Maturità emotiva e legami disfunzionali

| |

Illustrazione: Anna Isabella Schmidt

Insistere in un legame è un po’ come insistere nel volerti far calzare un paio di scarpe strette, alla fine, forse, potresti anche riuscire a indossarle tuttavia ti faranno male a ogni passo!

Questo concetto calza per ogni tipo di relazione: che sia il legame con tua madre, tuo padre, con il partner o con un amico, se devi affannarti per conquistare uno straccio di spazio, meglio se ci pensi due volte prima di continuare a investire nel legame. Il problema, quando si parla di investimenti emotivi, è che il “disinvestimento” è vissuto come una sconfitta, come una perdita, così si continua a “investire” male le proprie energie, il proprio tempo, il proprio “amore”, fino a coinvolgere l’intera esistenza. Si continua a investire per non perdere… ma per non perdere cosa?

Il valore dell’investimento

Alcuni bambini sono cresciuti sgomitando per farsi notare dai genitori e così, da adulti, hanno appreso che bisogna fare i salti mortali per “mantenere” una relazione. Altri, crescendo, hanno imparato ad accontentarsi delle briciole fino ad abbassare ai minimi termini gli standard relazionali… Altri ancora, si ritrovano intrappolati in relazione svilenti e non sanno come uscirne, semplicemente non riescono a lasciare il partner.

pubblicità

Chi ha conquistato una buona dose di consapevolezza, sa bene che una relazione sana è fatta di reciprocità, è ben bilanciata, comprende stima e, soprattutto, i singoli cercano di fomentare il benessere della coppia (o del sistema familiare).

Se ci imbattiamo in una relazione in cui l’altro ci sminuisce, ci umilia e ci ritiene responsabile di ogni sua insoddisfazione, allora disinvestire diventa un obbligo verso sé.

Le relazioni non sono mai facili perché bisogna fare i conti con i propri limiti e con i limiti dell’altro, ma se è vero che bisogna cercare di comprendere l’altro, è altrettanto vero che abbiamo un sacrosanto dovere verso noi stessi: quello di rispettarci, stimarci e amarci. Il focus, ad un certo punto di ogni relazione, non dovrebbe essere più sul perché si comporta così? bensì su “come mi fa sentire il suo comportamento?” e soprattutto “perché lo sopporto?”. In base alle risposte che riusciamo a fornisci bisognerà iniziare un piano d’azione fattile. Un piano d’azione volto a migliorare, in un modo o nell’altro, la qualità della propria vita e dei propri legami affettivi.

Il distacco, un qualcosa da evitare a ogni costo

Spesso il piano d’azione dovrebbe prevedere un distacco fisico o emotivo. Premesso che il distacco non è un’azione che avviene da un giorno all’altro ma un processo difficile che va maturato consapevolmente. Molti di noi, a causa di un vissuto difficile, hanno grosse difficoltà solo a contemplare l’idea di un distacco… così trascinano relazione svilenti e tutt’altro che appaganti pur di preservare il legame che, seppur nocivo, c’è.

In situazioni paradossali, il legame va mantenuto perché esiste e non perché alimenta un sistema di benessere (come ci si aspetta dai legami affettivi sani). E’ un po’ come comprare per errore un vaso terribilmente grosso che ingombra l’intero tavolo impedendone l’utilizzo e, anche dopo aver constatato l’impatto nefasto sull’estetica e sulla funzionalità del tavolo, ostinarsi a tenere il vaso perché ormai è stato pagato, un investimento è stato fatto!

Immagina di aver speso molto per quel vaso e non solo in termini economici; immagina di aver aspettato molto per averlo. Gettare via il vaso significherebbe vanificare anni di aspettative, speranze, progettualità e buttare al vento del denaro… tuttavia, tenerlo, significa invalidarsi ogni giorno della vita, significa non poter usare un tavolo e vivere in un ambiente imbruttito e impoverito.

Nello stringere ogni legame noi investiamo in termini di aspettative, progettualità, speranze, tempo, energie emotive, valore di sé… tutte componenti non rimborsabili, inoltre l’oggetto dell’investimento è spesso vissuto come insostituibile.

Eppure, il distacco emotivo potrebbe essere un trampolino di lancio in grado di aprire nuove porte e svelare impensabili opportunità. Per non sacrificare il legame e gli investimenti che ruotano intorno (ideali, ricordi, speranze, sogni…) si finisce per pagare un prezzo molto più alto in termini di benessere emotivo.

Se sei invischiata in una relazione insana, sappi che il distacco potrebbe essere la naturale conseguenza di una sana emancipazione emotiva.

Maturità emotiva

Dalla nascita all’età adulta affrontiamo un gran numero di mutamenti. Passiamo da uno stato di totale dipendenza a una totale indipendenza. Questo passaggio talvolta è arrestato in qualche fase e l’indipendenza, intesa come maturità emotiva, tarda ad arrivare.

Attenzione, essere emancipato emotivamente non significa “non aver bisogno di nessuno”, bensì significa essere capaci di stringere legami appaganti, sentirsi sicuri nella relazione, sentirsi sicuri di esplorare la vita.

Quando siamo piccoli, immersi nella nostra totale dipendenza, abbiamo un raggio d’azione ridotto, ci appassioniamo a poche cose e il nostro modo è davvero limitato. Crescendo sviluppiamo idee tutte nostre, gusti e interessi iniziano a diventare più complessi, il raggio d’azione si amplia e si raggiunge una sana maturità emotiva. L’altro è indubbiamente importante e lo siamo anche noi: scopriamo di avere un valore intrinseco che coltiviamo giorno dopo giorno (investendo su noi stessi e sullo sviluppo della nostra identità).

Da bambini siamo subordinati ai nostri genitori, crescendo occupiamo posizioni paritetiche con il prossimo (genitori compresi). Possiamo essere “subordinati” o “superiori” in un contesto lavorativo ma non in un quadro interpersonale.

pubblicità

Una persona emancipata emotivamente può essere descritta come attiva, indipendente, sicura del proprio valore personale e auto-controllata.

Al contrario, una persona che non ha avuto l’occasione di investire nel modo giusto su se stessa si può descrivere come passiva, dipendente, con una bassa fiducia in sé e nell’altro. Si può descrivere come una persona che sente il bisogno di controllare tutto per sedare una sorta di insicurezza interiore.

Investi su te stessa

Se non l’hai fatto fino a oggi, sappi che non è mai troppo tardi per iniziare a investire su se stessi. Prenditi per mano e accompagnati lungo il cammino della vita. Fai tua solo una prerogativa: sii paziente e benevola con le tue fragilità, sicuramente sono lì per ragioni che esulano dalla tua volontà.

Cercare un colpevole serve a poco, quando il desiderio è quello di migliorare, ciò che conta è imparare ad apprezzarsi e valorizzare le proprie risorse interiori. Puoi iniziare a scegliere consapevolmente cosa vuoi fare in ogni occasione senza dover tentare di compiacere il prossimo. Puoi valutare e correggere i tuoi obiettivi cercando solo di rispettare il tuo valore interiore.

Più investirai in te stessa, più il tuo valore aumenterà, il distacco emotivo dalle persone nocive sarà una naturale conseguenza del tuo processo di crescita. Per approfondire ti consiglio di leggere il mio articolo dedicato alle potature umane.

n.b.: il genere femminile vale anche al maschile.

Se ti è piaciuto questo articolo su, puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*. © Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche

Previous

Se la sofferenza vi ha resi cattivi, l’avete sprecata

I confini scandiscono il “dare-avere” nelle relazioni

Next