20 segnali che siete emotivamente Intelligenti

Vi siete mai chiesti quali fossero le caratteristiche delle persone emotivamente intelligenti? Negli ultimi anni si è parlato molto di intelligenza emotiva dato che si tratta di un fattore chiave non solo per avere successo a livello professionale, ma anche nel campo delle relazioni interpersonali e per godere di una vita piena. Tuttavia, cosa differenzia le persone emotivamente intelligenti dal resto?

1. Non si perdono nelle parole, agiscono

Parlare è importante. Infatti, è di vitale importanza per concludere un accordo, per consolidare i rapporti con le persone e anche per sentirsi bene con se stessi. Tuttavia, dopo le parole devono venire i fatti. Le persone con un alto livello di intelligenza emotiva non si limitano a parlare, ma mettono anche in pratica ciò che dicono. Questa tendenza proattiva le rende più affidabili agli occhi degli altri, sono percepite come persone sulle quali si può contare.

2. Si mantengono concentrate sull’obiettivo finale

Uno dei principali motivi per cui le persone falliscono nel lavoro o nella vita personale è perché spesso accumulano troppi compiti da svolgere in un lasso di tempo ristretto. Ma le persone emotivamente intelligenti non solo sanno come suddividere gli obiettivi in tanti piccoli compiti, ma sono anche in grado di mantenersi motivate fino alla fine.

Può interessarvi: Intelligenza emotiva, come svilupparla

Questo permette loro di concentrare tutta la loro energia sulle cose veramente importanti ignorando il resto. Così non si stancano troppo e le relazioni interpersonali non ne soffrono. Queste persone hanno degli obiettivi molto chiari e sanno quale sia il percorso da seguire per raggiungerli.

3. Esprimono i loro sentimenti in modo assertivo

Siamo cresciuti in una società repressiva, da piccoli ci hanno insegnato a nascondere le nostre emozioni o ignorarle, come se non esistessero. Tuttavia, l’intelligenza emotiva consiste nel capire cosa proviamo e nell’imparare ad esprimerlo in modo più assertivo. L’ideale sarebbe non nascondere le emozioni negative, ma imparare a canalizzarle. Le persone che riescono a farlo sono in grado di esprimere ciò che vogliono senza farsi calpestare dagli altri ma nello stesso tempo si mostrano rispettose e amabili.

4. Si liberano dai pensieri tossici

Le persone emotivamente intelligenti sanno nutrirsi di energia positiva mantenendo a distanza coloro che si comportano come “camion della spazzatura”. Inoltre, controllano costantemente i loro sentimenti e si liberano delle emozioni negative.

Sono anche in grado di rilevare i pensieri negativi controproducenti e vi pongono rapidamente fine. Potremmo dire che queste persone sono in grado di mantenere pulito il loro “archivio mentale”, eliminando tutti i rifiuti inservibili che potrebbero causare stress, ansia o depressione.

5. Restano connesse

Il fatto che una relazione giunga al termine non significa che si dovrebbe distruggere il ponte che ci unisce a quella persona. Le persone emotivamente intelligenti si sforzano di mantenere le connessioni che hanno creato in passato e fanno in modo che le separazioni o le discussioni non lascino l’amaro in bocca all’altra persona. In questo modo si trovano spesso ad avere molti amici, che sono disponibili ad aiutarle quando ne hanno più bisogno.

 

6. Sanno esprimere ciò che provano

Tutti noi proviamo delle emozioni e dei sentimenti, ma molti non sanno tradurle in parole o hanno difficoltà a identificarle. Una persona emotivamente intelligente riesce a distinguere rabbia da rancore, affetto da amore e quando prova delle emozioni, sa classificarle per giusta importanza e identificarle con precisione. Vi sembra una cosa facile? Non è da tutti: stando alle statistiche, solo il 36% della popolazione è in grado di farlo.

“Sono una persona cattiva” Chi è emotivamente intelligente non userebbe mai una frase del genere. Piuttosto direbbe “oggi sono particolarmente irritabili e frustrato”. Più si è precisi nell’identificare e nell’etichettare le emozioni, più elevato sarò il Q.E. Q.E è un acronimo che usiamo per indicare il quoziente emotivo.

7. Sono interessati al prossimo

Una persona emotivamente intelligente, che sia introversa o meno, riuscirà a interessarsi al prossimo mostrando una sana curiosità dell’ambiente sociale che lo circonda. Chi ha una scarsa intelligenza emotiva finisce con il restare concentrato su di sé ignorando le persone che lo circondano.

8. Sono in grado di affrontare i cambiamenti

Un cambiamento può spaventare chiunque ma, in genere, chi si fa sopraffare dalla paura è perché non dispone dell’elasticità mentale opportuna per affrontare il cambiamento. Chi è intelligente emotivamente non resta chiuso in schemi prestabiliti, se il cambiamento è dietro all’angolo, riescono a elaborare piani adattivi.

9. Riconoscono, in sé, potenzialità e limiti

E’ attraverso l’autoconsapevolezza che, chi ha un elevato Q.E. riesce a stilare dei programmi di vita. Conoscere i propri punti di forza è fondamentale ma lo è ancora di più conoscere le proprie debolezze così da non cadere nell’auto-recriminazione e potenziare sempre le proprie capacità.

 

10. Sanno capire gli altri

La consapevolezza sociale è un elemento cardine di chi ha un elevato Q.E. L’abilità di capire le emozioni che stanno vivendo le altre persone è intrinseca… e questo è un dono non da tutti! Nel tempo, questa abilità diventa un’arma eccezionale, ottimo strumento per interfacciarsi in qualsiasi ambito, dal mondo del lavoro alle interazioni personali.

11. Non sono affatto permalosi

Chi è dotato di una spiccata autoconsapevolezza, difficilmente si offende. Le persone che hanno un elevato Q.E., per lo più, sono autoironiche e consentono agli altri di fare battutine anche se con qualche riserva: sanno bene delineare il confine tra umorismo e cattiveria.

12. Sanno gestire rifiuti e richiami

Molti di noi tendono a prendere rifiuti e richiami sul personale: generalizziamo il richiamo o il rifiuto e ci sentiamo come se l’oggetto del rifiuto non è stata una proposta ma la nostra persona! Se per qualcuno il rifiuto rappresenta un colpo pesante difficile da digerire, per chi ha un elevato Q.E. un richiamo o un rifiuto sono elementi normali della vita.

13. Sanno dire di no

Intelligenza emotiva è sinonimo di autocontrollo. C’è chi deve imparare a dire di no e chi, invece, riesce a farlo in automatico, perché sa perfettamente cosa è giusto per lui e cosa non lo è. Un “sì” di troppo potrebbe implicare l’assunzione di nuove responsabilità o semplicemente di dedicare del tempo a un progetto/attività che non si ha davvero voglia di svolgere. Molti dicono troppi “sì” perché temono di deludere il prossimo, chi ha un elevato Q.E. non corre questo dubbio perché sa pesare bene le proprie valutazioni.

14. Non rimuginano e non restano legati agli errori del passato

Chi ha un elevato Q.E. riesce a distaccarsi dagli errori commessi in passato. Ciò non significa che dimentica ciò che è stato, semplicemente non rimugina sugli errori ma usa il ricordo come termine di paragone per comprendere la propria crescita. Questo atteggiamento ci consente di trasformare i fallimenti in opportunità.

15. Non serbano rancore

La maggior parte di persone fanno fatica a non serbare rancore ma chi è dotato di una spiccata intelligenza emotiva riesce a tenere sotto controllo i suoi sentimenti e soprattutto le sue interazioni personali.

16. Sanno gestire le persone negative

Piuttosto che provare emozioni negative (rabbia, sconforto, tristezza, noia…) rancore verso una persona, imparano a mantenere le giuste distanze, anche quando quella persona è un familiare. Per capire come gestire le persone che ci danno emozioni negative, vi invitiamo a leggere l’ultimo paragrafo dell’articolo I falsi positivi sono le persone che rallentano la tua crescita personale“.

17. Non cercano la perfezione

La perfezione non è un obiettivo da perseguire e questo è chiaro a chi ha una spiccata intelligenza emotiva. Perseguire la perfezione significa confermare la propria fallibilità in modo continuo e senza alcun motivo concreto. Chi ha un elevato Q.E. sa bene che bisogna andare avanti con entusiasmo e elevato senso pratico, senza lamentarsi del superfluo.

18. Apprezzano ciò che hanno

Riescono ad apprezzare ciò che hanno perché ne sono consapevoli. Essere consapevoli delle proprie risorse ci rende capaci di sfruttarle al meglio per perseverare i propri obiettivi. La gratitudini, inoltre, riesce a diminuire i livelli di cortisolo (ormone dello stress) del 23% migliorando la salute fisica dell’individuo.

19. Sanno prendersi del tempo per sé

Prendersi una pausa non è sintomo di fragilità! Prendersi del tempo per riposare consente di mantenere i livelli di stress sotto-soglia così da poter sempre agire in modo più efficace possibile.

20. Sanno che la loro felicità non dipende dagli altri

Chi ha un elevato Q.E. sa benissimo che la sua felicità, come successi o fallimenti, non dipendono da terzi. Così come la felicità non dipende da altre persone, anche il valore e la stima che provano per se stessi prescinde dall’opinione altrui. Ciò che pensano gli altri, in bene o in male, bisogna gestirlo in modo ponderato perché rispecchia il pensiero di una persona differente da sé. Non importa ciò che gli altri pensano o fanno: la nostra autostima deve venire da dentro.

 

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

1 Commento a “20 segnali che siete emotivamente Intelligenti”

  1. amelia miori

    Nov 09. 2017

    stupendo,,sono al 99 % così..!!! grazie x questi post,, ci aiutate a capirci ..a capire..che siamo vulnerabili anomali ma alla fine scegliamo quello che ci fa piacere essere…il carattere non capita..è una scelta ..direi che fino ad una certa età tipo 25 anni..ne siamo inconsapevoli e poi responsabili..!

    Reply to this comment

Lascia un commento