Depressione: 10 segnali da non sottovalutare

La depressione è un problema che può compromettere significativamente la vita quotidiana di chi ne soffre. Come l’ansia, la depressione è un disturbo sottovalutato da molte persone, oppure viene frainteso, o addirittura non viene identificato in maniera chiara.

Depressione mascherata

In alcune persone la depressione assume caratteristiche assolutamente peculiari, manifestandosi principalmente con sintomi di tipo fisico. In questi casi, si parla di “depressione mascherata” e riuscire a diagnosticarla correttamente può essere un’impresa ardua perché i disagi lamentati dal paziente portano il medico a pensare, almeno in un primo momento, a malattie di altra natura.

D’altro canto, il paziente non si percepisce “depresso” ed è convinto che quanto segnala al medico abbia un’origine organica. Naturalmente, prima di arrivare a questa conclusione, il medico dovrà effettuare una visita accurata e tutte le analisi e le valutazioni strumentali necessarie per escludere la presenza di altre malattie.

Per approfondimento, ti consiglio la lettura dell’articolo

Come aiutare una perona depressa

Quando si può effettivamente parlare di depressione? Cercare di fare chiarezza è d’obbligo, visti l’enorme carico di sofferenza emotiva che comporta per chi ne soffre (e per i suoi cari) e la tanta, troppa confusione che ancora circonda l’argomento.

Sentirsi stanchi, demotivati, tristi o frustrati è una condizione normale. A tutti può succedere di avere delle giornate no. Ma l’umor nero, la fiacchezza o la noia non sono sempre sintomi di depressione, ma di stanchezza o di ansia.

Campanelli d’allarme di una possibile depressione

Ecco alcuni segnali da non sottovalutare:

    1. Rabbia ed irritabilità: non sono solo sintomi della depressione, ma possono anche alimentarla ulteriormente
    2. Essere molto auto-critici: tutti abbiamo un “critico interiore”, ma per le persone depresse, questa voce interiore può avere un’influenza potente e distruttiva sullo stato d’animo. Dovremmo imparare piuttosto a combattere questa tendenza a criticarci, dimostrandoci comprensivi nei nostri stessi confronti e imparando a volerci bene
    3. Sentirsi senza speranza: questa sensazione può portare le persone a non voler chiedere aiuto per guarire dalla depressione, perché ritengono che non potranno mai sentirsi meglio, il che spiega il motivo per cui queste potrebbero tentare il suicidio, credendo che sia la loro unica via d’uscita
  1. Perdita di interesse: questo sintomo può esacerbare la sensazione di isolamento, aumentando ancor di più i sintomi depressivi
  2. Cambiamenti di peso significativi: il soggetto potrebbe aumentare di peso o dimagrire eccessivamente
  3. Cambiamenti nelle abitudini del sonno: anche in questo caso, la persona potrebbe dormire meno o dormire molto più del normale
  4. Fatica: il corpo di una persona depressa è continuamente sotto stress, e ciò potrebbe aumentare la sensazione di fatica. In alcuni casi, questa fatica può manifestarsi attraverso una tendenza a parlare più lentamente, tempi di reazione più scarsi e camminata più lenta

Depressione, sintomi che confermano uno stato depressivo

Perché si possa parlare di vera depressione è necessario fare un esame più completo del proprio stato d’animo, che miri a individuare la compresenza di almeno cinque di questi dieci sintomi:

  1. Mancanza o eccesso di energie, sensazione costante di fatica o al contrario di agitazione
  2. Aumento o diminuzione dell’appetito e quindi del peso corporeo in modo significativo e del tutto indipendente dalla volontà della persona
  3. Disturbi del sonno (ipersonnia, insonnia o frequenti risvegli durante la notte)
  4. Sensi di colpa continui e immotivati
  5. Pensieri di morte o di suicidio
  6. Tristezza persistente, ansia e sensazione di vuoto
  7. Disperazione, visione totalmente pessimistica della vita
  8. Perdita d’interesse o piacere in attività che prima davano soddisfazione, compreso il sesso
  9. Sensazione di essere “rallentati”, difficoltà a concentrarsi, a ricordare, a prendere decisioni
  10. Dolori continui o altri sintomi fisici persistenti, non causati da una malattia fisica o da una lesione.

La depressione non va via da un giorno all’altro, ma accompagna chi ne soffre come un’ombra, e per questa ragione è fondamentale prendere coscienza del proprio problema e fare qualcosa per risolverlo, affidandosi ad un terapista esperto. I rimedi per tornare a vivere bene ci sono, basta solo fidarsi e farsi aiutare.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Se vuoi ricevere ogni giorno i nuovi articoli sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento