Bipolari famosi: creatività e disturbo dell’umore

| |

bipolari famosiDal cinema alla musica, dalla letteratura all’arte, la storia è piena di bipolari famosi che hanno conquistato le copertine delle riviste per la loro creatività e non certo per la malattia.

Nel suo libro “Touched with Fire: Manic Depressive Illness and the Artistic Temperament” (1993), Kay Jamison, psichiatra tra i maggiori esperti di disturbi bipolari e da anni colpita lei stessa da disturbo bipolare I, ha raccolto diverse evidenze che collegano i disturbi dell’umore con la creatività artistica.

Di bipolari famosi ce ne sono tanti ma certamente la maggioranza delle persone con un disturbo bipolare non ha particolari doti creative come, d’altra parte, la maggioranza degli artisti non soffre necessariamente di questo disturbo. Tuttavia, la lista di compositori, scrittori, pittori e altri personaggi famosi che soffrono di questo disturbo è impressionante.

pubblicità

Creatività e disturbo bipolare

I risultati relativi ai resoconti corrispondono con quelli emersi da un vasto studio di popolazione condotto su un campione di oltre 300.000 persone. Con questo studio è stato messo in evidenza che i soggetti con disturbo bipolare (e talvolta i familiari non affetti) sono sovrarappresentati nelle professioni creative (Kyanga et al. 2011).

In altre parole, la frequenza del disturbo bipolare aumenta quando si esamina un campione di “professionisti delle arti creative”. Nella storia sono stati diversi gli autori che hanno associato la mania all’ispirazione.

Molti pensano che la mania di per sé favorisca la creatività mediante i suoi sintomi caratteristici quali:

pubblicità

  • esaltazione dell’umore,
  • aumento dell’energia,
  • rapidità di pensiero,
  • maggiore capacità di intuire connessioni tra eventi apparentemente non collegati,
  • euforia,

Tuttavia, è opportuno sottolineare che un grado estremo di mania (cioè quello patologico che si verifica nella fase maniacale) fa diminuire i risultati attivi e causa un decremento delle azioni finalizzate. Per riportare l’esempio di un personaggio famoso bipolare, Robert Schumann, durante le sue fasi maniacali produceva un elevato numero di composizioni, tuttavia, tali opere, erano qualitativamente carenti (Weisberg, 1994).

Nonostante le evidenze osservate da Kyanga (2011), altri studi hanno trovato che le persone che hanno sperimentato episodi maniacali tendono ad avere una produttività artistica minore rispetto ai loro familiari non affetti dal disturbo (Richards, Kinney, Lunde et al 1988).

Altre correlazioni con il disturbo bipolare

Prima di vedere l’elenco dei personaggi bipolari famosi, analizziamo altri dati statistici che ruotano intorno al disturbo. Se i dati che correlano il disturbo bipolare al talento e alla creatività sembrano essere contrastanti (i due studi riportati riferiscono risultati opposti) vi sono dati inequivocabili:

  • La prevalenza è uguale nell’uomo e nella donna
  • Il disturbo implica gravi difficoltà lavorative
  • Un paziente su 4 ha commesso almeno un tentativo di suicidio
  • I pazienti bipolari sono ad alto rischio per altre malattie organiche
  • E’ tra i disturbi mentali con un tasso di mortalità per suicidio più elevato
  • Il rischio di suicidio nel Disturbo bipolare II è leggermente inferiore rispetto al Disturbo bipolare I

Il Manuale diagnostico differenzia il disturbo bipolare in I e II in base alla presenza dell’episodio maniacale.

Per la diagnosi di Disturbo bipolare I è necessario e sufficiente che vi sia un episodio maniacale nell’anamnesi del paziente purché tale episodio non sia meglio spiegato da schizofrenia e relativo spettro schizofrenico.

pubblicità

Bipolari famosi

Mettendo da parte quelle che sono le ricerche sull’argomento, vediamo quali sono i bipolari famosi della storia e dei tempi contemporanei.

Tra le figure storiche citiamo: Michelangelo, Van Gogh, Ciaikovskij, Schumann, Gauguin, Tennyson, Shelley, Faulkner, Hamingway, F. Scott Ditzgerald e Whitman.

Il grande italo-americano Frank Sinatra, in una sua intervista ha dichiarato: “essendo un maniaco depressivo a 18 carati, e avendo vissuto una vita di violente emozioni contrastanti, ho una capacità ipersviluppata di provare sia una grande tristezza sia una grande esaltazione

Negli ultimi anni anche molti attori e musicisti hanno pubblicamente ammesso di soffrire di disturbo bipolare. Queste forme di “outing” di certo hanno avuto un impatto positivo su quello che può essere lo stigma sociale associato alla malattia mentale.

L’elenco dei bipolari famosi

  • Stephen Frye
    L’attore di Wilde e lo Hobbit
  • Carrie Fisher
    L’attrice di Guerre Stellari
  • Linda Hamilton
    Scrittrice e attrice, tra i suoi film, ha recitato accanto ad Arnold Schwarzenegger interpretando il ruolo di Sarah Connor nella saga Terminator
  • Maurice Benard
    Attore, tra le altre cose, ha interpretato un ruolo nel film Joy
  • Patty Duke
    Attrice premio oscar per il film Anna dei miracoli
  • Gray Spalding
    Sceneggiatore e attore
  • Mariette Hartley
    Ha recitato in svariati film, sia al cinema che in televisione, con ruoli ricorrenti in Peyton Place e Un eroe da quattro soldi
  • Blake LeVine
    Scrittore e produttore
  • Jean Claude Van Damme
    Attore famoso per i suoi film d’azione
  • Ben Stiller
    Attore comico, registra e produttore
  • Kurt Cobain
    Il cantante dei Nirvana morto suicida nel 1994. Non tutti sanno che qualche tempo prima, a Roma, un mix micidiale tra champagne e pastiglie di Roipnol ebbe un effetto devastante su Cobain che venne ricoverato in coma al Policlinico Umberto I dove venne salvato
  • Jimi Hendrix
    Famoso chitarrista e cantautore
  • Mariah Carey
    La cantante ha ammesso di combattere con il disturbo bipolare da molti anni. Nel luglio del 2001, durante un’apparizione al programma Total Request Live, Mariah cominciò a distribuire ghiaccioli al pubblico e si spogliò; successivamente fu condotta in un ospedale psichiatrico di Los Angeles mentre la sua portavoce annunciò che la star avrebbe cancellato tutte le sue interviste per il lancio del nuovo disco
  • Catherine Zeta Jones
    L’attrice, ballerina e cantante britannica soffre di disturbo bipolare II
  • Sinéad O’Conner
    La cantante ha lanciato un video appello in cui ha affermato che a causa della malattia è rimasta sola e abbandonata da tutti
  • Selena Gomez
    Durante un’intervista con Miley Cyrus (nella Serie Live Bright Minded) Selena Gomez ha confessato di soffrire di disturbo bipolare
  • Mel Gibson
    Il grande attore e regista è “famoso” anche per i suoi scatti improvvisi di rabbia, che alterna a lunghi periodi di disperazione. Una delle sue ultime dichiarazioni sul suo disturbo «Sto lavorando su me stesso grazie a bravi terapeuti e agli psicofarmaci».
bipolari famosi
Un freme dal videoclip “Nothing Compares 2U” di Sinéad O’Conner

Personaggi Italiani

Tra i personaggi famosi italiani bipolari citiamo Sara Tommasi, Simona Izzo e Gabriella Ferri. Ornella Vanoni non rientra in questa classe diagnostica, durante un’intervista affermò: “Prendo ancora gli antidepressivi, lo psichiatra mi definì borderline”. Per un approfondimento: differenza tra borderline e bipolare.

Scrittori e artisti

  • Virginia Woolf
    Morta suicida. Per approfondire: la lettera di Virgina Woolf (scritta per dire addio al marito)
  • T.S. Elliot
  • Hermann Hesse
  • Ernest Hemingway
  • Robert Lowell
  • Sylvia Plath
  • Lev Tolstoy
  • Emily Dickinson
  • Edvard Munch
  • Antonio Ligabue
  • Louis Wain

Purtroppo chi soffre di questi disturbi può ritrovarsi solo a combattere la sua battaglia. La cantante Sinead O’Connor, a causa del suo disturbo bipolare ha perso la custodia del figlio di 13 anni ed ha affermato in lacrime «Mi fa arrabbiare che nessuno si sia preso cura di me». 

Se ti è piaciuto questo articolo sui personaggi bipolari famosi, puoi seguirci su Facebook: sulla Pagina Ufficiale di Psicoadvisor, sul mio account personale o nel nostro gruppo Dentro la PsichePuoi anche iscriverti alla nostra newsletterPuoi leggere altri miei articoli cliccando su *questa pagina*. © Copyright, www.psicoadvisor.com – Tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche

Previous

Gli opposti si attraggono: leggenda o realtà?

Correlazione tra Serotonina e depressione

Next