Stare bene con se stessi è meglio che stare bene con gli altri

Stare bene con se stessi

L’acqua incarna perfettamente gli insegnamenti della filosofia buddista: scorre costantemente, si adatta alle forme dei contenitori, supera ogni tipo di ostacolo e fa tutto questo senza mai perdere la sua essenza primaria. L’acqua non si cura di ciò che ha intorno per essere ciò che è, fluisce, scorre, muta, senza mai perdere la sua identità. E’ questo l’insegnamento base della filosofia buddista e anche noi occidentali potremmo trarre beneficio da questa metafora di vita.

Cosa rischiamo nel cercare la costante approvazione altrui

 Viviamo in un mondo in cui “avere” è diventato più importante di “essere” proprio perché siamo alla costante ricerca dell’approvazione altrui.

Questa ricerca, talvolta, ci preclude ogni possibilità di benessere perché lo vincola agli altri. Cerchiamo di “impressionare” gli altri, e, intanto, perdiamo potere sulla nostra vita. Ecco i rischi che corriamo nel perseguire l’impresa di dover piacere a tutti i costi.

Ci allontaniamo sempre di più dal nostro vero Io

Non è una frase fatta.
Quando tentiamo di impressionare gli altri, viviamo comportandoci e svolgendo quelle attività che possono accentrarci, che possono farci apprezzare o ammirare dagli altri.

Si tratta di un problema molto diffuso: per riflettere un’immagine che concettualmente reputiamo vincente, finiamo per indossare abiti che potrebbero non appartenerci. Questo non di certo perché non siamo vincenti, solo perché lo siamo in modo diverso ma non esplorandoci, non diamo modo a noi stessi di autoaffermarci….. Finiamo per allontanarci dall’autenticità che dovrebbe caratterizzarci e non solo, finiamo anche per perdere di vista ciò che davvero ci appaga… insomma, ci precludiamo, di fatto, ogni possibilità di essere davvero felici.

Prova a farti questa domanda.
Pensa ai tuoi ultimi acquisti, alle ultime attività svolte…. Perché hai fatto determinate scelte? Per poter aggiungere una tacca sul petto o perché si tratta di cose che realmente potevano gratificarti?

Il primo rischio, quindi, non è solo quello di allontanarsi da se stessi ma anche finire per non sapere ciò che si vuole, con tutte le conseguenze del caso: difficoltà nel prendere scelte, frustrazioni, vita poco appagante….

Perdiamo potere sulla nostra vita

Possiamo essere artefici della nostra felicità quotidiana; abbiamo, infatti, potere sul nostro benessere esercitando il libero arbitrio che ci è stato concesso con la maturità emotiva. Cosa significa? Che se siamo tristi e le cose non vanno come vorremmo, non dovremmo cercare le cause all’esterno, ma guardarci dentro. Quali sono le scelte che ci hanno portato in quella determinata situazione? Cosa possiamo fare, nel concreto, per cambiare le cose?

Chi vive nella costante ricerca dell’approvazione altrui, si sentirà frustrato e triste se rifiutato o se non riesce a ottenere un oggetto che la collettività riesce ad accettare. Al contrario, chi si accetta e sta bene con se stesso, riesce a essere felice a prescindere da determinati feedback esterni.

Dimentichiamo in nostri bi-sogni

Come già ho affermato nel punto 1, ci precludiamo ogni possibilità di essere felici perché ci allontaniamo da noi stessi. Allontanandoci da noi stessi non siamo più in grado di fare quelle scelte in linea con i nostri veri bisogni ma finiamo per perseguire bisogni che non ci appartengono, bisogni altrui. L’immagine che proiettiamo agli altri è, per molti, più importante di ciò che si “ha dentro” così anche gli stessi sogni da perseguire vengono pesantemente viziati. Solo una profonda conoscenza e accettazione di se stessi potrà metterci –di nuovo- in contatto con i nostri sogni/bi-sogni più autentici.

Un esempio molto comune tra i giovani?
Magari ciò che ti fa stare bene è la vita di provincia, con i ritmi più dolci di un borgo, lontano dal traffico… ma, dato che l’immagine di successo è legata alle grandi metropoli, decidi di trasferirti in pieno centro urbano, o addirittura cambiare paese e andare a vivere a Londra!
 

Se essere semplicemente te stesso non ti basta

C’è chi si ama e si apprezza per ciò che è e c’è, invece, chi non si stima affatto, anzi, che in alcuni momenti arriva perfino a disprezzarsi. In questi casi, dire che stare bene con se stessi è meglio di stare bene con gli altri è sicuramente riduttivo. In questo paragrafo mi rivolgerò direttamente a queste persone.

Se essere semplicemente te stesso non ti basta, è arrivato il momento di fare un grosso lavoro interiore, un lavoro di cambiamento ma prima ancora di accettazione“. 

Ogni grande cambiamento passa per la consapevolezza e l’accettazione. Prova a fare un’autoanalisi: cosa puoi fare per migliorarti? Cosa puoi fare per stare bene e sentirti appagato di te stesso? Cosa dovrebbe cambiare nella tua vita? Pensa a cose reali e concrete! Piccoli cambiamenti che puoi operare fin da subito.

Se nella tua immaginazione, hai appena risposto “per stare bene dovrei essere una persona importante” oppure “…avere tanti soldi”, significa che vuoi colmare un vuoto e parti dal presupposto che essere “ricchi” o “famosi” possa essere la chiave di volta ai tuoi problemi. Niente di più sbagliato perché non hai individuato davvero i tuoi bisogni.

Magari “filtri i tuoi bisogni” con la “lente dell’invidia” o “la lente della frustrazione”… Come fare a capire che stai usando una lente sbagliata? O meglio, come fare a capire che stai percependo la realtà in modo disfunzionale?

Prova a rifletterci: ti capita mai di svegliarti un giorno soddisfatto della tua vita mentre il giorno successivo, magari, vedi tutto nero? Ecco, succede a causa dei “filtri emotivi” che usi. Se usi la “lente dell’invidia” la tua vita non ti sembrerà mai appagante perché l’esistenza è qualcosa di talmente personale che non andrebbe mai paragonata in determinati modi. Allora perché non paragonarla a quella di un abitante del quarto mondo, o all’esistenza di un malato terminale? Con questi paragoni, sì che ti sentiresti un privilegiato…. Alcuni paragoni, però, come ti ho detto, andrebbero evitati a priori.

Ciò che dovresti fare, è concentrarti sulle tue reali possibilità. Quindi, torniamo alla domanda: cosa puoi fare per migliorare la tua vita e migliorare te stesso? E soprattutto, cosa ti impedisce di agire nell’immediato e iniziare a operare piccoli cambiamenti? Per aiutarti nell’auto-affermazione, ti invito a leggere il mio articolo “Allenamento mentale per rimettersi in forma” si tratta di un articolo che pone tutto su un piano fisico (parla di insoddisfazione fisica, attività sportiva e di routine quotidiana), tuttavia, lo stesso principio può essere applicato a qualsiasi attività che desideri svolgere ma che, per un motivo o un altro, tendi sempre a rimandare.

In bocca al lupo per i tuoi buoni propositi!


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Anna De Simone, life coach, scrittrice e admin di psicoadvisor.com

2 Commenti a “Stare bene con se stessi è meglio che stare bene con gli altri”

  1. egle

    Nov 23. 2017

    molto vero in questi scritti ,dobbiamo imparare ad essere più noi stessi ,cosi saremo veramente felici in tutti campi della nostra vita

    Grazie per avercelo ricordato

    Reply to this comment
  2. bertini graziellallol

    Nov 23. 2017

    grazie per poter leggere questi articoli molto istruttivi e di facile comprensione mi sono di grande aiuto per poter comprendere le varie dinamiche che portano poi alle varie patologie e comportamenti dell’essere umano

    Reply to this comment

Lascia un commento