Crescita emotiva: 10 segnali che indicano che stiamo lavorando sull’autostima

Butta via la paura, conta sulle risorse che hai dentro di te, abbi fiducia nella vita ed essa ti ricompenserà. Tu puoi più di quanto tu creda.

Butta via la paura, conta sulle risorse che hai dentro di te, abbi fiducia nella vita ed essa ti ricompenserà. Tu puoi più di quanto tu creda.

Mi chiedi qual è stato il mio progresso? Ho cominciato a essere amico di me stesso.” Con questo aforisma di Seneca vorrei introdurre il concetto di crescita emotiva.

La nostra crescita anagrafica non implica una nostra maturità emotiva e nemmeno un miglioramento sul nostro equilibrio psicofisico. Siamo più portati a castigarci per gli errori che commettiamo, invece che compiacerci sui traguardi raggiunti. Siamo molto severi con noi stessi, più che con chiunque altro, e ci concentriamo soltanto sulle sconfitte e non sui successi.

Spesso ci demotiviamo velocemente quando qualcosa non va come speravamo. Non valorizziamo ciò che facciamo bene. Non abbiamo abbastanza pazienza da andare avanti, e non prestiamo attenzione ai piccoli cambiamenti. A volte vale la pena fermarsi a riflettere sui traguardi che abbiamo ottenuto; non per arroganza, ma per renderci conto di quanto siamo cresciuti a livello emotivo.

I progetti più ambiziosi richiedono una grande quantità di sacrificio e perseveranza. Pertanto, è comprensibile che si perda la forza e ci si fermi a metà strada. Quando si perde la motivazione si è tentati di abbandonare. In quel momento esiste solo l’orizzonte, percepiamo solo gli sforzi che dobbiamo ancora fare senza renderci conto di quello che abbiamo già fatto. Tuttavia, a volte è necessario guardare indietro per capire la grandezza di ciò che abbiamo già realizzato.

Infatti, spesso abbandoniamo i nostri sogni solo perché non siamo pienamente consapevoli delle cose che abbiamo realizzato, dei piccoli passi che abbiamo fatto. Quando ci concentriamo solo sui fallimenti, perdiamo la motivazione e corriamo il rischio di abbandonare poco prima del traguardo.

Ci proponiamo dei grandi cambiamenti ma quando si verifica una involuzione, ci demotiviamo e abbandoniamo senza renderci conto di ciò che avevamo realizzato. Infatti, molte persone abbandonano la psicoterapia perché non hanno la pazienza necessaria e non apprezzano i piccoli cambiamenti.

Quindi, perchè non fare un bilancio di ciò che abbiamo realizzato? Forse state crescendo emotivamente e non ve ne rendete conto.

Ecco i segnali che indicano che state crescendo emotivamente

1. State lasciando andare le cose che vi danneggiano

Imparare a lasciar perdere, concentrarsi sulle cose che realmente sono utili e ignorare quelle che ci danneggiano o disturbano, è una capacità essenziale per avere successo e, soprattutto, per raggiungere l’equilibrio emotivo. Tuttavia, è anche un’abilità molto difficile da sviluppare. Per questo, imparare a riconoscere le persone tossiche e sapere come affrontarle, senza generarsi dei sensi di colpa o arrabbiarsi, è già un grande passo.

2. State imparando dagli errori

Nessuno è perfetto, nessuno può dire che non ha mai sbagliato. Quindi, sbarazzarsi del perfezionismo e accettare che gli errori fanno parte del cammino e sono anche utili è segno di maturità. Quando assumiamo gli errori come delle opportunità di crescita, la nostra prospettiva cambia completamente e siamo in grado di intraprendere dei progetti più ambiziosi, senza paura di rimanere a metà strada.

3. State evitando di lamentarvi

Le lamentele sono un buco nero attraverso cui l’energia si disperde, non portano a soluzioni ma generano un disagio ancora maggiore che tinge il mondo di grigio. Tuttavia, le persone equilibrate e di successo hanno l’abitudine di non piangere sul latte versato, piuttosto si mettono subito al lavoro cercando di risolvere il problema. Se agite di più e vi lamentate di meno, è perché state crescendo emotivamente.

4. State iniziando ad apprezzare il successo degli altri

Celebrare il successo altrui è un segno di maturità, significa che non invidiate nesuno e comprendete che il loro successo non significa che avete fallito. Essere in grado di riconoscere il lavoro e lo sforzo degli altri, invece di criticare e denigrare, non solo aiuta a creare una buona atmosfera, ma comporta anche un cambiamento di atteggiamento che ci farà crescere e stare meglio.

5. I vostri rapporti interpersonali iniziano ad essere meno conflittuali

Il mondo non è conflittuale, esistono solo degli ego troppo grandi che si scontrano causando conflitti che si sarebbero potuti evitare. Maturare significa anche smettere di considerare i rapporti interpersonali come un campo di battaglia in cui ci sono vincitori e vinti. Quando i vostri rapporti sono più fluidi, lavorate meglio e vi sentite più a vostro agio, perché siete cresciuti e avete imparato che è meglio avere pace che ragione.

6. State iniziando a chiedere aiuto senza temere

Chiedere aiuto non significa essere deboli. In realtà, è un segno di forza e di fiducia in se stessi. Nessuno è in grado di crescere e avere successo isolandosi, tutti abbiamo bisogno degli altri. Chiedere aiuto significa riconoscere che non si può fare alcune cose da soli e che si è abbastanza umili da appoggiarsi agli altri.

7. Stanno aumentando le vostre aspettative

Maturando, siamo più consapevoli di ciò che vogliamo e di ciò che non siamo disposti ad accettare. Una persona matura è fiduciosa e pone dei limiti che gli altri non devono superare. Certo, questi limiti non devono essere capricci, ma regole che proteggono i vostri diritti come persona e vi aiutano a mantenere l’equilibrio psicologico.

8. State imparando ad aprirvi emotivamente

L’amore è rischioso. Amare significa lasciarsi andare permettendo a qualcuno di farci del male. Per questo molte persone hanno paura di compromettersi e alzano un muro quando qualcuno si avvicina. Tuttavia, maturando emotivamente ci rendiamo conto che la cosa migliore da fare è aprire il nostro cuore. È vero, in questo modo si può venire rifiutati o feriti, ma almeno avremo vissuto, accumulato esperienze e comunicato emotivamente con qualcuno.

9. Iniziate a fregarvene di quello che pensano gli altri

L’opinione delle persone intorno a voi è importante, ma, fino ad un certo punto, in realtà dovrebbe restare solo un suggerimento e non trasformarsi in linee guida che determinano la vostra vita. La maturità arriva quando si è in grado di andare d’accordo con gli altri senza lasciarsi influenzare troppo dalle aspettative che hanno su di voi, quando riuscite a trovare il vostro posto nel mondo, un posto nel quale vi sentite a vostro agio e vi permette di realizzarvi.

10. State accettando i vostri limiti e vi sforzate di migliorare

La maturità emotiva significa anche non sviluppare un positivismo illusorio. La persona matura è consapevole dei propri limiti, sa che ci sono molte cose che non si possono cambiare o che sono fuori della sua portata. Ma non si deprime per questo. Al contrario, ciò gli permette di concentrarsi sulle situazioni che può effettivamente cambiare. In questo modo, la persona emotivamente matura può economizzare le sue forze e utilizzarle dove daranno frutti migliori.

Diceva Samuel Johson “Non esiste piacere migliore nella vita di quello di superare le difficoltà , passare da un gradino del successo a quello superiore, formulare nuovi desideri e vederli realizzati. Colui che si accinge a qualche grande o lodevole impresa vede le sue fatiche prima sostenute dalla speranza, poi ricompensate dalla gioia.”

Se ti è piaciuto questo articolo ti invito a seguirmi sulla pagina Facebook ufficiale di “Psicoadvisor“, oppure puoi seguirmi sul mio Profilo di Facebook!


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento