Chi è la vittima ideale del narcisista? Il suo esatto contrario, l’empatico

| |

vittima narcisista
“Io non chiedo al ferito come si senta, io divento il ferito”. Walt Whitman.

Esistono  incastri relazionali, che per quanto  si rivelino malsani e improbabili e pertanto destinati alla rottura, per qualche strana ragione e nonostante tutto, “resistono”. Di qualunque natura essi siano (sentimentali, amicali), si tratta di relazioni estremamente disfunzionali all’interno delle quali si configurano chiaramente due ruoli distinti e complementari fra loro:  un carnefice e una vittima, la cui amalgama dà vita a dinamiche dai contorni perversi, che in una escalation senza fine alimentano un’atmosfera tossica di fondo. E’ il caso, per esempio dell’unione fra un narcisista e un empatico.

Ma che cosa è in realtà l’empatia?

Il web è pieno di definizioni e vari usi. E’ bene però non confondere l’empatia con la compassione, etimologicamente “provare la sofferenza di qualcun altro” né tanto meno con la simpatia; avere affinità di opinioni o sentimenti- e quindi immedesimazione.

I ricercatori già dagli anni ’90 hanno messo in relazione l’empatia con l’intelligenza emozionale: gli empatici hanno la capacità di ascoltare le proprie emozioni, di ascoltare le altre persone e di sentire le emozioni altrui, di esprimere le emozioni in modo produttivo, e di gestirle in modo sano e proattivo.

pubblicità

L’empatia, dunque è una bellissima capacità  ma la sua esasperazione, che generalmente equivale all’esasperazione della sua manifestazione non è affatto positiva. Il rischio è quello di rimanere imprigionati nelle propria visione delle cose ripudiando ogni àncora esterna e rifiutando ogni apertura verso la possibilità di essere messi in discussione.

Come spiega Simon Baron-Cohen nel testo “La scienza del male”,  l’ empatia si esprime su livelli; dal livello zero che corrisponde  alla psicopatologia di tipo psicopatico-antisociale, (individuo incapace di rimorso, gratitudine e genuino orientamento all’altro), passando attraverso diversi gradi di empatia fino ad arrivare al livello sei che configurerebbe uno sbilanciamento verso l’altro sopra la media. In questo caso entrano in gioco i meccanismi proiettivi che portano l’empatico a giudicare l’altro buono o malevolo in base a cosa di noi stessi gli proiettiamo addosso.

Le persone altamente empatiche  dovrebbero capire il perché della loro forte empatia e come usano questa loro dote.

pubblicità

Perché una persona empatica è facile da manipolare?

La gente dice che “gli opposti si attraggono”, ma cosa succede quando un empatico è in una relazione con il loro opposto – un narcisista?

Una psiche sana ci impedisce di cadere nella trappola di narcisisti patologici,  borderline, schizofrenici,  in quanto ci consente di riconoscere le altre persone, spogliarle delle loro maschere e renderle nude ai nostri occhi. Il che significa evitare relazioni rovinose o noiose, o semplicemente false perché basate solo su interessi relazionali. Ma se l’empatia è unita a problemi psicologici, ciò che  attrarrà dell’altro è la proiezione della propria parte malata, finendo per invischiarsi in una relazione disturbata.

L’empatico che si trascina un difficile vissuto emotivo riuscirà a intravedere quel vuoto, quella ferita, quel dolore per una mancanza profonda di amore e si convincerà che l’amore può sanare ogni ferita. Il suo amore, insomma, saprà colmare l’enorme vuoto affettivo e di autostima del/della narcisista o della persona emotivamente instabile in genere.

Ciò che un empatico non sa tuttavia, è che un narcisista o una persona emotivamente instabile e immatura, entra in una relazione (stabile o meno stabile) con il solo intento di approvvigionarsi di energia vitale senza dare nulla in cambio; per questo, indossa dapprima una maschera di ideale d’amore per entrare nel rapporto e una volta terminata la fase di conquista, si metterà “a riposo”, iniziando a negarsi e a rifiutare di fornire anche le minime attenzioni, che ci si attenderebbe in un rapporto di coppia.

pubblicità

L’intento del narcisista è farsi ammirare, ricevere quelle attenzioni e quelle cure che, con tutta probabilità sono mancate durante l’infanzia e che l’empatico si sente in dovere di fornire.

Per riuscire in questo intento, i narcisisti ingannano l’empatico asserendo di non poter più dare in quella relazione, non tanto perché non ne hanno capacità, ma perché l’empatico non si è comportato bene. I narcisisti spingono l’altro a sentirsi costantemente in colpa, al fine di innalzare i suoi livelli di prestazione emotiva: “tu devi darmi di più e allora io, quando avrò ciò che merito e desidero, ti ripagherò, comportandomi cosi come ho fatto all’inizio del rapporto”.

pubblicità

Inizialmente quindi il narcisista si vende molto bene all’empatico, fingendo di essere una vittima, chiedendo aiuto e appoggio emotivo, o mostrandosi ammirevole e valoroso. L’empatico può innamorarsi o semplicemente provare affetto e compassione per il personaggio recitato dal narciso, e quindi impiegherà le sue energie in quello che gli sembra una giusta causa, diventando la fonte primaria di nutrimento narcisistico, anche dopo che il narcisista avrà smesso di recitare il personaggio meraviglioso iniziale.

Quando l’empatico diventa vittima del narciso, è ridotto al rango di co-dipendente

L’empatico è tendenzialmente ingenuo e fa una fatica incredibile a capacitarsi del fatto che esistano persone prive di scrupoli, di etica, di buoni sentimenti e di morale. Quindi trascurerà le discrepanze tra il personaggio favoloso recitato dal narciso e il vero, orribile essere che trapela qua e là man mano che la relazione con il narciso procede.

Per evitare che gli crolli il mondo addosso, l’empatico si sentirà costretto a credere all’esistenza di quella persona meravigliosa. Il narcisista e l’empatico entrerebbero nel rapporto con lo stesso intento “narcisistico”: convalidare il proprio valore e colmare i propri vuoti affettivi.

L’empatico tenterà di farlo annullando se stesso, vivendo per e attraverso l’altro, dando e aspettandosi gratitudine incondizionata in cambio, mentre il narcisista lo farà innalzando se stesso e vivendo nutrendosi dell’altro, prendendo e non dando nulla in cambio, per il solo fatto che il suo valore deve essere garantito dalla conferma costante del suo non dover avere doveri, tranne quello di esistere.

Anzi, il narciso darà la colpa delle proprie malefatte all’empatico: non gli fornirebbe abbastanza amore e adorazione. Questo comportamento porterebbe l’empatico ad addossarsi tutte le colpe  della relazione al punto da convincersi che per sanare la situazione, lui o lei debba dare, dare sempre di più, fino ad essere totalmente prosciugato/a.

MORALE: se sei un empatico, stai alla larga dai narcisi. A maggior ragione se hai una storia di codipendenza o genitori narcisi. Leggi, informati, impara come riconoscerli e come gestirli, impara a prenderti cura di te stesso/a e soprattutto a dedicare la tua empatia alle cause degne. Valuta anche di seguire un percorso psicoterapeutico per imparare a capire come usare bene l’empatia, perché potrebbe diventare un alleato formidabile.

Non tutto e tutti vanno aiutati; incanala le tue dote di sensibilità e compassione in un lavoro adatto o in un volontariato, piuttosto. E esercitati a discernere e dire di no.

A cura di Ana Maria Sepe, psicoanalista
Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

Previous

Cosa differenzia le persone infelici da quelli felici: 7 pensieri tipici

Malattie della pelle e psicosomatica: quando le emozioni si trasferiscono sulla pelle

Next