5 caratteristiche delle persone insicure

insicurezza

“Meglio la camicetta nera o la polo grigia ?  Forse la camicetta mi sta meglio… anzi no la polo, mmm però la camicetta mi nasconde meglio i fianchi…. Che dilemma ogni volta che devo vestirmi per uscire! “Oppure “Chiamo Paolo per disdire o ci vado lo stesso al cinema? Uscire mi farebbe bene…ma poteri essere di cattiva compagnia…che faccio?

Di esempi ne potrei fare mille, il comune denominatore resta comunque l’insicurezza. Nella vita è importante conoscere i fattori motivanti che influenzano il proprio comportamento…saper riconoscere le insicurezze porta beneficio in ogni situazione e rapporto.

Perché sono insicuro/a?

Nonostante le cause  dell’insicurezza possano essere numerose, tipicamente possono rientrare nelle seguenti 3.

1.  Temperamento innato

Alcuni tratti di personalità possono diventare evidenti già da piccolissimi. Così come non tutti i bambini hanno lo stesso colore degli occhi, anche nel temperamento ci sono delle differenze di base innate. Già in età prescolare un bambino può mostrare di essere più reattivo o più calmo, tendere ad evitare nuove situazioni e essere introverso o estroverso. Benché non si conosca con precisione la loro entità, le caratteristiche innate possono quindi giocare un ruolo nello sviluppo dell’insicurezza.

2.  Aspettative dei genitori

Per alcuni genitori, la vita non sarebbe completa se i loro figli non andassero ad Harvard, ricevessero mille riconoscimenti o diventassero famosi. Anche una persona obiettivamente competente può sentirsi insicura se percepisce  di non aver raggiunto gli standard che gli erano stati imposti. Tali aspettative possono derivare dalla scarsa sicurezza del genitore o dal prolungamento dell’ego paterno che si riversa sul figlio.

3. Esperienze infantili

Spesso si pensa che l’insicurezza possa avere origine da esperienze infantili negative ma non sempre la risposta è così scontata. Anche se avessi avuto  un’infanzia pressappoco perfetta, potresti aver comunque vissuto una qualche esperienza poco piacevole alla quale hai  dato  un’interpretazione dannosa gettando in questo modo le radici per una piccola insicurezza.

La persona insicura è assolutamente dipendente dal giudizio degli altri

La dipendenza dal giudizio altrui può diventare totalizzante e spingere la persona insicura a spendere la propria vita per adeguarsi ad un modello che ritiene gradevole per gli altri. Una fatica assolutamente inutile, considerato che, mascherati o meno, è praticamente impossibile piacere a tutti; conviene rinunciare, e puntare a piacere esclusivamente a se stessi.

L’insicurezza rende la persona rinunciataria, imprigiona le proprie risorse; la persona si autolimita e si preclude tante possibilità che potrebbero dare una svolta alla sua vita.

Purtroppo la persona insicura, tende ad evitare le situazioni di disagio, non facendo altro che supportare la convinzione che siano un rischio per il proprio equilibrio, quando invece sono un’opportunità imperdibile di crescita e di miglioramento personale. Inoltre, la rinuncia porta con sé, inevitabilmente, un senso di frustrazione e fallimento che ci imprigiona e ci fa sentire ancora più fragili, incapaci e vulnerabili.

5 caratteristiche delle persone cronicamente insicure

Il primo passo da compiere se si desidera cambiare, è riconoscere e ammettere i propri punti deboli. Ma quali sono i motivi reali che ti impediscono di essere una persona sicura? Ecco 5 caratteristiche delle persone cronicamente insicuri

1. Si arrendono troppo presto

Ottenere ciò che vuoi non è necessariamente semplice. Anche se credi di meritarti una relazione soddisfacente ora, forse non hai ancora imparato veramente a coltivarne una. Dopotutto, possono volerci degli anni. E altrettanto vale per le altre cose che desideri. Una carriera di successo non si costruisce da un giorno all’altro: chi l’ha raggiunta, sa che essa può essere guadagnata solo con molti anni di duro lavoro.

Eppure, molti di noi non hanno altro che desideri e scuse. Scuse per non inseguire i nostri sogni, scuse per non intraprendere una nuova attività, per non sopportare la possibilità che una nuova relazione ci spezzi il cuore… persino scuse per non credere di poter essere felici, perché siamo sempre più stressati. Se i tuoi desideri sono davvero importanti, molto probabilmente saranno difficili da esaudire, e per apprezzarli appieno devi lavorare sodo per guadagnarteli.

2. Non prendono la sconfitta nel modo giusto

Le sconfitte fanno male. Le perdite fanno male. I fallimenti fanno male. Ma queste cose sono naturali e nessuno riesce a vivere tutta la vita evitandole. Eppure, cosa fa la maggior parte di noi in caso di sconfitta? Si concentra su di essa, su quanto sia ingiusta e terribile o su quanto ci si senta male in una tale situazione. Cosa invece non facciamo? Non ci concentriamo sul come superare le sconfitte (o persino su come utilizzarle) per andare avanti. La verità è che non è la sconfitta il problema: il problema è come la affronti.

3. Dubitano di se stessi

Puoi desiderare moltissime cose, ma credi davvero di meritartele? Se la risposta è “no”, il tuo dubbio dirigerà tutte le tue azioni. Se non credi al 100% di meritarti ciò che desideri, non stupirti se poi non riuscirai ad ottenerlo. Troverai delle scuse, ti arrenderai troppo presto, darai ascolto alle critiche, semplicemente perché è ciò che pensi anche tu. Ottenere ciò che vuoi, significa anzitutto credere che in fondo te lo meriti.

4. Si concentrano troppo su ciò che non vogliono

La maggior parte di noi si lascia influenzare più dalla paura che dal desiderio. Se hai paura di ciò che non desideri (solitudine, rifiuto, una mancata promozione, la sensazione che la tua vita non conti nulla), ti concentrerai su di essa e indirizzerai tutti gli sforzi per evitare che tale paura si concretizzi. Dimenticando cosa? Che per ottenere ciò che desideri, devi concentrarti su questo obiettivo più di ogni altra cosa al mondo. Se sei occupato nel tenere gli occhi aperti su tutti gli ostacoli sulla tua strada, o sulle cose di cui hai paura, non riuscirai a vedere la vai che conduce a ciò che desideri.

5. Si lasciano influenzare troppo da ciò che pensano gli altri

Di certo ciò che pensano gli altri conta. Ma se diventa più importante l’opinione altrui che l’ottenere ciò che desideri, finirai col cambiare il tuo atteggiamento per farti accettare da tutti tranne che da te stesso/a. E anziché inseguire con tutta la tua forza ciò che vuoi, ti ritroverai impegnato/a a preoccuparti del pensiero altrui.

Forse all’inizio gli altri penseranno che tu sia un fallito o una fallita, se non ottieni subito quello che desideri. Forse penseranno che tu sia un ingenuo/a. Forse penseranno che tu ti stia spingendo troppo oltre, spaventandoli. Ma, in fin dei conti, cosa importa? Dopotutto, si tratta della tua vita, non della loro. E se sei troppo occupato a viverla per loro, non potrai viverla per te stesso/a.

Per concludere….
L’insicurezza, nelle sue varie forme può essere un ostacolo molto insidioso per la tua felicità.  Se fai tesoro di ciò che hai appena letto,  potrai  diminuire l’influenza dell’insicurezza nella tua vita per diventare una persona sempre più sicura e libera.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione

 

 


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento