Le 6 differenze tra le relazioni sane e quelle problematiche

relazioni

“Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prima ancora che i corpi si vedano” – Paulo Coelho

La base di un rapporto sano è la sincerità. In sua assenza, c’è la manipolazione dell’altro e questo nei rapporti si rivela sempre disastroso!

Se c’è una persona interessata a noi, assicuriamoci di valutare attentamente le sue intenzioni prima di investire in un rapporto. Molte volte, una persona che dice di amarci, può essere in realtà emotivamente confusa o non sincera.

“Le parole se ne stanno zitte sulla soglia a un passo da te che resti fuori, e io non so come chiamarti e chiederti di tornare indietro. E’ così che nascono gli addii“. – Fabrizio Caramagna

Le 6 differenze tra le relazioni sane e quelle problematiche

Ecco perché è utile analizzare le nostre scelte il più possibile prima di arrivare a una decisione. La condivisione è un fattore molto importante nella nostra vita e richiede particolare attenzione!

1. Generosità contro scambio

Nessuna relazione durerà se non si basa sulla generosità di entrambi i partners. Il vero amore è dare senza aspettarsi nulla in cambio. Quello che si prova quando si dà incondizionatamente, non ha paragoni.
Quando due persone si amano davvero, la generosità è la base sulla quale costruire il loro rapporto. In questo modo ci sarà fiducia e sostegno reciproco. In un buon rapporto, non c’è spazio per dubbi e interrogativi sulla verità e le intenzioni dell’altro.

Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare” – Mahatma Gandhi

D’altra parte, se uno dei due partner cerca costantemente una sorta di ricompensa o scambio per ciò che dà, ci sara’ presto qualche problema: il rapporto -se ce ne sarà uno- rischierà di sprofondare rapidamente o risulterà in una relazione di bisogno e dipendenza.

2. Accettazione contro il voler cambiare l’altro

Ci vuole duro lavoro perché i due partner in una relazione arrivino a “conoscersi”. E’ richiesta pazienza e tempo. Quando c’è reciproca accettazione, però, viene fuori la saggezza della condivisione. Se uno si prende cura dell’altro, uno sarà ispirato dall’altro e tutti e due si evolveranno come persone. Insieme.
Se, invece, vi è il bisogno e l’ansia di cambiare l’altro, la relazione finirà per sembrare uno sfruttamento. Non dovremmo cercare di rendere il nostro partner come l’oggetto della nostra fantasia e non dovremmo neanche accettare che lui faccia lo stesso. La ricerca della comprensione reciproca è l’unico aiuto per entrambi.

3. Desiderio contro pressione

E ‘sbagliato basare la comunicazione con il partner sui sensi di colpa per manipolarlo. Quando l’altro sente sempre l’obbligo di giustificarsi, presto si allontanerà.
Allo stesso modo, anche noi non dovremmo permettere un trattamento simile. Ogni iniziativa presa da una coppia deve essere libera da pressioni e fatta di puro desiderio. Per la sola gioia di vedere l’emozione negli occhi dell’altro.

4. Riservatezza contro esposizione

I punti deboli del nostro partner, le sue passioni e gli errori del passato, devono rimanere dei segreti da proteggere. Ecco perché devono essere tenuti lontano dalle orecchie di conoscenti, amici e parenti. E ‘molto importante la riservatezza nella coppia: le debolezze del partner devono essere affrontate con sensibilità, discrezione e responsabilità.
Alcune cose non dovrebbero essere dette a nessuno, devono rimanere tra i due partners. Un rapporto può facilmente crollare quando c’è mancanza di rispetto. C’è una sacralità intorno a quanto nasconde l’anima di ogni persona, anche nelle sue zone scure. Nella vita di coppia, inoltre, avrà dei nuovi “segreti”. Per questo, non dovremmo esporre ciò che non vogliamo perdere.

5. Comprensione contro ripicca

I litigi in una coppia sono sgradevoli, ma inevitabili. Possono, tuttavia, anche migliorare e rafforzare il legame. Come? Aiutandoci, se approcciati con l’intento di comprendere, di capire che cosa viviamo, come funzioniamo, come reagiamo a certe cose e perché, così da riuscire ad evitare litigi e incomprensioni future. Le ripicche, la vendetta e tutto ciò che portano è alienazione, critica e repressione.

6. Visione condivisa contro egoismo

L’unione di due persone è la sincronizzazione dei loro sogni, i loro desideri e i loro obiettivi. Decidono di camminare insieme verso il futuro. Accettano che l’”io” diventi “noi”. Quando uno dei due o entrambi, però, richiedono all’altro di rinunciare ai propri sogni, allora non c’è vera unione. C’è solo sfruttamento, incomprensione ed egoismo. La visione condivisa di un rapporto dove i due si prendono cura l’uno dell’altro, si amano, si comprendono e si rispettano, è quella che rafforza la coppia.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Psicoadvisor.com propone solo contenuti di qualità, redatti da autori specializzati e altamente qualificati.

I commenti sono chiusi.