Come avere un carattere forte e sicuro, indicazioni dello psicologo

Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici.(Khalil Gibran)

Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici.(Khalil Gibran)

Dai primissimi istanti di vita, tutto ciò che ci succede si imprime nella mente e contribuirà a formare quello che chiamiamo carattere. Minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, da piccoli impariamo ad abbandonarci o a difenderci dall’ambiente in cui viviamo, impariamo a fidarci o a temere gli adulti, impariamo a riconoscere la sicurezza e la serenità e viceversa la tensione e l’ostilità,   impariamo cioè delle proprie modalità per adattarci  al mondo,  (prima condizione per sopravvivere).

Il carattere dunque è l’insieme degli atteggiamenti e dei comportamenti. Il carattere può essere diviso:  dalla psiche e dai fattori esterni che chiameremo fattori “meccanici”.

Il carattere è come un iceberg: una parte la vedi perché si trova fuori l’acqua (quelli sono i tuoi fattori meccanici – mente conscia) ma l’altra parte non la vedi perché si trova dentro l’acqua ( la psiche, la tua mente subconscia).
Quindi, c’è una parte di te, quella conscia, che desidera rafforzare il proprio carattere, superando i conflitti personali  ma c’è un’altra parte di te, quella inconscia, che ti blocca  e automaticamente sabota i tuoi comportamenti e atteggiamenti.

  • Mente conscia  determina: Azione, Desideri, Paura,  Condizione
  • Mente inconscia determina:  Reazione,Immagine di se, Traumi,Conflitti irrisolti, Zona di confort, Sabotaggio

Cosa succede? Se la parte inconscia prende il sopravvento ne scaturisce un carattere insicuro, in balia dei disagi emotivi.

Ti è mai successo di pensare una cosa e di fare esattamente l’opposto? Ecco, hai permesso che il tuo inconscio emotivo prenda il sopravvento. Rafforzare il carattere significa prendere il sopravvento sull’emotività inconscia, rafforzando la parte conscia. Abbiamo avuto dei traumi, siamo stati emarginati, i nostri genitori non ci hanno dato la giusta educazione? Ok, ma non ne facciamo un alibi,  non è necessario perdere tempo per superarli, basta prenderne coscienza e rafforzare le nostre risorse. Ecco come rafforzare il proprio carattere per affrontare la vita con più determinazione e gli ostacoli con più forza e coraggio

Come rafforzare il proprio carattere, 5 indicazioni importanti

1)Empatia

Sviluppando empatia potremo avere buone relazioni con gli altri, anche con chi è molto diverso da noi. Con l’ascolto empatico potremo riconoscere le emozioni di chi ci parla e definire confini chiari con l’interlocutore: per farlo è necessario uscire dal giudizio e aprirsi ad accettare l’altro così com’è.

ESEMPIO: una mia amica sta male perché non può uscire a cena con me, se esercitassi l’ascolto empatico capirei la sua sofferenza, ma io sono arrabbiata e offesa perchè non viene con me. In questo modo mi concentro su di me e sulla mia rabbia e parto in quarta a cercare di convincerla a venire senza rendermi conto che lei  ha bisogno di essere capita.
Questo accade quando non esercitiamo empatia, se questo si ripete più volte nella quotidianità sarà molto difficile rafforzare il carattere in quanto ci facciamo vincere dalle nostre insicurezze.

2)Razionalità

Quante volte ti è successo di prendere una decisione con motivazioni del tutto irrazionali e di difenderla a tutti i costi? La difendiamo nell’assoluta certezza che sia frutto di un logico ragionamento per sostenere la decisione presa. Alla fine, non siamo più in grado di riconoscere una decisione ‘razionale’ da una ‘irrazionale’. Come possiamo essere più razionali nelle decisioni, senza incappare nella trappola delle influenze che alcune parti del nostro cervello hanno sulla nostra ragione?

ESEMPIO: mi licenzio perché penso di trovare di meglio anzi sicuramente troverò di meglio. Se poi non trovo lavoro significa che sono sfortunata. Sono sicura che mi licenzio per questo motivo? Perché devo attribuire la mia condizione alla sfortuna? Con questo atteggiamento non arriveremo mai da nessuna parte! Prima di licenziarsi bisogna analizzare con obiettività se ci sono presupposti per un miglioramento lavorativo.

Smettiamola di essere fatalisti: ogni individuo è responsabile del proprio sviluppo e destino. Accettare il fatalismo vuol dire non essere capaci di prendere qualsiasi iniziativa per migliorare la propria vita e se stessi.

ESEMPIO: “domani andrà meglio, le cose si aggiusteranno”. Se non ci muoviamo, la nostra condizione non cambierà mai!
Pessimismo e ottimismo. Cerchiamo di ragionare con obiettività senza pessimismo e senza troppo ottimismo, per non distorcere il vero senso dell’azione.

3)Impulsi irrazionali

Scelte frettolose, mangiare troppo cibo, avere paure ingiustificate, essere travolti dalla rabbia,dalla tristezza o anche dalla passione non rafforzano il carattere. Riflettiamo prima di agire, sempre!

4)Modestia

Apprezziamo quello che abbiamo ottenuto: immaginare che l’erba del vicino sia più verde è il primo presupposto per essere infelici tutta la vita. Smettiamola di concentrarci sugli altri e finiamola di agire in funzione degli altri: questa è pura insicurezza……l’invidia è insicurezza.

ESEMPIO:”preparo io la valigia, perchè tu non sai prepararla!” In pratica quello che faccio io è ottimo quello che fanno gli altri è mediocre: dietro questo atteggiamento si cerca di compensare a livello inconscio le proprie frustrazioni. Oppure “se l’avessi fatta io quella cosa………” Ecco, basta con queste affermazioni, semmai agisci.

5)Serenità

Non facciamo il passo più lungo della gamba: non dobbiamo dimostrare niente agli altri! Evitiamo di essere guidati da qualcosa che non sia pura razionalità nelle decisioni e nella vita quotidiana: cerchiamo di non essere né spendaccioni né avari, ma una via di mezzo facendolo in piena serenità senza rimpianti. Restiamo calmi in ogni situazione: la calma è uno stato di quiete che ti permette di concentrarti e raccogliere i pensieri sparsi per meditare con profitto.

ESEMPIO: “la mia amica ha acquistato iphone6, lo voglio anche io!” Perchè devo comprarlo? In pratica il nostro carattere insicuro ci porta a credere che acquistando un qualcosa di prestigioso faccia rivalutare la nostra immagine.

Insomma….riflettiamo prima di agire: la riflessione porta alle idee, le idee alle opportunità e le opportunità al successo.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi suFacebook o tra le cerchie di Google+

Nessun commento.

Lascia un commento