15 cose che i creativi fanno in modo diverso dalle persone comuni

“La creatività è contagiosa. Trasmettila.” ALBERT EINSTEIN

“La creatività è contagiosa. Trasmettila.” Albert Einstein

La creatività non è un dono, è una capacità che si allena e si sviluppa durante tutta la vita. Tutti noi abbiamo il seme della creatività, solo che crescendo, ci sono coloro che lo coltivano e si preoccupano di questo mentre altri semplicemente lo lasciano morire. Tuttavia, in tempo di crisi, la creatività è un grande alleato e può fare la differenza tra il successo clamoroso e il totale fallimento.

La buona notizia è che non è mai troppo tardi per sviluppare la creatività

In effetti, uno studio condotto negli Stati Uniti ha rilevato che il prototipo dell’imprenditore di successo non è il giovane che abbandona la carriera universitaria (anche se questi sono i casi più pubblicizzati), ma piuttosto il 38% delle persone che hanno avviato un progetto originale di successo lo hanno fatto quando avevano più di 40 anni. Gli esempi sono molti, basti pensare ad Arianna Huffington, che aveva 54 anni quando ha fondato l’Huffington Post, o Carol Gardner, che ha fondato Zelda Wisdom a 52 anni, una compagnia quotata oltre 50 milioni di dollari.

“Le menti creative riescono a sopravvivere anche ai peggiori sistemi educativi.” Anna Freud

Siamo tutti consapevoli che chi lavora a stretto contatto con la creatività è in grado di utilizzare la mente da una prospettiva differente rispetto ad una mente più razionale. I creativi sono in grado di emozionarsi di fronte al mondo, di trovare la bellezza in ogni cosa che li circonda e sono sempre propensi alla scoperta e alla voglia di vivere emozioni uniche.

Le menti più creative pensano con il cuore, sono in grado di inventare e inventarsi e sono sempre alla ricerca di nuovi modi per esprimere quello che hanno nascosto dentro.

“Se un individuo è coinvolto in una creazione artistica, si suppone che egli possa contare su un talento specifico. Ma per vivere creativamente non occorre nessun talento specifico: è un bisogno e un’esperienza universale. Dunque la creatività è differente dalla creazione artistica.” (Donald W.Winnicott)

15 cose che i creativi fanno in modo diverso dalle persone comuni

A livello psicologico le personalità creative sono di difficile determinazione, soprattutto perchè si tratta di persone complesse, spesso paradossali, slegate da qualsiasi abitudine o routine. Le ricerche indicano che la mente creativa implica l’unione di moltissimi tratti comportamentali ed emotivi con le influenze sociali cui il singolo individuo è sottoposto.Sebbene non esista la definizione della “tipica persona creativa”, esistono dei tratti e dei comportamenti che caratterizzano profondamente le persone creative, differenziandole dalle altre.

1. Traggono ispirazione da tutto ciò che li circonda

I creativi sono dei grandi osservatori. A volte le persone comuni pensano che chi lavora con la creatività perde molto tempo a fare nulla. Invece non sanno che i creativi, anche quando si riposano o non producono qualcosa nel concreto, stanno lavorando con la mente, perchè l’ispirazione arriva sempre quando meno te lo aspetti e in momenti assurdi della giornata.

“La creatività rappresenta un modo del tutto unico di guardare l’universo” (Aldo Carotenuto)

2. Seguono il cuore

Essere diffidenti nei confronti di quello che vuole il proprio cuore è tipico delle persone comuni. Tendenzialmente si tende a soffocare quella vocina che nasce dal proprio io più intimo per affidare le scelte alla mente razionale. Non sempre però inseguire i propri sogni è sbagliato e i creativi lo dimostrano ogni giorno: fare ciò che ti dice il cuore aiuta lo spirito e aumenta la felicità.

3. Sono umili e orgogliosi allo stesso tempo

I creativi non sono mai contenti del proprio lavoro, anzi pensano sempre di non essere bravi abbastanza. I creativi sono persone molto umili, sempre pronte ad imparare e ad ammettere i loro limiti o difficoltà, ma allo stesso tempo sono orgogliosi delle proprie idee originali e sempre piene di entusiasmo nei confronti dei propri progetti.

4. Sono perfezionisti

Se uno stereotipo comune vede i creativi come persone pazze, un fondo di verità ci deve pur essere dopotutto. I creativi hanno un rapporto strano con il lavoro, soprattutto se si tratta di un progetto commissionato e non di un proprio lavoro personale: solitamente quando entra un lavoro e si hanno tempi stretti di consegna, una persona comune fa di tutto per fare un lavoro sbrigativo e magari con poco interesse. I creativi no: si prendono a cuore ogni progetto, anche il più noiso, e fanno di tutto per farlo al meglio seguendo ogni signolo dettaglio, a costo di sacrificare ore di sonno.

5. Hanno fantasia

I creativi sono pensierosi: passano molte ore a riflettere, immaginare, sognare e fantasticare. Non sono mai fermi con la mente, viaggiano con la fantasia e hanno sempre un vulcano di idee originali e innovative per ogni singolo argomento.

6. Sono grandi osservatori

Il mondo visto da un creativo non è lo stesso visto da una persona comune. Come dicevamo nel primo punto, ogni cosa per i creativi può essere spunto per un nuovo progetto o ispirazione per un lavoro. Per questo motivo lo sguardo dei creativi è uno sguardo indagatore, che studia, scruta, esplora tutto quello che lo circonda, per coglierne ogni signola sfumatura e dettaglio.

7. Escono dagli schemi

Per essere creativi non basta avere delle belle idee o essere bravi tecnicamente e manualmente. Essere creativo è uno stile di vita: è uscire dagli schemi tradizionali, avere la mente sempre aperta alle novità, essere positivi, determinati. I creativi non amano stare chiusi nei confini o seguire le convenzioni sociali: sono ribelli per natura sotto ogni punto di vista.

8. Sperimentano e sono sempre pronti a nuove esperienze

La conseguenza della ribellione porta le persone creative a sperimentare nuove realtà e a vivere avventure ed esperienze diverse ogni giorno. Il motto del creativo è quello di vivere il mondo come un bambino che si approccia ad una realtà sconoscita che non ha mai visto e quindi senza pregiudizi, freni o blocchi mentali imposti dalla società.

9. Cercano sempre nuovi modi per esprimere se stessi

E’ difficile vedere una persona creativa che si fissa su un unico strumento o una tecnica oppure una modalità di espressione. I creativi sono dinamici e hanno sempre voglia di trovare nuovi modi per esprimere se stessi e la propria creatività.

10. Amano

I creativi seguono il proprio cuore in modo incondizionato. Per questo motivo amano tutto quello che li circonda: gli animali, le cose, i paesaggi, le emozioni e la bellezza. Le persone creative sono sempre esntusiate, positive, cariche e vulcaniche e cercano in tutti i modi di trovare una soluzione per rendere felici le persone che li circondano e, più in generale, il mondo un posto migliore per tutti.

11. Si regalano momenti di completa solitudine

“Per essere più creativi – scriveva lo psicologo esistenzialista Rollo May – dobbiamo imparare ad usare la nostra solitudine in maniera costruttiva. Dobbiamo superare la paura di rimanere soli”. Spesso in effetti gli artisti vengono descritti come personalità solitarie e, sebbene non sia sempre così, a volte un’opera maestra nasce da momenti di solitudine. Secondo lo psicologo Kaufman, questa dimensione si collega direttamente con il “sogno ad occhi aperti”, perchè la solitudine ci permette di lasciar libera la mente: “E’ un contatto intimo con l’Io interiore, è ciò che ci permette contattare la voce creativa che abbiamo dentro”.

12. Quando cadono sanno risollevarsi

“La capacità di recupero è un prerequisito per il successo creativo” afferma Kaufman. Il processo creativo viene spesso descritto come una serie di errori o insuccessi, che però non fermano la ricerca di miglioramento. Le persone creative sono in grado di apprendere dagli errori e di trsformarli in punti di partenza per nuovi inizi”. “Le persone creative falliscono, ma i veri geni falliscono più di una volta” scrisse Steven Kotler in un articolo sul genio di Einstein.

13. Fanno domande

Le persone creative sono insaziabilmente curiose. Normalmente mettono in discussione qualunque aspetto della vita e della società: perchè e come funziona il mondo.

14. Perdono la nozione del tempo

Tutti i grandi artisti, pensatori, scienziati confermano che quando si dedicano al loro lavoro (sia esso scrivere, ballare, dipingere…) entrano in quello che i ricercatori chiamano “stato di flusso”: uno stato mentale che permette loro di esprimersi a massimi livelli e che, contemporaneamente, li rende immuni alle distrazioni di tempo, persone, fatti…

15. Amano meditare

La concentrazione mentale è, per i creativi, fondamentale. Moltissimi artisti, scrittori, autori, considerano la meditazione il mezzo principale per entrare in contatto con l’Io creativo. La scienza appoggia questa idea, sottolineando come alcune pratiche di meditazione possano migliorare la concentrazione, la memoria, il benessere emozionale, aiutando ad eliminare allo stesso tempo ansia e stress, nemici delle menti creative. Ti consiglio la lettura dell’articolo “10 caratteristiche delle persone che hanno imparato a meditare

“La creatività è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, mentre la creatività abbraccia il mondo stimolando il progresso e dando impulso al futuro.” (Albert Einstein)


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato sugli argomenti che salvaguardano la tua crescita emotiva, puoi seguirmi sulla mia pagina di facebook “Psicoadvisor“, aggiungermi suFacebook

Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze? Iscriviti al gruppo di Psicoadvisor “Dentro la psiche

Per ricevere ogni giorno i nuovi contenuti sulla tua posta elettronica, iscriviti alla news letter di Psicoadvisor: clicca qui per l’iscrizione


Dottoressa in psicologia, esperta e ricercatrice in psicoanalisi. Admin del sito

I commenti sono chiusi.