Il dono della vita raccontato in un cortometraggio “The present”

 

present

A volte i modelli di riferimento li troviamo in luoghi totalmente inaspettati, ma basta un regalo, o un amico nuovo a farceli scoprire ed apprezzare. Questo corto di animazione ha vinto oltre 50 premi in giro per il mondo ed è stato presentato in ben 180 festival in tutto il mondo, e per quel che mi riguarda, se li è meritati tutti.

“The Present“ (tradotto significa il regalo” ha conquistato tutti per il suo messaggio trasmesso in modo semplice ed immediato attraverso le immagini che potrete ammirare in questo video che è ora è finalmente online per essere condiviso con il resto del mondo.

“The Present” è nato come una tesi breve presso l’Istituto di animazione, effetti visivi e digitali Postproduzione alla Filmakademie Baden-Wuerttemberg a Ludwigsburg, in Germania e si basa su un piccolo fumetto del bravissimo Fabio Coala. Non vi sveliamo nulla di quello che vedrete ma sono certa che conquisterà anche voi!

Comunque è certo che questo breve cartone di 3 minuti realizzato su un fumetto del disegnatore brasiliano  non può lasciare indifferenti: un ragazzo sembra completamento immerso nei suoi videogiochi di combattimento e guerra, fino a che la madre non decide di fargli un regalo. Come cambierà il suo futuro?

C’è un ragazzino davanti ai videogiochi, la stanza è buia, le tapparelle sono abbassate e c’è solo il rumore della tv e lui davanti allo schermo a giocare, probabilmente da ore. L’aria è cupa e concentrata ma arriva la mamma che appoggia, davanti ai divano, una scatola: è un regalo per il ragazzo.

The present è una storia semplice, ma malgrado la sua breve durata non mancano i colpi di scena e le emozioni che si svelano in modo inaspettato, sottile e sorprendente.

GUARDA IL VIDEO

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

Nessun commento.

Lascia un commento