proprie idee siano più giuste, interessanti o valide di quelle altrui ed imporle. Pensare in termini di tolleranza e relatività permette di essere più elastici e rilassati con se stessi e con gli altri. Invece di pensare subito “la mia idea è più giusta si deve fare come dico io”, meglio dire “ok, vediamo se la sua idea è più utile, semplice o interessante e poi deciderò cosa fare” ecc

#10 IMPARATE A CAPIRE COSA VOLETE E A DIRE DI NO

Prendersi la responsabilità di se stessi significa anche capire cosa si vuole davvero, imparare a dire di NO di fronte a richieste indesiderate e ad affrontare le conseguenze delle proprie scelte, senza intaccare la propria autostima. Gli altri non hanno responsabilità dei nostri errori né sono automaticamente a conoscenza dei nostri bisogni e desideri se non li esprimiamo.

#11 CONCEDETEVI DI SBAGLIARE

Siamo umani quindi sbagliamo. Tutti. Non è una colpa imperdonabile e non è una tragedia irrisolvibile. Un errore serve ad imparare come evitarne un altro.

#12 SIATE FLESSIBILI

Nelle regole, nei giudizi, nelle aspettative e nei piani di azione. Se vi trovate spesso a dire a voi stessi “devo”, “dovrei”, “si deve” o “non si deve” ecc. fermatevi a riflettere sulle vostre regole e sulle vostre convinzioni assolute; imparate a sostituire certe affermazioni con altre più flessibili quali “posso” o “voglio” o “desidero”, e ricordate che i vostri valori sono del tutto soggettivi e personali e NON POSSONO essere imposti agli altri, che hanno i loro, altrettanto validi.


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguire Psicoadvisor sulla sua pagina facebook ufficiale: “Psicoadvisor.

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione

Previous

8 modi per iniziare la giornata con un pensiero positivo

6 motivi inconsapevoli che ti fanno innamorare del narcisista

Next