7 modi in cui si può tradire il proprio partner senza neanche rendersene conto

Quando due persone iniziano una storia d’amore, tutto è meraviglioso. C’è la passione, la voglia di stare insieme, l’intesa sessuale. Ma poi, soprattutto con il passare degli anni, con la convivenza o con il matrimonio, sembra che qualcosa cambi. Il rapporto nella coppia cambia, a volte si riesce a trovare nuovi equilibri, continuando a vivere un rapporto amorevole e di passione, altre volte si entra nell’abitudine di avere quella persona accanto, e quindi si entra in un vortice di mancanza di entusiasmo.

 Quand’è che tradiamo la fiducia e l’amore del nostro partner?

Siamo portati a credere che il tradimento avvenga solo ed esclusivamente quando una persona si innamora di un’altra persona o quando ha una relazione extra coniugale. Ma se ci pensiamo bene esistono moltissimi modi di essere infedeli, che non sono solo una “questione fisica”: magari siamo infedeli e nemmeno lo sappiamo.

7 modi di tradire il proprio partner

Spesso è molto difficile capire quando si oltrepassa quel confine in cui si inizia di mancare di rispetto al proprio partner. La coppia si sceglie, si conosce, si rispetta, si ama, si giura fedeltà, si perdona, ma tutto ciò non basta perché  ci potrebbero essere dei punti di rottura, che se non presi in considerazione e corretti, potrebbero portare la coppia alla deriva.. Quand’è che si passa il punto di rottura nelle relazioni? Ecco alcuni spunti di riflessione.

1. I figli vengono prima di tutto

Chi c’è al primo posto nella nostra vita, il partner o i figli? Anche se è un bene mettere le esigenze dei bambini al primo posto, concentrarsi esclusivamente su di loro potrebbe sottrarre attenzioni al partner. L’arrivo di un figlio è come un “percorso” lungo il quale bisogna sapersi trasformare e riconoscersi come nuova identità di coppia, se si vuole continuare la vita insieme in modo stimolante. Non dobbiamo mai dimenticare di essere prima di tutto una coppia.

2. Tradisci il partner “emotivamente” riponendo la tua fiducia in qualcun altro

Il tuo compagno dovrebbe essere il tuo amico del cuore, il tuo complice e il tuo più grande sostenitore tutto insieme. Quando il partner riserva la sua amicizia, la confidenza e l’intimità ad un’altra persona, ci sentiamo traditi. Ovviamente, il partner non dovrebbe prendere il posto del tuo migliore amico/a, ma deve avere la certezza di essere la prima persona a cui chiediamo aiuto, a cui ci rivolgiamo. Incoraggiare una forte relazione emotiva con un’altra persona, che va oltre quella che si ha col proprio partner, è come un tradimento.

3. Sei sempre incollato/a al telefono.

Passare troppo tempo al telefono quando sei col partner manda un messaggio molto chiaro alla tua lei o al tuo lui: potrei passare il mio tempo libero con te, ma preferisco il telefono. Tutti abbiamo bisogno di staccare e queste attivitità ci aiutano a rilassarci, ma diventano fonte di problemi quando le usiamo per sostituire un’interazione reale col partner. Chiediamoci: dedico più tempo ai social o alle conversazioni con il mio compagno/a?”

4. Tradisci il partner finanziariamente

Quei pagamenti con carta di credito che abbiamo effettuato alle spalle del partner sono destinati a venire a galla… e quando succederà potrebbero causare un bel problema. Quando uno dei partner nasconde informazioni riguardanti le finanze spezza un legame di fiducia fondamentale per la coppia. Dovendo pagare le conseguenze dell’irresponsabilità economica dell’altro, il partner si sente tradito. La mancanza di trasparenza in questo ambito si traduce in una scarsissima fiducia. Non ci si sente più come una squadra.

5. Passi più tempo con gli amici che con il partner

Coltivare hobby ed interessi fuori dal matrimonio è importante. Stare insieme 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 non fa bene di certo. Il problema si pone quando il partner sente di essere in secondo piano rispetto a tutti gli altri aspetti della tua vita, in particolare rispetto agli amici.

6. Ti lamenti del partner con gli altri

La privacy e il rispetto per il nostro compagno/a ci imporrebbe di non metterci a parlare con gli amici di alcune cose che riguardano la vita di coppia. Molte volte, soprattutto in seguito ad un litigio, si è portati a rivelare cose agli altri che però appartengono al mondo privato della relazione. Proviamo a metterci nei panni dell’altro: ci piacerebbe scoprire che è andato a raccontare ai suoi amici cose intime della nostra vita?

Forse pensiamo che sfogarci con gli amici sulle abitudini fastidiose del proprio partner sia una cosa innocente. Invece, causiamo un piccolo tradimento della sua fiducia ogni volta che confidiamo, ad amici o familiari, qualcosa che può ridicolizzarlo/a.

7. Sei sulla difensiva

Assumere quest’atteggiameno può essere molto pericoloso per la relazione. Trattenere pensieri, convinzioni ed emozioni contraddice lo scopo dei rapporti di coppia. Se ci chiudiamo nel silenzio o ci limitiamo a dire “va tutto bene” quando non è così, alziamo un grosso muro emotivo. Il partner si sente tradito, perché abbiamo avuto la capacità di chiuderlo “fuori” dal quel muro e negandogli ogni possibilità di avvicinamento.

Per concludere…

Vivere una relazione felice e appagante non è qualcosa che succede di punto in bianco, così come l’amore non è qualcosa di permanente, che si conquista una volta e poi si ha.  Amare il proprio partner vuol dire sviluppare l’empatia, prendesi cura all’altro, ascoltarlo anche quando non parla, perdonargli qualche errore. Per farlo servono un desiderio inossidabile di felicità, una grande determinazione ed essere disposti anche a fare una certa fatica.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi suFacebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

I commenti sono chiusi.