Ansia: come si manifesta e cosa ci comunica?

Siamo abituati ad associare l’ ANSIA e lo STRESS a condizioni davvero negative e avverse.

Questo perché quasi sempre si esprimono e si manifestano in maniera molto violenta, ostile, drastica e aggressiva, procurandoci molta sofferenza, paura e malessere psicofisico. Ma lo sai che l’ansia e lo stress non hanno sempre una valenza negativa? 

Anzi, l’ ansia e lo stress sono funzionali per la nostra vita, sono il nostro motore motivazionale, sono il nostro carburante quotidiano. Grazie a loro riusciamo a portare avanti i nostri pricipali compiti, a raggiungere i nostri obiettivi. Grazie a loro ad esempio riusciamo a studiare per un esame universitario, riusciamo ad affrontare al meglio un colloquio di lavoro, riusciamo ad organizzare e preparare una cena, riusciamo a svolgere semplici azioni quotidiane.

Paradossalmente ci danno l’opportunità di sentirci vivi, vitali, energici!

Ma quando ansia e stress diventano patologici?

Quando assumono una valenza negativa per la nostra esistenza?

  1. Quando si manifestano con un’eccessiva intensità
  2. Quando si manifestano per un periodo di tempo troppo lungo
  3. Quando compromettono negativamente la vita quotidiana
  4. Quando non siamo capaci a gestirli.

Ecco che l’ansia e lo stress trovano sfogo con e attraverso il nostro CORPO, il nostro principale contenitore di emozioni e sensazioni.

Sintomi tipici sono ad esempio:

  • – sudorazione eccessiva
  • – tachicardia
  • – attacchi di panico
  • – sintomi psicosomatici
  • – insonnia
  • – agitazione
  • – stanchezza
  • – rabbia
  • – frustrazione

Tutti questi sintomi non fanno altro che alimentare il tuo stato di malessere e disagio, poiché compromettono fortemente la tua vita quotidiana da un punto di vista affettivo, emotivo, relazionale, familiare, scolastico, lavorativo, esistenziale.

Il primo passo per affrontare al meglio l’ansia e lo stress che tanto ti abbattono è quello di IMPARARE A GESTIRLI.

Cosa significa gestire? Significa COMPRENDERE.

E’ importante prima di tutto comprendere e capire le potenziali cause che scatenano ansia e stress. Ma comprendere significa soprattutto capire cosa vogliono comunicarci questi sintomi negativi.

Sicuramente ci vogliono comunicare che c’è qualcosa che non va.

Forse c’è qualcosa che vuoi cambiare ma non hai il coraggio di farlo?
Forse la tua vita ti ha reso schiavo di una routine che non ti soddisfa?
Forse la tua vita è troppo sovraccaricata di impegni?
Forse dedichi poco tempo alla tua vita privata?

Per questo è importante un ASCOLTO ATTIVO SU DI SE’.

Perciò ogni tanto… Fermati. Rallenta. Respira profondamente. E Ascoltati.

Ascolta quello che il tuo corpo ti dice!

Non avere paura di sentire e percepire le tue emozioni!

E’ bene sapere che non esistono emozioni sbagliate o negative, ma esistono emozioni piacevoli o spiacevoli. Proprio per questo ogni emozione ha bisogno di essere riconosciuta, espressa, compresa, condivisa. Solamente così riusciamo a raggiungere il nostro benessere, il nostro equilibrio emotivo e la nostra crescita personale e interpersonale.

E proprio per questo che è importante un’educazione emotiva e affettiva fin dalla tenera età, dove svolgono un ruolo molto importante la famiglia, i genitori e le istituzioni scolastiche. I bambini hanno la capacità innata di esprimere liberamente emozioni, sensazioni e sentimenti e spesso è proprio l’adulto, il genitore o il contesto socio-culturale a distruggere questa loro attitudine, provocando quel circolo vizioso in cui le emozioni inibite, represse e inespresse si ripercuotono negativamente nel loro processo di crescita emotivo, affettivo, relazionale e cognitivo.

Perciò riappropriamoci del nostro ESSERE BAMBINO, quel bambino aperto al mondo, all’esplorazione, alla ricerca ingenua e senza giudizio e  impariamo ad esprimere la rabbia, ad accogliere la tristezza, a comprendere la paura… IMPARIAMO A VIVERE LE NOSTRE EMOZIONI, ovvero impariamo ad ABITARLE e SENTIRLE per imparare a raggiungere la gioia, il benessere, la felicità.

A cura di: Margherita Giordano, psicologa clinica


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci su Facebook: Pagina ufficiale di Psicoadvisor o sul nostro gruppo Dentro la psiche“. Puoi anche iscrivervi alla nostra NewsletterPer leggere tutti i miei articoli ti invito a visitare questa pagina.

© Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Psicologa clinica e dell’età evolutiva, esperta in Art-Counseling e tecniche di rilassamento. Riceve nel suo studio di Milano.

Nessun commento.

Lascia un commento