Non importa quanto dolore o delusione stai attraversando ora, ricorda che tutto passa

| |

“I dolori, le delusioni e la malinconia non sono fatti per renderci scontenti e toglierci valore e dignità, ma per maturarci.”

“Il fallimento è l’opportunità di ricominciare in modo più intelligente.” Lo dice Harry Ford…E a quanto pare non ha per niente torto! Quando si parla di una seconda possibilità normalmente pensiamo agli altri, a perdonare ciò che qualcuno ci ha fatto e dargli la possibilità di fare ammenda. Tuttavia, la verità è che spesso ci risulta più facile dare a qualcuno una seconda possibilità che darla a noi stessi.

Spesso non sono i nostri genitori, gli insegnanti o gli amici i nostri giudici più severi, ma noi stessi.

In un certo senso, questo è un atteggiamento normale, e non c’è nessuno che conosca meglio di noi i nostri limiti e le debolezze, che sappia se ci siamo sforzati abbastanza o se potevamo fare di meglio. Normalmente non possiamo sfuggire al nostro giudice interiore. E non è una cosa negativa, perché ci spinge ad andare oltre i nostri limiti e crescere come persone.

pubblicità

Tuttavia, ci sono dei momenti in cui il nostro giudice interiore è troppo rigido! Succede quando superiamo la sottile linea che c’è tra la critica costruttiva e i giudizi malsani e distruttivi: smettiamo di analizzare gli errori e iniziamo a incolparci. E’ il momento in cui molti decidono di gettare la spugna, pensano di avere fallito, che tutto è finito e la battaglia è persa.

La causa principale di ogni sofferenza è identificarsi con i pensieri invece di osservarli con distacco e lasciarli andare

Quando sperimentiamo un fallimento, la mente tende a creare pensieri catastrofici creando un’identità attorno alla sofferenza (nota come il complesso della vittima). Il momento in cui iniziamo a credere a pensieri auto-vittimizzanti e auto-commiseranti è il momento preciso in cui sperimentiamo un’intensa sofferenza. Ma quando osserviamo e diventiamo consapevoli di questi pensieri e non ci identifichiamo con essi, non soffriamo.

Vale sempre la pena darsi una seconda possibilità

Quando viviamo una delusione e ci comportiamo come dei giudici inflessibili è probabile che stiamo danneggiando qualcuno, ma anche noi stessi.

pubblicità

L’esempio più emblematico è quello di una persona che ha avuto una relazione e le cose non sono andate come sperava. Di conseguenza, si chiude all’amore. Questa non è una situazione che la rende felice perché la decisione non nasce da ragionamenti logici, ma dalla delusione e dalla paura di tornare a soffrire.

Ovviamente, non siamo sempre consapevoli del fatto che l’ostacolo più grande da superare per essere felici di nuovo siamo noi stessi. La nostra mente è contorta e spesso ci tende delle trappole nelle quali cadiamo facilmente.

Perché ci rifiutiamo una seconda possibilità?

Perché siamo troppo esigenti con noi stessi

Quando abbiamo fissato degli obiettivi molto ambiziosi accontentarci di qualcosa di inferiore ci risulta difficile. Per questo, quando sbagliamo ci sentiamo così male che siamo tentati di rinunciare pensando che non siamo in grado di realizzare ciò che ci siamo prefissati. Dopo tutto, o lo si ottiene alla prima o niente. Questo modo di pensare polarizzato è il motivo principale che ci impedisce di provare di nuovo.

Perché restiamo ancorati al passato

pubblicità

Ci sono persone che vivono molto bene nella loro zona di comfort, dove si sentono al sicuro. Molte volte si tratta di vivere incatenati al passato, a ricordi che non possono tornare e che anche se molto gratificanti, non sono il presente e ci trattengono. Darci una seconda possibilità spesso significa voltare pagina e andare avanti e questo punto di vista ci può spaventare.

Perché pensiamo che non lo meritiamo

Se da bambini ci è stata inculcata l’idea che non siamo capaci di fare niente e non ci meritiamo le cose buone che ci accadono, è più probabile che getteremo la spugna al primo tentativo considerando inutile riprovarci. Ricordiamoci che denigrarci serve solo a danneggiare la nostra autostima facendoci sentire dei miserabili.

Come fare a darci una seconda possibilità?

Mantenendo la calma

Forse hai bisogno di tempo per guarire dal colpo subito e ritrovare l’equilibrio psicologico. Va bene, ma non rimandare il recupero a tempo indeterminato. Muoviti al tuo ritmo ma avanza, anche se lentamente, perchè quando la prossima occasione busserà alla tua porta sarai pronto ad approfittarne dandoti una seconda possibilità.

Aprendoci alle opportunità

Tutti commettiamo errori e questo ci rende umani, quello che conta è cosa iniziamo a fare da questo momento in poi. Ci lasciamo sopraffare o riproviamo di nuovo? Il semplice fatto di essere aperti a nuove possibilità ci consente di individuarle quando si presentano, ma se continuiamo ad avere una mentalità negativa queste ci sfuggiranno senza rendercene conto.

Imparando dagli errori

Hai sbagliato? Non succede nulla, rifletti sulle decisioni che ti hanno portato a questo punto e cerca di prendere una strada diversa la prossima volta. Gli errori sono occasioni per imparare e fare meglio in futuro. Dopo tutto, l’esperienza è sempre un plus.

PER CONCLUDERE

Niente è impossibile! Fai un inventario di ciò che pensi in maniera negativa della tua vita, delle tuoi progetti, delle relazioni, della salute o della carriera; e prometti di sbarazzarti di questi pensieri negativi. Non si tratta di illuderti o ingannarti, ma di creare in te un atteggiamento di apertura verso le possibilità, invece, di continuare ad alimentare le impossibilità. In pratica: devi semplicemente aprirti verso le nuove idee.

Non devi fare nulla di diverso nella tua vita, ma solo cambiare alcune immagini mentali. Questo nuovo modo di pensare, alla fine, porterà a nuovi e sorprendenti comportamenti…fidati!

Ricorda, dove ci sono difficoltà con cui convivere  e condizioni insoddisfacenti da superare, là la virtù fiorisce al suo meglio e manifesta il suo massimo splendore. Di sicuro ti sarà capitato di combattere per risollevarti con una forza che non pensavi di avere. Anche se adesso stai vivendo un momento difficile sappi che quello che stai vivendo è solo un momento, non una situazione che durerà per sempre….perchè tutto in questa vita è impermanente, anche le situazioni da cui ti sembra non ci sia via d’uscita.

Se temi di non farcela potrebbe essere utile chiedersi con sincerità se si è certi di potercela fare da soli. Se la risposta è no allora sarà ancora più utile chiedere aiuto ad un professionista. Solo le persone ostinate resistono e persistono nelle disperate circostanze che le affliggono, negando a se stesse il dono d’essere aiutate.

A cura di Ana Maria Sepe, psicoanalista
Se vuoi essere aggiornato su argomenti che promuovono la crescita personale ed emotiva, puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor o sul mio account personale . Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

Previous

Le 5 parole chiave per aprire le porte alla vita che meriti

Quando a ferirti è qualcuno che dovrebbe proteggerti e amarti

Next