Come capire che ci stiamo sacrificando troppo per il partner?

non c’è niente di più avvilente di un rapporto che si esaurisce nella fatidica frase “Con tutto quello che ho fatto per te”. Cit Psicoadvisor

Spesso si parla di ‘sacrifici per amore’ ma è giusto sacrificarsi per una persona a cui teniamo? Fino a che punto è sano sacrificarsi? Quando si crea una relazione dovrebbe essere scontato porre le basi per un sano rapporto basato sullo scambio e la reciprocità.

Spesso si parla di ‘sacrifici per amore’ ma è giusto sacrificarsi per una persona a cui teniamo? Fino a che punto è sano sacrificarsi? Quando si crea una relazione dovrebbe essere scontato porre le basi per un sano rapporto basato sullo scambio e la reciprocità.

Tuttavia ci è soliti imbatterci in persone che si sacrificano troppo, che si annullano completamente per il partner, mettendo da parte se stesse, ponendo pertanto, le basi per una relazione che soffoca e strumentalizza l’altro.
Certo, mantenere un rapporto di coppia significa, a volte, fare sacrifici e concessioni. Spesso dobbiamo fare un passo indietro, limitare la nostra libertà per decidere in due. Questo è normale, dopo tutto, se pretendiamo un compromesso dobbiamo essere disposti a comprometterci.

Infatti, per mantenere un rapporto di coppia nel tempo ognuno deve essere disposto a sacrificarsi per l’altro. Diversi studi hanno dimostrato che le coppie più felici e quelle che durano più a lungo sono quelle che si basano nel sacrificio reciproco. Quando c’è l’amore, cedere in favore dell’altro non è nemmeno un sacrificio, ma un piacere. Ci fa sentire meglio con noi stessi.

Ma è anche normale che quando arriva il momento di sacrificarsi sorgano alcune domande. Perché dovrei farlo? Sacrificarsi significa rinunciare a ciò che si desidera e alla propria essenza? È probabile che ti chieda anche se si dovrebbe sacrificare il tuo partner al posto tuo.

Inoltre, il sacrificio include anche un problema di potere. Se solo uno dei due si sacrifica si creerà uno squilibrio molto dannoso per il rapporto che, nel lungo termine, creerà infelicità e risentimento. Pertanto, anche se i sacrifici possono essere utili e permettono il consolidamento del rapporto di coppia, è necessario sapere quali sono i limiti.

Perché siamo portati a sacrificarci troppo fino ad annullarci?

Innanzitutto dobbiamo dire che l’idea di “sacrificarsi in nome dell’amore” ha spesso un legame fortissimo con una idea svalutante di se stessi, e di conseguenza segnala una problematica nell’area della propria autostima.
La paura di essere abbandonati in amore molto spesso porta a vivere le relazioni affettive in maniera distorta, al punto tale da annullarsi per far felice l’altro. Questa tendenza viene descritta come un problema di dipendenza affettiva. Acausa della paura dell’abbandono, della separazione, della solitudine, chi soffre di dipendenza affettiva tenderà sempre a negare i propri desideri e bisogni.

Per approfondimento ti consiglio la lettura del mio articolo

“Come imparare a superare la dipendenza affettiva”

Se si vuole bene a un’altra persona è normale che ci si impegni nel sostenerla soprattutto nei momenti più difficili ma è giusto farlo senza annullare ciò che siamo. Se una persona ama in modo sano l’altra non le chiede di rinunciare a se stessa. Ricordiamoci sempre che non riusciamo ad amare nessun’altro se prima non sappiamo amare noi stessi. E allora è giusto porsi delle domande, capire se ci stiamo sacrificando troppo per il partner.

7 domande da porsi prima di sacrificarsi per il proprio partner

1. È la persona con la quale desideri trascorrere il resto della tua vita o hai ancora dei dubbi?

Il compromesso è un precursore del sacrificio. Perchè un grande sacrificio valga la pena, devi essere sicuro che stai investendo in un rapporto che ha un futuro. Naturalmente, in amore niente è sicuro al 100%, ma il sacrificio è più accettabile quando ci aiuta ad avvicinarci alla persona con la quale desideriamo trascorrere il resto della nostra vita.

2. Il tuo partner è disposto a fare lo stesso per te?

Il sacrificio è una medaglia a due facce: mentre decidi di rinunciare a qualcosa per il tuo partner, il tuo partner dovrebbe decidere se è disposto a sacrificarsi per te. Quindi, prima di fare il grande passo, è importante che ti chieda se il tuo partner sarebbe disposto a fare lo stesso, almeno in futuro. Se questa persona non è disposta a impegnarsi e investire nella relazione, forse il tuo sacrificio non ha senso.

3. Condividete la stessa prospettiva?

Quando una situazione richiede un sacrificio, i risultati ottenuti di solito non beneficiano entrambi i partner. La prassi è che uno vinca molto e l’altro perda qualcosa. Quindi, prima di fare il grande passo, è necessario assicurarsi che si ha entrambi le stesse priorità e gli stessi interessi. Non avrebbe molto senso abbandonare un lavoro stabile e trasferirsi in un altro paese per una persona che non è sicura di voler mantenere un rapporto stabile, per esempio.

4. Il tuo partner sa che si tratta di un sacrificio?

Non c’è bisogno di parlare continuamente del sacrificio che si è disposti a fare, ma è importante che il tuo partner sia a conoscenza del fatto che ti sei compromesso a sacrificare qualcosa d’importante per la relazione. Infatti, quando uno dei partner deve perdere e sacrificarsi, il riconoscimento dell’altro rende la situazione più sopportabile. Anche se devi sempre tenere a mente che non si tratta di trasformare la relazione in un rapporto commerciale in cui la valuta è il sacrificio.

5. C’è una soluzione migliore?

A volte, dover rinunciare a qualcosa che rappresenta un sogno o a cui siamo rimasti legati per anni e che ci dà sicurezza non è una prospettiva piacevole. Quindi, prima di rinunciare a queste cose è auspicabile chiedersi entrambi se c’è una soluzione grazie alla quale nessuno dei due debba rinunciare eccessivamente. A volte basta aprire un poco la mente e cercare all’esterno tra le soluzioni convenzionali per trovare una soluzione meno dolorosa a livello emotivo, o meno costosa, per ciascuno dei partner.

6. Si può trattare?

Il sacrificio non deve essere imposto, deve venire spontaneo. Questo significa che se la persona prende la decisione e mette l’altro con le spalle al muro, non vi sarà alcun margine di negoziazione. Quella persona non ha semplicemente preso in considerazione la vostra opinione, i desideri e i bisogni. Ogni sacrificio, in una relazione, dovrebbe avere il consenso di entrambi, ci dovrebbe essere spazio per trattare, perchè in un certo senso, la persona che si beneficerà maggiormente compensi l’altro per la perdita. Vale la pena ricordare che non si deve trasformare il sacrificio in una moneta di scambio perché questo genera solo risentimento, ma si dovrebbe trovare una via di mezzo che renda felici entrambi.

7. Che cosa ti motiva?

Questa è la domanda più importante, perché ci sacrifichiamo continuamente per diversi motivi, ma non tutti ci rendono felici. Stai cedendo per rendere felice il tuo partner e salvare il rapporto o semplicemente per evitare il conflitto? Si è riscontrato che i sacrifici che si fanno solo per evitare problemi, alla fine producono una forte insoddisfazione. Al contrario, i sacrifici fatti per contribuire a consolidare la relazione sono più efficaci.

Una domanda difficile da porsi

Nascondendoci dietro l’accontentare l’altro si può rinviare una domanda che per molti può essere veramente difficile da porsi: ovvero “Sto pensando alla mia felicità?”

Quando questa tendenza di sacrificarsi tropp diviene cronica, alla base c’è la difficoltà a sapersi occupare di se stessi e dei propri bisogni. In più dobbiamo aggiungere che l’idea di sostituirci all’altro nasconde spesso una pretesa ben precisa: ovvero quella di poter controllare il proprio partner affinchè faccia quello che noi desideriamo.

Ma quali sono le cose che possiamo fare per evitare di cadere nel gioco del sacrificio per l’altro? Sicuramente iniziando a interrompere tutte le iniziative che sono volte a “far esclusivamente l’altro felice”.

Prima o poi, tutte le relazioni richiedono sacrifici, ma non dobbiamo rinunciare o cedere senza pensarci prima bene. È importante considerare pro e contro, mantenere un canale di comunicazione ben chiaro con il proprio partner, porci le domande più difficili e, soprattutto, assicurarci che ci stiamo sacrificando per i motivi giusti. Ci sono sacrifici che generano felicità, ma ce ne sono altri che sono solo grandi errori.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi seguire tutti gli aggiornamenti sul modo della psiche, ti invito a seguirmi sulla pagina Facebook ufficiale di “Psicoadvisor“, oppure puoi seguirmi sul mio Profilo di Facebook!


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento