Sopportate fino a bruciarvi? Conoscete il principio della rana bollita?

Il principio della rana bollita è decisamente un modo efficace per spiegare come delle situazioni siano capaci di attentare al nostro benessere e distruggere gradualmente ogni possibilità di essere felice.

Se lasciate scivolare una rana in una pentola di acqua bollente, la rana salterà freneticamente via. Al contrario, se poniamo la stessa rana, in una pentola con acqua tiepida e attiviamo il fornello, la rana galleggerà placidamente. Aumentando la temperatura dell’acqua gradualmente, la rana piomberà in uno stato di torpore tranquillo, esattamente come farebbe uno di noi durante un bagno caldo. Poco a poco, grado dopo grado, la rana si lascerà bollire fino alla morte con un sorriso sul volto.

Una versione alternativa dell’esperimento, afferma che quando la rana proverà a saltare via, sarà troppo tardi perché la temperatura sarà così alta da aver causato già danni irreparabili alla muscolatura.

Il principio della Rana Bollita come metafora della vita

L’esperimento della rana bollita è generalmente proposto come valida metafora della vita per mettere in guardia le persone che tendono ad adattarsi accettando, inconsapevolmente, le peggiori conseguenza.

Anche noi siamo incapaci di reagire ai pericoli della vita quando questi si presentano gradualmente. Siamo quasi abituati a considerare la sopportazione come un pregio oppure siamo portati ad adagiarci nei nostri problemi senza capire che spesso la routine può solo essere dannosa. Siamo spaventati dai cambiamenti radicali, così finiamo per accettare tutto ma solo quando il cambiamento, seppur negativo, si presenta in modo graduale.

Sopportare fino a bruciarsi: il malessere che non si avverte subito

Secondo voi perché la rana è morta?
Perché l’acqua era troppo bollente o perché si è adagiata e non ha capito che quei cambiamenti graduali di temperatura potevano essere fatali? La rana aveva tutte le facoltà per potersi salvare. Non ha saputo salvaguardare la propria esistenza, proprio come uno di noi che accetta piccole dosi di sofferenza quotidiana, pensava che accontentandosi e continuando a sopportare, avrebbe vissuto tranquillamente.

Il problema di alcune situazioni negative è che non sempre riusciamo a percepirle come dannose. Può trattarsi di una relazione sbagliata o di un rapporto in famiglia: siamo portati ad accumulare dosi di dolore sempre maggiore fino a sfociare in frustrazioni croniche e somatizzazioni.

La sopportazione e l’inerzia possono trasformarci in persone negative, spente e prive di ogni proposito costruttivo. 

Ogni mancata reazione traccia la nostra strada verso l’insoddisfazione. Ogni volta che sopportiamo senza reagire ci condanniamo all’infelicità. Dovremmo provare sempre a cambiare le cose in meglio, i nostri pensieri e le nostre azioni quotidiane, dovrebbero mirare a un graduale miglioramento ma spesso si verifica l’esatto contrario.

Ogni pensiero e ogni azione del quotidiano, dettata dall’inerzia e dal nostro volerci adattare a tutti i costi, ci porta ad accumulare rabbia, stress e insoddisfazione.

Provate a rispondere a questa domanda: cosa avete fatto ieri per migliorare la vostra giornata? Vi siete per caso dedicati qualche ora di relax in un centro benessere? Avete forse fatto una passeggiata nel parco? Coltivare queste piccole e sane abitudini, a lungo andare, potrà portare più soddisfazione nella vita.

Così come piccoli dolori quotidiani ci portano alla deriva, piccole gioie somministrate su base giornaliera possono rafforzare il nostro ego e renderci più reattivi e pronti a non accettare (per inerzia) peggioramenti di ogni sorta. Coltivare i propri interessi è un vero toccasana per l’autostima e accresce la nostra autodeterminazione.

L’Esperimento della rana bollita, il video

La rana, se posta in acqua bollente, salterà immediatamente fuori ma se messa in acqua tiepida che viene poi portata lentamente a ebollizione, non percepirà alcun pericolo e si lascerà bollire fino alla morte. Questo esperimento è spesso usato come metafora dell’incapacità o la mancata volontà a reagire che molte persone mostrano; si tratta di uno sprono per innescare una maggiore consapevolezza: bisogna essere consci delle minacce che gradualmente possono attanagliare la nostra vita. 

Prima di criticare gli autori del video oppure me, che ve lo sto proponendo, guardate il video fino alla fine. Per chi non capisse l’inglese: nessuna rana è stata uccisa per portare a termine l’esperimento, la rana è stata sostituita prima che l’acqua raggiungesse una temperatura di 40 °C non infliggendo alcuna sofferenza all’animale.

Principio della Rana bollita e rapporto di coppia

La metafora della rana bollita è un esempio emblematico di come tendiamo ad accettare i trattamenti che ci riservano alcune persone.

Una relazione amorosa, nata come incredibilmente romantica, giorno dopo giorno potrebbe trasformarsi in un terribile incubo.

Proprio come la rana che godeva del tepore dell’acqua, inizialmente una relazione può darci tanto e renderci felici. Ogni relazione subisce evoluzioni. Nel migliore dei casi queste evoluzioni portano a un’ottima complicità, affiatamento e cooperazione.

In molti casi, però, con il passare del tempo, la relazione potrebbe rivelarsi disfunzionale. Proprio come la rana, in un rapporto di coppia, arriviamo ad accettare carichi sempre più pesanti di sofferenza e insoddisfazione. Accettiamo che il partner anteponga i suoi bisogni ai nostri, anzi, all’inizio siamo pure contenti di appagare ogni suo bisogno e mettiamo sempre più da parte i nostri. Arriviamo a scomparire e vivere di riflessi… proprio come la rana, moriamo senza accorgercene!

Niente di più sbagliato! In questo contesto dobbiamo imparare a rispettarci e a dare spazio alle nostre ambizioni senza lasciarci sopraffare dall’altro.

Il principio della rana bollita e le sopportazioni quotidiane

Stando agli esperti, esistono due tipologie di stress: lo stress quotidiano e quello legato ai grandi eventi. Lo stress da grandi eventi è più facile da avvertire, è legato a fattori eclatanti come la fine di una relazione amorosa, una grave malattia, una perdita…. al contrario, lo stress quotidiano è più subdolo e difficile da gestire e per questo è detto stress dormiente.

Lo stresso dormiente corrode lentamente il nostro benessere fisico e psicologico. Ci porta ad alterazioni organiche e grava sulla nostra psiche.

La cosa brutta dello stress dormiente, è che noi non siamo affatto consapevoli di questa sofferenza proprio come la rana non sapeva i danni subiti dall’alta temperatura dell’acqua.

Lo stress quotidiano non viene percepito come un reale pericolo. Sappiamo che non ci piacciono determinate situazioni, sappiamo che alcune persone hanno la capacità di snervarci… tuttavia continuiamo a sopportare, tiriamo avanti e accettiamo fino…. alla fine. Non proviamo a migliorare perché per noi è più facile adagiarci e accettare il declino, piuttosto che provare a uscirne.

Non è menefreghismo: semplicemente non colleghiamo il senso di malessere generale che proviamo a livello esistenziale con la causa scatenante, cioè lo stress dormiente.

Lo stress dormiente è particolarmente correlato a un rapporto di coppia disfunzionale, a un lavoro non appagante, a un compagno aggressivo… In qualsiasi contesto, dovremmo imparare a saltare via dalla pentola prima che l’acqua diventi troppo bollente!

Per uscire dalla pentola prima che sia troppo tardi, vi consiglio la lettura dell’articolo: 5 minuti al giorno per costruirsi una vita felice.

La leggenda della rana bollita

Il primo esperimento della rana bollita risale all’inizio del 19° secolo, all’epoca si considerava vero questo principio ma solo quando l’acqua veniva riscaldata molto gradualmente (meno di un grado Fahrenheit per minuti). I biologi contemporanei affermano che il principio di fondo è falso e che gli esperimenti precedenti avevano dato risultati viziati.

Nel 2002 sono stati condotti esperimenti sulle risposte degli anfibi alle condizioni termiche. In alcuni degli esperimenti, la temperatura è stata gradualmente aumentato e in tutti i casi gli anfibi si sottraevano al calore. Quella della rana bollita è una splendida metafora della vita ma quanto a basi biologiche ci discostiamo molto dalla realtà, quindi, in ambito biologico, sarebbe più opportuno parlare di leggenda della rana bollita piuttosto che di esperimento. La dicitura “principio della rana bollita” resta valido in sociologia e psicologia per spiegare determinati comportamenti.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

loading...
loading...