Sentirsi inadeguato nel proprio ruolo: la sindrome dell’impostore

sindrome impostore

Non lasciarti ingannare dal nome, la sindrome dell’impostore non è una caratteristica di chi ha un disturbo antisociale o narcisistico, è un fenomeno psicologico che colpisce paradossalmente le persone più capaci e rischia di metterne in pericolo i futuri successi.

Sindrome dell’impostore, che cos’è

Con il termine “sindrome dell’impostore” si descrive una condizione psicologica caratterizzata dall’incapacità di interiorizzare i propri successi e dal costante timore di affrontare situazioni che possono svelarti al prossimo per quello che credi di essere: una persona senza troppe capacità, un impostore.

Questa sindrome è particolarmente comune tra le persone di successo, soprattutto tra le donne. E’ accompagnata da una costante sensazione di inadeguatezza.

Se ti capita di sminuire costantemente i tuoi successi e di sentirti inadeguata nel tuo ruolo, qualunque esso sia, probabilmente sei vittima della sindrome dell’impostore.

Convinzione radicata di non valere

Diceva il filosofo Bertrand Russell «Gli sciocchi e i fanatici sono sempre così sicuri di sé stessi. Mentre le persone sagge sono anche quelle che nutrono più dubbi». La sindrome dell’impostore è questo ma si spinge anche oltre.

La sindrome dell’impostore è la sintesi di una battaglia persa contro l’autostima, contro l’affermazione della propria immagine, una battaglia dove il super io, giudicante e accusatorio, ne esce vincente con una convinzione radicata di “non valore”.

L’ironia della sorta è che gli studi statistici di Pauline Clance e Suzanne Imes (che nel 1978 hanno descritto per prime questa sindrome) hanno dimostrato che questo disturbo psicologico è comune soprattutto tra le persone di talento.

«Più è grande il tuo potenziale, più sarà grande la tua insicurezza. La presunzione è il premio di consolazione dei mediocri.» – Robert Hughes

Nonostante le tante belle citazioni, la vita non dovrebbe essere così. In un mondo ideale, la sicurezza e l’autodeterminazione dovrebbero essere proporzionali alle proprie capacità e non alle proprie credenze infondate. Così viviamo in un mondo in cui i cretini si sentono dei luminari e i talentuosi vivono nella paura del fallimento. In entrambi i casi ci troviamo di fronte a due distorsioni cognitive opposte. La chiara dimostrazione di come la realtà possa essere vissuta in modo del tutto soggettivo e… irrealistico.

Indicatori: autocritica, perfezionismo, paura di fallire, invalidazione…

Se soffri di questa sindrome, troppo spesso ti lasci andare all’autocritica e sei tendente al perfezionismo. Anzi, il perfezionismo diventa un ostacolo difficile da superare. Pretendi da te grandi prestazioni in qualsiasi campo e qualsiasi cosa fai, finisci con il non sentirti abbastanza“Se solo fossi abbastanza…” ma la tua idea di “abbastanza” è come l’immagine che hai di te, cioè astratta e irrealistica.

Tra gli altri indicatori di questa sindrome abbiamo una costante insoddisfazione ma è chiaro, se non sei in grado di riconoscere i tuoi successi, è normale che non riesci a gioirne, a questo si aggiunge una scarsa tolleranza al confronto, o meglio: esci sempre sconfitta quando provi a paragonarti a qualcun altro.

La paura di fallire è un’altra costante. La paura del fallimento è una colonna portante che accompagna la tua vita, ti causa un forte sovraccarico e genera ansia e stress.

Se questi sentimenti ti sono familiari, fai ufficialmente parte del club di chi soffre di sindrome dell’impostore.

7 frasi tipiche di chi soffre della sindrome dell’impostore

Diamo un’occhiata, esattamente, a quali sono i pensieri che attraversano la mente di chi soffre della sindrome dell’impostore.

“Sono solo molto fortunato”

Chi soffre della sindrome dell’impostore, non riesce a riconoscere le proprie capacità e i propri successi, così finisce per credere che il merito della sua crescita  personale/professionale sia legato semplicemente alla fortuna.

“Se posso farlo io, allora può riuscirci chiunque”

Questa frase è l’emblema dell’auto-svalutazione. Le persone con la sindrome dell’impostore, qualsiasi traguardo abbiano raggiunto, credono che a parità di situazione chiunque altro avrebbe potuto eguagliarlo o addirittura fare di meglio.

“Non posso accettare questi complimenti…”

Le persone con la sindrome dell’impostore si trovano drammaticamente a disagio con le lodi.

In caso di “sinceri complimenti” possono pensare “lo dice solo per farmi piacere…” oppure “non lo pensa davvero, mi dice questo perché mi vuole bene…” oppure, “non è obiettivo, sono solo frasi di circostanza…”.

“Non è merito mio…” 

Se la persona con la sindrome dell’impostore accetta un minimo aiuto, anche se irrisorio, il merito del risultato finale non sarà suo ma del “lavoro di squadra”. Questo è legato non solo all’autosvalutazione ma anche a un modo assolutistico di percepire la realtà.

“Mi sopravvaluti troppo…”

Chi soffre della sindrome dell’impostore, quando lodato, si sente drammaticamente sopravvalutato.

“Sono un buono a nulla…” 

Chi soffre della sindrome dell’impostore finisce col sentirsi inadeguato perché teme che i colleghi o gli amici possano notare che in realtà non ha alcuna capacità. Questa inadeguatezza, crea una costante sensazione di ansia e di stress che può minare relazioni e lavoro.

“Non merito tutto questo…”

Nessun riconoscimento è meritato perché chi soffre di questa sindrome, per primo, non riesce a validare i suoi successi, non riesce a interiorizzarli ne’ a vederli… finisce così per non viverli affatto come dovrebbe.

Sindrome dell’impostore: cosa fare per uscirne

Decentrarsi, decentrarsi e ancora decentrarsi. Smetterla di guardarsi con i propri occhi e provare a guardare se stessi come ci vedono gli altri. Questo ci darà un’altra immagine di sé, radicalmente diversa.

A partire da questa immagine puoi cercare il coraggio per osare, magari troverai la forza di presentarti al prossimo esame universitario senza aver letto anche le didascalie delle immagini, oppure troverai le risorse per metterti in gioco e avviare un nuovo progetto imprenditoriale, cercare un nuovo posto di lavoro o semplicemente cogliere le piccole occasioni che la vita ci offre quotidianamente!

E’ vero, questo esercizio, da solo, potrebbe non bastare: per uscire dalla sindrome dell’impostore bisogna lavorare sull’autostima e rafforzare la propria identità. Non esitare di avvalerti dell’aiuto di un esperto.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Anna De Simone, life e mental coach, scrittrice e admin di psicoadvisor.com

1 Commento a “Sentirsi inadeguato nel proprio ruolo: la sindrome dell’impostore”

  1. Oratio

    Feb 04. 2018

    Credo di essere un enorme impostore. Per questo sono arrivato a mollare il lavoro.
    Tutti mi facevano grandi complimenti e mi attribuivano meriti, inaspettati e per me inarrivabili. Ma ogni volta che dovevo andare al lavoro, mi saliva un ansia tremenda e voglia di scappare. Per non dover affrontare quelle persone che non vedevano l’ora che arrivassi, per affidarsi a me, perché in me avevano riposto grande fiducia e stima. E più mi stimavano più mi dicevo che non avevano capito nulla, che prendevano lucciole per lanterne e che io non nero nemmeno una lucciola, semmai una lampadina spenta.
    E così ho mollato.
    Complice anche, forse, la relazione coniugale con un narcisista che smentisca ogni gratificazione che mi veniva rivolta, confermandosi che era vero quel che pensavo di me: sei una merda, fattene una ragione.
    Il mio lavoro, la passione di una vita di studi specifici. Abbandonata per incapacità di sentirmi all’altezza.
    Adesso so come si chiama. Grazie per questo articolo, mi ha aperto un varco nella nebbia.
    Posso forse ancora recuperare autostima, ma il mio lavoro è un treno passato da questa stazione che non ritornerà.

    Reply to this comment

Lascia un commento