5 domande da porti se vuoi davvero cambiare la tua vita

| |

Vuoi cambiare la tua vita, e farlo a partire da oggi? Se la risposta è si – e sono certa che sia proprio così! – allora puoi iniziare a porti le 5 domande che ho voluto condividere con te, e che potrebbero costituire un buon punto di partenza per poter dare una marcia in più alla tua esistenza, reagendo dinanzi alle aspettative della società, alle sfide che la vita ti ha posto dinanzi e a un senso di frustrazione che magari ti assale ogni volta che guardi al futuro con incertezza, timore e preoccupazione.

Si tratta – come avrai modo di vedere – di domande semplici e dirette. Che, tuttavia, richiederanno da parte tua una profonda analisi del tuo “io”.

Rispondendo a queste domande scoprirai infatti quali sono le tue reali passioni, i tuoi punti di forza, i tuoi valori, i tuoi desideri e le tue motivazioni.

Insomma, coglierai l’opportunità per poter comprendere quali sono alcuni dei più importanti aspetti del tuo animo e della tua personalità, e potrai utilizzarli per poter migliorare il tuo impegno verso l’obiettivo del “cambiamento”.

Cosa ami di più nella vita?

La prima domanda è: “che cosa amo nella vita”? La risposta potrebbe richiedere ragionamenti prolungati o… magari potresti già avere sotto mano un’idea di ciò che realmente ami! In ogni caso, non c’è una risposta “corretta”. Quel che ti consigliamo di fare è di elencare in modo sincero e appassionato tutto ciò che ami realmente nella tua vita.

Pensa ad esempio a tutte le attività che ti piacciono e che ti rendono entusiasta. Pensa a quelle situazioni che, in altri termini, ti fanno sentire “vivo”!

Nel rispondere a questa domanda, non porti alcun limite. Potresti così scoprire che, magari, ciò che ti piace fare contempla anche attività molto diverse tra di loro, come la musica, lo sport, la cucina, lo sforzo di insegnare agli altri o di imparare, o ancora guardare film, e non solo!

Quali sono stati i tuoi più grandi successi finora?

La seconda domanda che mi piacerebbe tu ti facessi è legata alla necessità di riportare in modo chiaro quali sono stati i tuoi principali successi fino a questo momento. Anche in questo caso, non esistono limiti o particolari caratteristiche che dovresti tenere a mente nel formulare questa risposta!

Cerca invece di elencare tutti i momenti di cui sei particolarmente orgoglioso, e quelli in cui sei riuscito a raggiungere degli obiettivi a cui ambivi particolarmente.

Prova poi a compiere uno sforzo ulteriore. Sono infatti convinta che per aver realizzato quegli obiettivi che ritenevi così importanti, avrai pur usato alcuni dei tuoi eccezionali punti di forza!

Ebbene, cerca di comprendere quali sono, e in che modo e perché sei riuscito a ottenere i tuoi target. Elenca anche tutte le attività, gli hobby o qualsiasi altra cosa che fai e che oggi riesci a completare con facilità, contrariamente a quanto avveniva un tempo.

Ricorda che l’obiettivo di questa analisi è quello di far emergere i tuoi punti di forza più importanti. Sono certa che ne hai molti di più di quanto tu possa immaginare!

Cosa faresti se non avessi limiti?

La terza domanda che vorrei tu ti ponessi è: “se la mia vita non mi imponesse limiti, e se potessi avere tutto ciò che voglio, e fare tutto ciò che desidero, cosa sceglierei di avere e cosa sceglierei di fare?”.

Rispondere a questa domanda ti permetterà di comprendere quale sia il tuo stile di vita ideale. Per esempio, ti permetterà di annotare tutte quelle cose che potresti fare durante il giorno se sapessi di non avere limiti e di essere sempre destinato ad avere successo. E ti permetterà dunque di comprendere che tipo di persona saresti, quanti soldi guadagneresti e dove vivresti.

In altri termini, questa domanda ti permette di capire chi vorresti essere “veramente”, se non avessi alcun limite.
L’obiettivo di tale domanda è ben chiaro: puntando la tua bussola verso questo stile di vita puoi iniziare efficacemente a lavorare per lo stile di vita che vuoi realmente ottenere!

Cosa faresti con un miliardo di euro?

La quarta domanda è: “cosa farei se improvvisamente avessi un miliardo di euro sul conto corrente?”.
La risposta, probabilmente, sarà diversa da quella di qualsiasi altra persona!

D’altronde, quel che ti chiedo di fare è elencare tutto quello che ti piacerebbe fare se avessi una somma di denaro così importante. Probabilmente gireresti il mondo, compreresti una casa o due, daresti un po’ di soldi alla tua famiglia o in beneficienza ma… non fermarti qui! Le vere differenze tra i tuoi comportamenti e quelli dei tuoi vicini, dei tuoi familiari o dei tuoi amici, arrivano infatti poco dopo.

Per esempio, dovresti domandarti che cosa faresti con il tuo tempo libero, visto e considerato che avere una somma di denaro così importante probabilmente ti condurrà a lasciare il tuo posto di lavoro.

Lo scopo della domanda… dovresti averlo intuito: ti aiuta a pensare senza limitazioni. Solo quando siamo in grado di rimuovere tutti gli ostacoli limiti, possiamo infatti scoprire davvero cosa vogliamo fare!

Chi ammiri di più al mondo?

Giungiamo così all’ultima domanda che voglio che tu ti ponga: “chi ammiro di più al mondo?”. Lo sforzo che ti chiedo di fare è in altri termini quello di elencare le tue più grandi fonti di ispirazione e quali sono le qualità che ammiri in queste persone. Pensa a cosa ti ispira veramente in questo mondo e soffermati sugli aspetti positivi che stimi negli altri.

Di solito, se ammiriamo qualcuno in particolare è… perché ha delle qualità simili alle nostre, o che anche noi potremmo avere.

Conclusioni

A margine di questo breve approfondimento non possiamo che invitarti a prenderti tutto il tempo che ti serve per poter rispondere a queste domande.

Ricorda che più riuscirai a mettere in pratica le tue passioni, i tuoi punti di forza, i tuoi valori, i tuoi desideri e le tue motivazioni che hai individuato grazie a queste domande, giorno dopo giorno, e più la tua vita diventerà felice!

E tu che cosa ne pensi? Quali sono le domande che trovi utile ripetere ogni giorno per poter trovare nuovi stimoli alla tua esistenza? C’è qualche spunto che vuoi condividere con noi?

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook: sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*

Previous

Il mito: “tra noi due c’è chimica”

La teoria dell’attaccamento di John Bowlby

Next