Come si relaziona un narcisista?

| |

Come si relaziona un narcisista

Chi incontra un narcisista sul proprio cammino si chiede se non soffre della propria condizione, se si rende conto di fare del male ai propri familiari, amici o partner.

La risposta e’: NO! Il narcisista ha bisogno di piacere, di ricevere conferme, di essere desiderato e non considera le conseguenze delle sue azioni su chi gli sta vicino. Approfondiamo.

Il narcisista si rende conto di esserlo?
Si rende conto del proprio comportamento?

Il narcisista non si rende conto di provocare dolore e danni dove passa perché la sua capacità di amare e’ poco matura e compromessa. Il problema principale per  un narcisista patologico e’ la capacità di amare e di mantenere del tempo una relazione di amore.

Lo scenario che più frequentemente si presenta e’ quello di una intensa e coinvolgente infatuazione e di una rapida rottura quando il partner gli fa notare gli inevitabili problemi a cui segue poi uno strascico di critiche e delusioni, accompagnate da rabbia, silenzi e svalutazioni.

Questo avviene perché il narcisista è più attratto dalla “luna di miele” ma non dal matrimonio, dal desiderio di piacere, di sedurre, di vedere l’altro che lo vuole con tutto se stesso. Gli interessano le conferme e l’adorazione di un partner che si presta ad una facile idealizzazione e che lo mette al centro del proprio mondo.

Il narcisista si sottopone ad un continuo sforzo per entrare in relazione con l’altro ma si scontra con ripetuti fallimenti poiché non e’ in grado di considerare una persona come un individuo con bisogni a sé stanti ma solo come un mezzo per ricevere conferme del proprio valore, un collante della sua fragile personalità che manipola più o meno consapevolmente chi lo circonda per ricercare disperatamente approvazione.

Come si riconosce un narcisista?

Ogrodniczuk e Kealey (2013) sostengono che “gli individui narcisisti non sono necessariamente identificati dal modo in cui si sentono ma da come fanno sentire gli altri”. Il narcisista pur ricercando approvazione e conferma dall’altro, paradossalmente lo allontana, vanificando la speranza di ottenere la risposta (conferma) di cui ha bisogno.

Il narcisista mostra uno spiccato senso di vanità e di futilità emotiva perché non e’ in grado di controllare il proprio comportamento e di conseguenza le risposte di chi lo circonda, di cui invece ha disperatamente bisogno per stabilizzare la fragile considerazione di sé. Tutte le configurazioni caratteriologiche narcisistiche hanno in comune la difficoltà di autoregolazione delle emozioni e una esigua autostima che determina significative fluttuazioni tra lo stato vulnerabile e lo stato grandioso della loro personalità.

Come si relaziona un narcisista?

Glen.O. Gabbard e Holly Crisp (2019) individuano tredici stili relazionali che  un narcisista può esibire singolarmente o in modo misto:

Bisogno di suscitare ammirazione, empatia e validazione da parte dell’altro

Per ottenere tali riconoscimenti i narcisisti fanno riferimento ai loro successi e si mettono in buona luce di fronte agli altri. Quando parla un narcisista grandioso, può sembrare incurante delle reazioni che appaiono sul volto dell’ascoltatore e non mostrare alcun interesse per ciò che gli altri dicono sull’argomento. Nel caso del narcisista vulnerabile o ipervigile, l’attenzione di chi parla e’ concentrata sul viso dell’ascoltatore per cogliere ogni minimo segno di riconoscimento possibile o ogni reazione critica, di disprezzo o noia.

Pseudo – autosufficienza

In questo stile si individua il rifiuto della dipendenza e l’incapacità’ di accettare l’aiuto degli altri, poiché il narcisista vuole essere visto come una persona indipendente e all’altezza di tutte le situazioni. Il risultato di questo stile relazionale e’ l’isolamento e il bisogno continuo dell’aiuto altrui pur non accettandolo.

Negazione o inibizione dell’autonomia dell’altro

Le persone che hanno una relazione con un narcisista si sentono spesso controllate, sottomesse e dominate. Tale comportamento si manifesta spesso nella camera da letto, quando il narcisista esprime i suoi bisogni senza alcun riguardo per l’autonomia dell’altro e il sesso diventa un mezzo per affermare la propria supremazia dove la reciprocità .

Tale dinamica a volte si svolge anche con la complicità del partner che diventa aggressivo in modo disinteressato alle sue richieste, per cui maggiore sarà la pressione del narcisista maggiore sarà anche il disinteresse del partner che allo stesso tempo non si sottrae alla situazione di sottomissione del narcisista ma resiste in modo indifferente.

Propensione a provare vergogna e umiliazione come reazione a offese relativamente lievi

I narcisisti si sentono facilmente feriti se qualcuno non e’ d’accordo con loro, li ignora o li critica. La vergogna che prova e’ in funzione del fatto di non sentirsi all’altezza dell’ideale grandioso che ha di se stesso o di come dovrebbe essere. Alla vergogna di sentirsi smascherati, si associa un profondo sentimento di umiliazione dovuto al fatto che più individui hanno scoperto le sue inadeguatezze, rispetto ai quali sviluppa rabbia e desiderio di vendetta.

Negazione della sofferenza o del conflitto associata a disconoscimento della realtà

Il senso di vergogna e di umiliazione del narcisista viene evitato ricorrendo ad una massiccia negazione della realtà, del dolore inflitto e del conflitto che innesca nella relazioni interpersonali. Molti narcisisti spesso evitano il contatto visivo e parlano senza interruzione con le persone come se avessero un pubblico di fronte, per evitare di rilevare ogni minimo disaccordo dell’interlocutore.

Confronto continuo tra se stessi e gli altri che alimentato l’invidia

La grandiosità manifestata da molti narcisisti si basa su una immagine di sé fragile che crea il bisogno di essere sempre migliori rispetto agli altri. Questa strategia non funziona quando il narcisista incontra persone migliori di lui che minacciano la sua fragile grandiosità e generano in lui invidia a cui segue un atteggiamento di svalutazione e di disprezzo.

Idealizzazione dell’altro

Il narcisista a volte sopravvaluta gli altri e cerca di creare una condizione di reciproca ammirazione in cui accresce la loro autostima ponendosi all’ombra di un soggetto idealizzato che gli conferisce valore. La conseguenza di questa condizione e’ che i narcisisti sono spesso insoddisfatti poiché nessun interlocutore e’ perfetto per cui non può mai rispondere all’idealizzazione.

Difficoltà di capire o di provare interesse per l’esperienza interiore degli altri

Il narcisista ha una significativa difficoltà ad empatizzare emotivamente con l’altro. Può possedere una certa dose di empatia cognitiva ma e’ completamente assente quella emotiva.

Invadenza caratterizzata da manifestazioni esibizionistiche che violano il territorio degli altri

Il narcisista si concentra solo su quello che e’ importante per lui e non e’ interessato in alcun modo a conoscere l’altro o a rispettare i suoi confini emotivi.

Ritiro dalle relazioni sociali per proteggersi dalle umiliazioni 

Il narcisista vulnerabile con tratti evitanti cerca di evitare in ogni modo le umiliazioni tenendosi in disparte nelle situazioni sociali dove sono coinvolte altre persone.

Sensazione di essere vittima di maltrattamenti da parte degli altri

I narcisisti vulnerabili o ipervigili fanno in modo di trovarsi continuamente nella condizione di essere incompresi  e di essere offesi perché gli altri non riconoscono la loro sofferenza.

Iniziale seduttività seguita da perdita di interesse per l’altro

Nel primo incontro con il narcisista ad alto funzionamento il suo modo di comportarsi può risultare affascinante e seducente. Questi aspetti nell’arco di breve tempo scompaiono poiché il narcisista decide che l’altro non gli serve più ed inizia a mostrare un crescente disinteresse e ad allontanare l’altro.

Falsità, disonestà e tentativi di sedurre l’altro

All’stremo opposto vi sono i narcisisti con tratti antisociali che mentono continuamente per imporre agli altri il loro modo di pensare o per ricevere apprezzamenti e lodi senza alcuna considerazione delle conseguenze del loro comportamento.

E’ bene tenere presente che gli stili di relazione sopra elencati, sono i più diffusi nelle organizzazioni narcisistiche di personalità pur non completando le forme di relazione interpersonale tipiche del narcisismo.

Libri consigliati:

Autore: Marco Salerno, psicologo psicoterapeuta
Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirci sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, o nel nostro gruppo Dentro la Psiche. Puoi anche iscriverti alla nostra newsletter. Puoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*. Bibliografia:

Previous

La vita inizia ogni mattino. The Miracle Morning

Lascia andare chi ti fa soffrire e ricorda queste 5 cose

Next

2 commenti su “Come si relaziona un narcisista?”

  1. Ho ritrovato su fb il mio primo ragazzo, allora avevo 16 anni oggi ne ho 69.Abbiamo iniziato un contatto messenger whatsapp molto intenso.Mi scriveva per 7-8 ore al giorno. Messaggi, foto, battute anche alle 3 di notte mentre dormivo.Vivo in un paese che ha 7 ore in meno di fuso orario dell’ Italia. Per me era tutto ok, assaporavo la frenesia degli anni 60 vissuti con enfasi perche’ eravamo giovani e pieni di speranze.Ricordi bellissimi, amici in comune, citta’ in comune insomma un insieme di cose positive.Entrambi divorziati di argomenti ne abbiamo avuti a iosa per dialogare. Lui la metteva sempre sul sesso, sull’impotenza, sulla incomprensione delle donne. Un mare di argomenti che ho sempre fronteggiato con valore gia’ che mi considero una donna indipendente che vive ogni giorno la vita senza temerla.Spesso ci siamo scontrati su punti di vista opposti, lui puntualmente al mattino faceva trovare messaggi dove sminuiva ogni cosa e senza chiedere scusa si intravvedeva che aveva il terrore che smettessi di scrivergli. Dopo 4 mesi di euforia ricevo un messaggio che in sintesi diceva…..ritengo non piu’ necessario perdere tanto tempo on line, sudando e sacrificando le dita a scrivere, ho tante cose da fare molto piu’ interessanti , ho bisogno di riprendermi la mia vita, poi per dirla sinceramente che senso ha stare in online quando se voglio vedere un quadro esco vado a un museo e lo vedo dal vivo.Sono rimasta congelata nonostante vivo a temperature di 40-45 gradi.Ho cominciato a chiedermi cosa passava nella mente di questo individuo un po’ strano, solitario, egocentrico, con una stima di se altissima mentre gli altri erano tutti stronzi o sbagliati. Critico sulla mia vita , io colpevole di tutto ogni volta.Lui da giovane conosceva molto bene il mio ex marito dal quale sono separata da circa 20 anni.Insomma un giustiziere a posteri o un perfetto stronzo che ha utilizzato tutte le mie cose piu’ intime o sfoghi personali ,su sconfitte e vittorie nella vita, per usarle a suo uso e consumo?Credevo aver ritrovato un amico vero e mi sono ritrovata con un problema, percepisco da molti indizi aver trattato con un cinico senza sentimenti e con una buona dose di invidia e cattiveria.Forse anche geloso del mio ex che nonostante tutto rimane sempre un bell’uomo mentre l’amico virtuale di bellezza non ne ha mai avuta, credevo fosse bello dentro …..y mira como quedo’!

Lascia un commento