Insoddisfazione cronica: come nasce e come uscirne

| |

insoddisfazione cronica
Illustrazione: Harriet Lee Merrion

Insoddisfazione cronica: cos’è e quali sono le sue conseguenze. Aspetti da considerare e consigli per uscirne e imparare a trasformare il senso di insoddisfazione.

Sentirsi sempre insoddisfatti

L’insoddisfazione non è essenzialmente negativa, lo diventa solo quando si cronicizza e si inizia a parlare di insoddisfazione cronica.

Solitamente, infatti, l’insoddisfazione in sé, potrebbe essere un aiuto per capire quando qualcosa non va nella propria vita, quando giunge il momento di apportare dei cambiamenti. Quando invece, indipendentemente da ciò che si fa, l’insoddisfazione resta immutata allora diventa negativa.

Chi la vive non è più in grado di apprezzare nulla di ciò che fa o riesce a raggiungere, il presente perde valore, ci si concentra solo su ciò che non si ha, non si è ancora fatto o si poteva fare meglio. La soddisfazione personale non si basa più sul raggiungimento dei propri obiettivi, anche perché ne vengono posti sempre altri e ancora più ambiziosi, ma la vera ricerca sta nell’approvazione altrui.

Per ottenere costanti conferme da parte di figure significative si inizia un’estenuante corsa verso lontani miraggi, realizzazioni illusorie, che una volta raggiunte perdono valore e importanza. Il non accontentarsi mai può essere una conseguenza diretta dell’insoddisfazione cronica.

Il senso di insoddisfazione causa frustrazione

Caratteristiche di chi vive nell’insoddisfazione cronica. L’insicurezza mantiene questo meccanismo. Ci si sente insoddisfatti perché proiettati solo su ciò che non va, che manca, spesso nel confronto con gli altri ci si sente in difetto.

C’è una forte disparità tra un io ideale e ciò che invece si sente di essere, non si arriva mai a un momento di soddisfazione, c’è sempre una perfezione da inseguire. Molte energie vengono sprecate in questa continua e insoddisfacente ricerca. Gli obiettivi sono sempre ambiziosi e lontani per cui si avverte spesso anche frustrazione.

Il fallimento è temuto, ma allo stesso tempo inevitabile poiché alcuni risultati diventano irraggiungibili. L’esperienza però non diventa bagaglio per imparare e crescere, ma un ulteriore modo per mortificarsi e ruminare sui propri comportamenti.

Insoddisfazione cronica

Chi soffre di insoddisfazione cronica mantiene un controllo eccessivo su aspetti che riguardano la propria vita e quella delle persone a loro vicine. La marcata critica verso se stessi si estende anche agli altri, che non capiscono i loro bisogni e non fanno nulla per aiutarli. Le relazioni rischiano di diventare altrettanto insoddisfacenti, perché non sono in grado di esprimere i loro sentimenti e di chiedere all’altro, ma si aspettano comunque di essere capiti, per cui la delusione arriva inevitabilmente.

Nonostante gli innumerevoli successi raggiunti, grazie anche al loro perfezionismo, non riescono a goderne fino in fondo e lo sforzo e le energie spese non fanno altro che aggravare un livello già alto di stress e ansia. Fino a quando la soddisfazione è delegata all’approvazione altrui nulla di ciò che si fa può dare i risultati sperati, per questo il circolo riparte e si rinforza.

Cause dell’insoddisfazione cronica

Le origini di questi meccanismi si ritrovano spesso nell’infanzia. Solitamente sono bambini con particolari capacità, incoraggiati e sostenuti dalla famiglia che rischiano però di identificarsi con i loro successi, costruendo la loro personalità intorno a ciò che riescono a fare, senza chiedersi più cosa sceglierebbero per se stessi.

Non è detto che ci siano pressioni da parte dei familiari, ma l’attenzione si arresta esclusivamente su ciò che credono gli altri vogliano da loro. Solo così possono sentirsi amati e crescendo la ricerca costante di conferme diventa predominante. Questo costante sforzo porta inevitabilmente ad un dispendio di energie che si avverte sotto forma di demotivazione, ansia o depressione che spesso non si riescono a motivare. È proprio questa confusione che alimenta una nuova ricerca spasmodica di qualcosa che possa dare legittimità a ciò che si sta facendo.

Come uscirne

Per uscire da questo vortice bisogna imparare ad avere fiducia in se stessi e negli altri per non essere sempre in competizione con tutti, per apprezzarsi e conoscere risorse e limiti personali.

È utile indagare sulle origini di questi pensieri per spezzare i legami che si mantengono nelle dinamiche relazionali attuali e sentirsi liberi da ogni condizionamento.

Solo quando si può partire da sé e da ciò che si vuole per la propria vita, conquistandolo con le proprie possibilità, senza influenze esterne, si possono raggiungere obiettivi personali che possono mantenersi nel tempo e per cui poter provare una piena soddisfazione.

Lucia Cavallo, Psicoterapeuta 
specializzata in terapia Familiare Sistemica Relazionale
Se ti è piaciuto questo articolo sull’insoddisfazione cronica puoi seguirci su Facebook:
sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*.

Previous

Le persone buone nascondono cicatrici nel cuore

L’importanza di costruire “confini sani”

Next

Un commento su “Insoddisfazione cronica: come nasce e come uscirne”

  1. Informazioni preziosissime. Mi rispecchia pienamente. Ho 36 anni e soffro di male Dell anima non riesco a capire cosa mi emoziona e cosa invece scelgo per compiacere. Come si fa a scindere quando tutta la propria vita è basata sull approvazione altrui?
    Ogni scelta la faccio in funzione degli altri perché sono diversa… grazie per l ascolto.

Lascia un commento