Il consiglio #1 se hai a che fare con un narcisista

| |

Stare con un narcisista vuol dire vivere una relazione molto coinvolgente, in grado di regalare grandi emozioni ma ancora di più.. grandi sofferenze.

Magnetico, seduttivo, passionale (almeno nelle fasi iniziali del rapporto), sa bene come suscitare nel partner un attrazione irresistibile ed è inevitabile averne un’alta considerazione (della quale ovviamente è perfettamente cosciente), nella quale adora crogiolarsi! Peccato che le sue caratteristiche di personalità renda le sue relazioni tormentate e instabili.

E chi è legato a un narcisista sa bene quanto sia difficile mantenere una relazione in modo stabile e maturo.  Il narcisista riesce solo ad arrecare ferite; proprio perché è stato precocemente ferito nelle sue relazioni. Quelle più importanti, quelle dalle quali si aspettava accoglienza e affettuosità e dalle quali è stato intimamente tradito e deluso. Spesso il vissuto più profondo è quello di essere stato umiliato.

Sia chiaro, non voglio giustificare il suo comportamento; voglio semplicemente spiegarti il perché del suo comportamento… insomma perchè si innesca una relazione così tossica e devastante!

Primo punto da chiarire: il narcisista è consapevole del suo comportamento disfunzionale?

Ecco, direi nì! Il narcisista è troppo concentrato su se stesso per capire gli altri. Ha bisogno di un flusso costante di amore, rispetto e cura incondizionati per cercare di colmare quel vuoto d’amore che ha caratterizzato la sua esistenza già dall’infanzia.

Ciò che pensa il narcisista è che ciò che lui è non va bene: ha lentamente interiorizzato che  per essere apprezzato deve dimostrare altro, molto altro. Paradossalmente, considera il partner come un “nemico”! Non si fida, eppure ha bisogno di lei (o di lui) per un disperato bisogno di essere riconosciuto e valorizzato. Il narcisista ha la necessità di rafforzare la facciata “perfetta” che dà di sé agli altri, che in realtà non corrisponde esattamente a come vede se stesso. Il rapporto con il partner serve a confermare il suo valore. Per questo la relazione spesso si basa sulla necessità di “compensazione”.

So perfettamente com’è la tua relazione

Posso definire la tua relazione “il Vortice Narcisista”, un buco nero e profondo che ti risucchia, senza vie d’uscita. E a meno che tu non lo capisca, arriverai a pensare di essere pazza, non amata, o peggio ancora, di non essere all’altezza dell’amore altrui, di essere condannata a rimanere sola per sempre.

E allora il primo consiglio che posso darti è prendere consapevolezza che non sei tu il problema!

Sappi che i narcisisti difficilmente sono disposti a cambiare o magari ad ammettere colpe o torti commessi. Hanno difficoltà ad ammettere di avere un problema, anche se piccolo, perché non possono tollerare neanche il minimo accenno di senso di colpa, vergogna o paura. Perciò, anziché dire “Credo di aver bisogno di aiuto”, si auto convincono che vanno bene così come sono.

In questo modo, non avranno bisogno di aprirsi con qualcuno sul piano emotivo, rischiando di essere respinti o feriti, come spesso è capitato loro da piccoli.

Vuoi provare a cambiarlo?

Non riuscirai mai a fargli cambiare idea se non è lui a fare il primo passo. Non riuscirai mai a fargli capire il tuo punto di vista senza un supporto. Per quanto continuerai a provarci, sarai sempre intrappolata nel suo vortice, senza uscita.

Imparare ad avere a che fare con un narcisista non è semplice, e documentarsi non basta….e qualunque cosa tu decida di fare, non provare a farlo da sola.

Tutti possono cambiare se lo vogliono davvero, anche i narcisisti possono cambiare se imparano a rinunciare al bisogno di sentirsi speciali e dedicarsi davvero agli altri in un modo che sia vicendevolmente amorevole ed appagante sul piano emotivo. Ed è necessario un fattore perché si verifichi un cambiamento significativo e duraturo: la paura di perdere una persona cara che ne ha abbastanza.

Può guarire?

Certo!  Ma come ti ho già accennato, solo attraverso l’approccio terapeutico: una terapia “schema”, che scavi oltre la superficie del pensiero razionale, esamini attentamente e riscriva la storia emotiva del bambino vulnerabile che si nasconde dietro la maschera maladattiva del narcisista.

Per approfondire: si può guarire dal disturbo narcisistico di personalità (in cosa consiste il percorso terapeutico).

Ma se nonostante i tuoi tentativi, lui non ne vuole sapere di seguire un percorso terapeutico, allora la battuta sta a te: sarai tu a dover imparare a superare la paura dell’abbandono e iniziare a valutare le tue reali esigenze.

Un rapporto del genere le soddisfa? Ricorda che meriti di essere felice.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook: sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

Previous

Scegli la tua impronta digitale e scopri il tuo carattere

4 ragioni per non accontentarsi in una relazione

Next