Papà dove sei stato? L’eredità emotiva di un padre assente

padre-assente

Non riesco a considerare nessuna necessità nell’infanzia tanto forte come la necessità di protezione del padre. (Sigmund Freud)

E’ luogo comune identificare ed etichettare come “padre assente” il padre separato, colui che vive al di fuori del nucleo familiare. Eppure è molto più probabile trovare padri assenti all’interno di famiglie “stabili” piuttosto che tra padri separati.

Un padre assente può influenzare negativamente lo sviluppo dei figli?

Siamo abituati a leggere di studi e pareri di esperti sull’importanza cruciale della figura materna nei primi anni di vita dei bambini, ma raramente ci si focalizza sul ruolo del padre o sulla sua assenza

“Anche i papà hanno una loro funzione specifica nel processo di crescita e la loro assenza si fa sentire in maniera pesante”

La psicologia moderna sta ampiamente dimostrando quanto l’assenza della figura paterna possa influire in modo netto sullo sviluppo emotivo del figlio, fino ad alterarne il comportamento e le attitudini sociali.

Ma cosa significa per un bimbo crescere senza padre?

Ciò può dipendere da diversi fattori, per esempio quando il padre si allontana perché non è ‘motivato’ a far parte della vita dei propri figli o in conseguenza di situazioni conflittuali. Altre volte, per cause contingenti quali la vedovanza e per la quale il bimbo non conosce e non ha mai visto il padre biologico. Altre volte, invece, è presente fisicamente ma assente sul piano affettivo

Padre assente sul piano affettivo

L’assenza emotiva ha lo stesso peso dell’assenza fisica; Il padre assente è il padre che fallisce uno dei suoi compiti fondamentali: la presenza affettiva, l’attività educativa, la costruzione della propria figura simbolica.

Quando non coltiva la relazione con i suoi figli. Un padre è assente quando ha problemi con il gioco d’azzardo, quando è dipendente dalle sostanze, quando sceglie gli amici del bar alla propria famiglia. Il padre è assente anche quando è troppo autoritario e impedisce, con la sua rigidità, la costruzione di un legame di cura e di affidamento.

Padre assente, varie tipologie

Il padre autoritario

Fallisce perchè utilizza il distacco emotivo e la durezza per far rispettare le proprie regole. Perde così le opportunità educative che l’autorevolezza regala ma – soprattutto – non sfrutta quello che pare essere l’ultimo vantaggio che rimane ai genitori per essere ascoltati più della TV, della scuola, degli amici, dei modelli esterni alla famiglia: l’amore.

Il padre fanciullo

Si pone nei confronti del figlio esclusivamente come compagno di giochi rinuncia, anzi diserta, tutti i suoi doveri educativi. Egli diventa l’amico di gioco ma un padre non è un amico, un padre è un educatore il quale per fare bene il suo lavoro deve usare linguaggi diversi da quelli del gioco e dell’amicizia.

Il padre materno

il “mammo” insomma, fallisce perchè – pur occupandosi con dedizione ai figli, appiattisce il proprio ruolo in una mera duplicazione delle attività e delle modalità materne. Questo padre fa mancare ai propri figli la figura virile di un padre che fa il padre con un suo stile, con un suo metodo, con una sua sensibilità.

Il padre vecchio stampo

E’ un padre assente perchè ha fallito come compagno. Quest’uomo non ha capito che il lavoro di genitori si fa in due, in un continuo, incessante, instancabile sforzo di dialogo, comprensione, ascolto e reciproca formazione tra genitori.

Quest’uomo è un genitore assente e sta facendo mancare il proprio apporto e sostegno alla propria compagna lasciandola sola a gestire la matassa dell’educazone dei figli.

Quali conseguenze genera un padre assente?

Durante la fase infantile è facile che i bambini possano sviluppare difficoltà scolastiche nell’inserimento o nel rendimento con una probabilità alta di abbandono degli studi in futuro.

In età adolescenziale il soggetto è portato a mettere in atto comportamenti sessuali promiscui proprio per un’incapacità a gestire le relazioni affettive e la propria emotività o atteggiamenti aggressivi che suppliscono ad una profonda insicurezza o comportamenti delinquenziali con uso o abuso di droghe e alcool.

“Un padre non è solo chi dà la vita, un padre è colui che è presente, che accoglie, che interviene e guida con sicurezza costruendo ogni giorno un sentiero di istanti significativi nella vita di un bambino”

In età adulta invece l’assenza del genitore comporta inevitabilmente un distacco affettivo e diffidenza nelle relazioni affettive poiché il timore di essere rifiutati o ‘abbandonati’ è sempre presente. È difficile a tal proposito superare il ‘trauma’ ammettendo le difficoltà che un adulto, in termini di ruolo educativo, può avere poiché la rabbia prende il sopravvento

Le conseguenze si manifestano diversamente sui ragazzi e sulle ragazze

I ragazzi, infatti, sono generalmente colpiti più duramente, tendono ad avere più difficoltà a concentrarsi a scuola, difficoltà di apprendimento e sono più predisposti ad acquisire disturbi di deficit di attenzione e iperattività.

La mancanza del padre, inoltre, aumenta significativamente la probabilità che un ragazzo diventi violento. La correlazione fra la mancanza del padre l’appartenenza a bande di strada è infatti molto stretta; tali bande esistono fondamentalmente per due scopi: per riempire un vuoto di autorità e soddisfare un desiderio di appartenenza.

Per quanto riguarda invece le ragazze, si può invece riscontrare difficoltà nel formare rapporti sani e durevoli con gli uomini. Spesso le bambini che hanno sperimentato delle forti perdite, da adulte sono portate a cercare continuamente partner che possano compensare quei vuoti, finendo con il creare relazioni disastrose.

Come superare le ferite lasciate da un padre assente emotivamente

Dovremmo innazittutto “capire”. Capire che il padre emotivamente assente è un uomo che non ha saputo esercitare il proprio ruolo di padre, perché non ha mai capito bene qual era. È probabile che non disponesse delle adeguate capacità personali, di una buona autostima, di un equilibrio interno che gli permettessero di vedere i suoi errori, le sue paure e le sue carenze.

Questo lo scagiona dall’averci lasciato un tale vuoto emotivo?

Assolutamente no! Tuttavia, la comprensione, a volte, ci aiuta a vedere in modo diverso la realtà, a evitare di accumulare ulteriori emozioni negative.

Dobbiamo avere la piena consapevolezza che siamo cresciuti e maturati con molti vuoti a causa di queste carenze affettive. Tuttavia, arriva sempre il momento in cui dovremmo tagliare il vincolo con la sofferenza del passato per sanare le ferite nel presente.

Padre assente, libri consigliati

È stato recentemente pubblicato un libro che merita qualche attenzione: Fatherless, l’assenza del padre nella società contemporanea di Stefano Parenti, psicologo e psicoterapeuta.  E’ una indagine sui bambini e ragazzi cresciuti senza padri, per vedovanza della madre, mancato riconoscimento, separazione o divorzio. Leggendolo, scopriamo che i “fatherless” mostrano statisticamente una serie di differenze rispetto agli altri bambini.


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi su Facebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

I commenti sono chiusi.